SCHEDA FILM

Voy a explotar

Anno: 2008 Durata: 106 Origine: MESSICO Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Gerardo Naranjo

Specifiche tecniche:CINEMASCOPE (1:2.35)

Tratto da:-

Produzione:CANANA FILMS, CINEMATOGRAFICA REVOLCADERO, FIDECINE, INSTITUTO MEXICANO DE CINEMATOGRAF═A (IMCINE), VERISIMILITUDE

Distribuzione:-

 

SCENEGGIATORE

Naranjo, Gerardo
 
 

MONTAGGIO

Assaud, Yibran
 

SCENOGRAFIA

Castelli, Claudio

TRAMA

Guanajuato, in Messico. Gli adolescenti Roman e Maru decidono di scappare insieme in un luogo segreto. Lui Ŕ un quindicenne con fantasie violente, lei Ŕ un'adolescente introversa cresciuta in una famiglia piccolo borghese. La loro nuova avventura porterÓ i due ragazzi, rinchiusi nei limiti del paradiso che so sono costruiti, a scoprire emozioni e sentimenti a loro sconosciuti. Quando, per˛, decideranno di uscire nel mondo reale, le ferite diventeranno vere e le azioni avranno serie conseguenze.

CRITICA

"Una sbirciatina allo stile di Godard anni '60, un pezzetto di anima adolescenziale alla Antoine Doinel dell'amato Truffaut ed ecco le evocative linee portanti del messicano 'Voy a explotar'. Giusto per controbattere a chi continua a dire che la Nouvelle Vague non Ŕ servita a rivoluzionare esteticamente il cinema, il film di Gerardo Naranjo conferma quanto, invece, i figliocci di Bazin avessero ragione. Il cinema di papÓ Ŕ morto. E non importa se in fondo la folla ne gode ancora i purulenti cascami. Naranjo fa sul serio, scombina i piani e i tempi della visione per raccontare, guarda caso, di una ribellione giovanile, di un concitato sogno adolescenziale di fuga dal mondo degli adulti. (...) Maru e Roman sono Bonnie e Clyde, sono Kit e Holly de 'La rabbia giovane'. Si ribellano alla pompositÓ, volgaritÓ e piagnucoleria dei genitori, all'ignoranza della tv, all'arretratezza di un Messico che assiste basito ai lati della strada da loro battuta. Naranjo si affida alla spontaneitÓ dei due giovanissimi attori, usa una molteplice varietÓ di punti macchina per fendere ed esplorare freneticamente lo spazio. La musica degli U2 e degli Smith si mescola al pop-folk messicano entrando ed uscendo da un oggetto camp come un vecchio walkman indossato dai due ragazzini. Si respira aria di purezza, di sinceritÓ, di voglia di ridere, urlare, esplodere ed invadere l'immaginario dello spettatore, con annessa lacrimona a chiusura del sipario. Speriamo di vederlo sugli schermi italiani senza ritrosie distributrici". (Davide Turrini, 'Liberazione', 2 settembre 2008)

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica