Wall Street: il denaro non dorme mai2010

SCHEDA FILM

Wall Street: il denaro non dorme mai

Anno: 2010 Durata: 127 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Oliver Stone

Specifiche tecniche:ARRICAM LT, ARRICAM ST, SUPER 35 (3-PERF) 35 MM (1:2.35)

Tratto da:-

Produzione:OLIVER STONE, MICHAEL DOUGLAS, ERIC KOPELOFF, EDWARD R. PRESSMAN PER EDWARD R. PRESSMAN FILM

Distribuzione:20TH CENTURY FOX ITALIA

ATTORI

Michael Douglas nel ruolo di Gordon Gekko
Shia LaBeouf nel ruolo di Jacob Moore
Josh Brolin nel ruolo di Bretton James
Carey Mulligan nel ruolo di Winnie Gekko
Eli Wallach nel ruolo di Jules Steinhardt
Susan Sarandon nel ruolo di Sylvia Moore
Frank Langella nel ruolo di Lewis Zabel
Charlie Sheen nel ruolo di Bud Fox
Vanessa Ferlito nel ruolo di Audrey
Julianne Michelle nel ruolo di Natasha
John Bedford Lloyd nel ruolo di Bill Clark
Keith Middlebrook nel ruolo di Clark Wildman
 
 
 

SCENOGRAFIA

Zea, Kristi
 

COSTUMISTA

Mirojnick, Ellen
 

EFFETTI

Graff, Paul

TRAMA

Alle soglie della crisi economica internazionale che rischia di minare le fondamenta del mondo finanziario del terzo millennio, Jacob, un giovane agente di borsa, si unisce all'ex uomo d'affari Gordon Gekko per tentare di avvisare la comunità dell'imminente disastro. Nel frattempo, i due cercheranno anche di scoprire l'autore dell'omicidio del mentore di Jacob.

CRITICA

"Attesa anche per il nuovo 'Wall Street' di Oliver Stone, film fuori concorso che vede il ritorno di Gekko (Michael Douglas). Nonostante i disastri finanziari dell'ultima volta si aggira ancora come uno squalo predatore nei territori dell'alta finanza ma non ha capito che questa volta è lui una possibile vittima. C'è di mezzo anche un figlio e la nuova finanza non è un territorio per vecchi." (Giorgio Carbone 'Libero', 14 maggio 2010) "Vista con gli occhi del cinema, la Grande Crisi vola sulle ali del romanzo o del melodramma. Ma se è a cura della premiata ditta Oliver Stone - Michael Douglas, la lettura dei fatti offre spunti utili anche a chi stia più attento ai fenomeni dell'economia che a quelli di Hollywood. Basta leggere i resoconti da Cannes dove è stato proiettato 'Wall Street 2 - I soldi non dormono mai'. (...) La morale di fondo ruota intorno a tre argomentazioni che ci riportano alla cronaca di questi giorni. E che prefigurano un futuro ideale sì, ma non si sa quanto possibile. (...) Douglas&Stone si riaffacciano in Borsa 23 anni dopo il debutto, e scoprono che il capitalismo sta peggio di come l'avevano lasciato. E' in crisi, non si è riformato, anzi: non si è adeguato, non è migliorato, né sembra in grado di farlo. Almeno per ora. (...) In tempi di crisi, i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri? Se lo chiedete al regista, cercherà di dimostrarvi che è vero raccontando, come ha fatto a Cannes, la sua storia di risparmiatore che cerca di affidare a qualcuno i suoi soldi ma invano perché, gli dicono, «ne ha troppo pochi». Se lo chiedete a Douglas, vi svelerà che alla fine Gekko 2 butta via la sua pelle di squalo e riscopre i valori veti della vita. Stone, figlio di un agente di cambio che anteponeva gli interessi dei clienti ai suoi, annuisce convinto. Chissà che il futuro del capitalismo non sia proprio quello di diventare un po' più umano e di smetterla di crescere su montagne di carta. Questo è il film, la realtà chissà..." (Bruno Manfellotto, 'Il Mattino', 16 maggio 2010) "Non serviva un seguito di Wall Street , ma Oliver Stone ora con i baffi da dittatore sudamericano graziosamente ce lo impone, assieme a qualche lezioncina morale." ('Il Foglio', 15 maggio 2010) "Oliver Stone, regista rozzo ma efficace, capace di suscitare negli spettatori rabbie, entusiasmi, sdegni, non è fatto per la complessità delle crisi. Se nel primo 'Wall Street' del 1987 aveva saputo raccontare bene le infamie del capitalismo selvaggio e del suo esemplare rappresentante Gordon Gekko (Michael Douglas) finito in galera, in questo secondo 'Wall Street' sa raccontare l'origine della crisi finanziaria mondiale e le infamie delle grandi banche soprattutto americane. Ma presto dimentica la crisi, e colma i vuoti con la retorica dei bellissimi grattacieli e delle cifre luminose danzanti, con lo schermo diviso in due o quattro parti, con il conflitto padre-figlia e altri sentimentalismi. In sostanza il film non rivela nulla e dice poco, soltanto cose che già sapevamo dai giornali o dalla tv. (...) Non che Oliver Stone sia l'unico a non aver saputo affrontare con migliori chiarimenti e spiegazioni questa materia molto spinosa: è andato così un po' per tutti i mezzi di comunicazione. Fino a un certo punto (diciamo un quarto o poco più) il film è interessante; poi si sfilaccia, si trascina. Michael Douglas è molto sciupato ma sempre glamour; Shia LaBoeuf, con il suo faccino, non sembra mai essere andato oltre i tredici anni." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 22 ottobre 2010) "Sorpresa. Dopo gli ultimi scivoloni la Borsa del cinema dava Oliver Stone in caduta libera. Invece 'Wall Street - Il denaro non dorme mai' rende vivace e palpitante il fronte di guerra più diffuso, benché immateriale, dei nostri giorni: la finanza. Traducendo in termini di (buon) cinema di genere perfino il crack del 2008, anche se Stone non va davvero fino in fondo. Oggi infatti per conquistare uno Stato basta un computer. (...) Anche se le armi qui sono pareti di schermi al plasma, consigli d'amministrazione, insider trading. O serate di beneficenza che dietro la facciata di lifting e sorrisi coprono sanguinose rese dei conti. Anche perché nel frattempo scoppia la Grande Crisi dei subprime, l'America va in bancarotta, i finanzieri iniziano ad azzannarsi tra loro (grande 'cameo' del vecchio Eli Wallach). E Stone, servito dall'affilato copione dell'ex-trader Allan Loeb (...), malgrado l'epilogo trito e convenzionale, ritrova la sua grinta migliore. New York non scintillava così da prima dell' 11 settembre. Sarà Rimozione o Restaurazione?" (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 22 ottobre 2010) "Se tu smetterai di dire menzogne su di me, io smetterò di dire la verità su di te», battuta multiuso di 'Wall Street: Money Never Sleeps', che fotografa lo stato delle cose, dall'Italia di oggi fino a Wall Street col segno meno. (...) Oliver Stone intuisce anche oggi come allora che non c'è rimedio, nessun circolo virtuoso sostituirà quello vizioso. Si tratta di cambiare passo. (...) In questa visione in nero, però, Stone indica più che la perversione ontologica della finanza, i suoi limiti. Il crack è endemico e alla lunga esiziale." (Mariucca Ciotta, 'Il Manifesto', 22 ottobre 2010) "L'unico sequel di Oliver Stone riparte dal corporate trader Gordon Gekko, che valse l'Oscar a Michael Douglas, ma dopo 23 anni il cattivo non è più lui: la sua avidità (greed) ora è il Dna delle banche d'affari. (...) Comunque, qualcosa è cambiato, ma in peggio: 'Wall Street 2' crede ancora che fare nomi e cognomi dei falchi, ovvero cercare un colpevole in carnee ossa, sia la via d'uscita da crisi e speculazioni. Beata illusione, e quanto ci manca il vecchio Gekko: se rimane avido e ambiguo, è un relitto che (ri)cerca famiglia." (Federico Pontiggia,'Il Fatto Quotidiano', 21 ottobre 2010)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica