Wonder Woman2017

SCHEDA FILM

Wonder Woman

Anno: 2017 Durata: 141 Origine: USA Colore: C

Genere:AVVENTURA, AZIONE, FANTASY

Regia:Patty Jenkins

Specifiche tecniche:PANAVISION PANAFLEX MILLENNIUM XL2, 35 MM/65 MM STAMPATO A 35 MM/D-CINEMA (1:2.35), 3D - TECHNICOLOR

Tratto da:personaggio creato da William M. Marston

Produzione:CHARLES ROVEN, DEBORAH SNYDER, ZACK SNYDER, RICHARD SUCKLE PER ATLAS ENTERTAINMENT, CRUEL & UNUSUAL FILMS, DC ENTERTAINMENT, WARNER BROS., IN ASSOCIAZIONE CON RAT-PAC DUNE ENTERTAINMENT LLC

Distribuzione:WARNER BROS. PICTURES ITALIA

ATTORI

Gal Gadot nel ruolo di Diana Prince/Wonder Woman
Chris Pine nel ruolo di Capitano Steve Trevor
Connie Nielsen nel ruolo di Regina Hippolyta
Robin Wright nel ruolo di Generale Antiope
Danny Huston nel ruolo di Generale Erich Ludendorff
David Thewlis nel ruolo di Sir Patrick
Saïd Taghmaoui nel ruolo di Sameer
Ewen Bremner nel ruolo di Charlie
Eugene Brave Rock nel ruolo di Chief
Lucy Davis nel ruolo di Etta Candy
Elena Anaya nel ruolo di Maru/Doctor Poison
Lisa Loven Kongsli nel ruolo di Melanippe
Samantha Jo nel ruolo di Euboea
Florence Kasumba nel ruolo di Senatrice Acantha
Mayling Ng nel ruolo di Orana
Dominic Kinnaird nel ruolo di Rüdiger Gerhard
Eleanor Matsuura nel ruolo di Epione
Madeleine Vall nel ruolo di Egeria
Doutzen Kroes nel ruolo di Venelia
Brooke Ence nel ruolo di Penthiselea
Ann Ogbomo nel ruolo di Phillipus
Jacqui-Lee Pryce nel ruolo di Niobe
Ann Wolfe nel ruolo di Artemis
Emily Carey nel ruolo di Diana a 12 anni
Lilly Aspell nel ruolo di Diana a 8 anni
 
 

MONTAGGIO

Walsh, Martin
 

SCENOGRAFIA

Bonetto, Aline
 

COSTUMISTA

Hemming, Lindy

TRAMA

Diana Prince era la principessa delle Amazzoni, cresciuta su un'isola paradisiaca al riparo dal mondo esterno e formatasi come guerriera invincibile. L'arrivo di un pilota americano, schiantatosi sulle coste e il suo racconto riguardo al violento conflitto che si sta scatenando oltre quei confini, inducono Diana a lasciare la propria casa, convinta di poter fermare la minaccia. Combattendo al fianco degli esseri umani in una guerra che porrà fine a tutte le guerre, lei scoprirà i suoi poteri e il suo vero destino.

CRITICA

"Bella, bruna, imbronciata dea soldatessa e miss Israele, Gal Gadot, dopo 'Fast and Furious', porta la spada, la cintura di Gea, la tiara telepatica, capelli al vento, lazo d'oro forgiato da Efesto, body-corazza in attesa che scoppi la Pace, certa che l'uomo si diverta di più con la guerra. Il male sta dentro, lei la pensa come Camus: ha poteri sovrumani ma capisce anche di morale corrente e di Londra dice che è atroce. Super eroina che trasborda dall'era omerica al 1918, per la prima metà del lungo film di Patty Jenkins (prima donna a dirigere super eroi) è divertente nella sproporzione tra l'ambizione etica filosofica e il gusto camp-vintage-kitch con cui si esprime, alzando il ridicolo dei dialoghi di Allan Heinberg: «Che la forza sia con voi»." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 1 giugno 2017) "(...) non sapremmo dire se con spirito femminista o meno - la Jenkins, senza addentrarsi in cupi meandri pseudofilosofici, opta per una chiave di racconto di ingenua semplicità. La sua Wonder Woman non sta lì a porsi problemi esistenziali. Per lei il quadro è chiaro: la pace è giusta, la guerra è sbagliata; quindi il suo compito è neutralizzare Ares, il bellicoso dio della guerra figlio di Giove. (...) Come la sua eroina la Jenkins procede impavida, mescolando con hollywoodiana spensieratezza formale un Eden ellenico a un devastato scenario europeo 1917. Tuttavia il copione non manca di spunti divertenti, l'ingenuità di recitazione della Gadot è in linea con il personaggio, Pine è al solito brillante. Insomma, pop corn e bibita, le due ore scorrono piacevoli." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 1 giugno 2017) "Sapiente coacervo di epica e di ironia, l'avventura trascina malgrado qualche finale in eccesso." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 1 giugno 2017) "(...) il film è anche piacevole, si lascia vedere senza colpo ferire, è grazioso, flessuoso e rassicurante come l'israeliana Gal Gadot, e che volete, che vogliamo di più? Nulla, tocca accontentarsi in quota rosa dell'assenza di sguardi (leggi: inquadrature) voyeuristici, erotizzanti persino lascivi sulla Gadot, e per questo colpo alla botte 'femminista' ecco arrivare un colpo al cerchio 'maschilista': le bionde, statuarie e indomite Connie Nielsen e Robin Wright (...)." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 1 giugno 2017) "Da Monster a Wonder. C'è sempre una donna dietro tutto ciò. La 'woman' in questione si chiama Patty Jenkins, geniale in passato per aver imbruttito una magnifica Charlize Theron da Oscar ('Monster') e forse ancora più brava, oggi, ad aver diretto come prima regista nella storia del cinema un blockbuster cinecomic da 120 milioni di dollari impegnato a imporre nell'immaginario collettivo una supereroina con film tutto suo: 'Wonder Woman'. Molti ricordano la serie tv leggermente pacchiana dei 70 (...) con la florida Lynda Carter. Adesso tocca all'ex modella israeliana Gal Gadot (...). Questo è il film sulle origini della nuova rilettura del personaggio nato nei fumetti Dc del 1941 dalla mente di due maschi al secolo William Moulton Marston e Harry G. Peter. (...) Il cuore della pellicola è una commedia ben scritta: la cocciuta ma adorabile Diana Prince insegue Ares attorniata da maschietti a metà tra l'atterrito e l'esaltato, costantemente indecisi circa la sanità mentale di questa ragazzona mozzafiato. Dolce ed efficace anche la storia d'amore con l'agente segreto yankee di un ispirato e umanissimo Chris Pine (...). Gal Gadot? Non eccezionale nelle scene d'azione (il comparto spettacolare è quello più zoppicante) ma vivace e spiritosa. (...) L'opera della Jenkins è (...) frizzante e a tratti gioiosa. Ci voleva una donna al comando per ingentilire il tetro universo della casa editrice di Batman. Critica nordamericana non spaventata affatto, anzi talmente eccitata da gridare quasi al capolavoro. Non è vero. Ma non vediamo l'ora di ammirare ancora Diana in azione." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 1 giugno 2017) "Piacerà certamente alla crescente schiera dei fan di Gal Gadot (ex miss Israele, ex ufficiale dell'esercito, il che spiega la sua estrema credibilità quando stende degli omaccioni a mani nude). Gadot a parte, gli artefici del film (il produttore Snyder e la regista Patty Jenkins) hanno fatto di tutto perché il prodotto non fosse inferiore agli altri film tratti dai fumetti della DC comics. Oddio, qualcuno dei fan dei DC obbietterà che in fatto di scontri apocalittici il film non dà moltissimo. E qualcun altro che in genere non va matto per le trasposizioni dalle nuvolette, storcerà il naso davanti a 'vilains' che sono appunto da fumetto (caricaturali, a una sola dimensione). Però è il caso di avvertire che 'Wonder Woman' molte cartucce del suo repertorio le spara bene. L'ambientazione è azzeccata (bell'idea quella di averla trasportata dall'originale del 1941 al 1918). Ed è molto molto gradevole la scelta di aver pigiato sul pedale dell'ironia." (Giorgio Carbone, 'Libero', 1 giugno 2017) "Ci hanno messo 76 anni per fare un film sull'eroina DC Comics; tempo sprecato. Una pellicola a tratti ridicola (lo scontro finale), scritta male, con pessimi effetti speciali, che sciupa la bravura della bella Gal Gadot." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 1 giugno 2017) "Se si batte un po' la fiacca tra scudo e spada dell'amazzone e le trincee tedesche, è più divertente il gioco di costume&società nella Belle Epoque dove i super poteri sono super parole. Fattura digitale ok, produce lo Snyder di 'Batman v Superman'. Per la Gadot nuovo tentativo di voltare da modella ad attrice." ('Nazione-Carlino-Giorno', 1 giugno 2017)

Trova Cinema

Box office
dal 17 al 20 agosto

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Homecoming  720.617
    Spider-Man: Homecoming

    Entusiasta della sua esperienza con gli Avengers, Peter torna a casa, dove vive con la zia May, sotto l'occhio vigile del suo nuovo mentore Tony Stark. Peter cerca di tornare alla sua routine quotidiana - distratto dal pens...

  2. 2. The War - Il pianeta delle scimmie  568.900
  3. 3. USS Indianapolis  265.667
  4. 4. Prima di domani  264.104
  5. 5. Transformers - L'ultimo cavaliere  82.076
  6. 6. Wish Upon  44.840
  7. 7. 2:22 - Il destino è già scritto  39.585
  8. 8. Black Butterfly  35.720
  9. 9. CHIPS  31.642
  10. 10. Savva  27.027

Tutta la classifica