Zazie nel metr?1960

SCHEDA FILM

Zazie nel metrò

Anno: 1960 Durata: 92 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Louis Malle

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.66) - EASTMANCOLOR

Tratto da:romanzo omonimo di Raymond Queneau (Ed. Einaudi)

Produzione:NOUVELLES ÉDITIONS DE FILMS (NEF)

Distribuzione:GLOBE FILMS INTERNATIONAL - DOMOVIDEO

ATTORI

Catherine Demongeot nel ruolo di Zazie
Philippe Noiret nel ruolo di Zio Gabriel
Hubert Deschamps nel ruolo di Turandot
Carla Marlier nel ruolo di Zia Albertine
Annie Fratellini nel ruolo di Mado
Marc Doelnitz nel ruolo di Sig. Coquetti
Nicolas Bataille nel ruolo di Fédor
Irène Chabrier nel ruolo di Donna in piedi
Yvonne Clech nel ruolo di Vedova Mouaque
Odette Picquet nel ruolo di Mme Lalochere, madre di Zazie
Jacques Dufilho nel ruolo di Ferdinand Grédoux
Vittorio Caprioli nel ruolo di Trouscaillon Pedro
Antoine Roblot nel ruolo di Charles
Arlette Balkis nel ruolo di Donna in piedi
Little Bara nel ruolo di Uomo in piedi
Jean-Yves Bouvier nel ruolo di Uomo in piedi J.Y. Bouvier
Sacha Distel nel ruolo di Se stesso (cameo)
Jacqueline Doyen nel ruolo di Donna in piedi
Georges Faye nel ruolo di Uomo in piedi
Jacques Gheusi nel ruolo di Il gestore
Louis Lalanne nel ruolo di L'amante di Jeanne
Virginie Merlin nel ruolo di Donna in piedi
Jean-Pierre Posier nel ruolo di Uomo in piedi J.P. Posier
Paul Vally nel ruolo di Uomo in piedi
Christine Howard
 

SOGGETTO

Queneau, Raymond
 

MONTAGGIO

Peltier, Kenout
 

SCENOGRAFIA

Evein, Bernard
 

COSTUMISTA

Doelnitz, Marc
 

EFFETTI

Locafilms

TRAMA

Zazie, un'impertinente bambina di dodici anni, trascorre due giorni a Parigi a casa di alcuni parenti in modo che la madre possa passare un po' di tempo col suo amante. Zazie, abituata a vivere in provincia, sogna di andare in metrò e quando lo trova chiuso per sciopero sfugge alla custodia dello zio. L'incontro con vari personaggi stravaganti scatena le sue argute osservazioni che rivelano l'assurdità del mondo degli adulti. Al termine del suo soggiorno dirà "Sono invecchiata".

CRITICA

"Il film, dal linguaggio disarticolato, è condotto con un ritmo quasi allucinante, con un velocissimo succedersi di 'gag' che, se testimoniano dell'abilità puramente tecnica del regista, rimangono confinate nello stretto ambito di un piuttosto cinico divertimento d'intellettuale." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 50, 1961)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica