Vogliamo vivere!1942

SCHEDA FILM

Vogliamo vivere!

Anno: 1942 Durata: 99 Origine: USA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Ernst Lubitsch

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:ERNST LUBITSCH PER ROMAINE FILM CORPORATION

Distribuzione:ENIC (1942), TEODORA FILM (2013) - FONIT CETRA VIDEO, M & R, SKEMA, MONDADORI VIDEO, CDE HOME VIDEO, GRUPPO EDITORIALE BRAMANTE

ATTORI

Carole Lombard nel ruolo di Maria Tura
Jack Benny nel ruolo di Joseph Tura
Robert Stack nel ruolo di Tenente Stanislas Sobinski
Felix Bressart nel ruolo di Greenberg
Lionel Atwill nel ruolo di Rawitch
Stanley Ridges nel ruolo di Professor Siletsky
Sig Ruman nel ruolo di Colonnello Ehrhardt
Tom Dugan nel ruolo di Bronski
Charles Halton nel ruolo di Dobosh
George Lynn nel ruolo di L'attore
Henry Victor nel ruolo di Capitano Schultz
Maude Eburne nel ruolo di Anna
Halliwell Hobbes nel ruolo di Generale Armstrong
Miles Mander nel ruolo di Maggiore Cunningham
Alec Craig nel ruolo di Contadino scozzese (non accreditato)
Armand 'Curly' Wright nel ruolo di Truccatore (non accreditato)
Edgar Licho nel ruolo di Suggeritore (non accreditato)
Ernö Verebes nel ruolo di Direttore di scena (non accreditato)
Erno Werebes nel ruolo di Direttore di scena
Gene Rizzi nel ruolo di Pilota polacco (non accreditato)
Helmut Dantine nel ruolo di Pilota tedesco (non accreditato)
John Kellogg nel ruolo di Ufficiale della RAF (non accreditato)
Maude Edburn nel ruolo di Anna
Maurice Murphy nel ruolo di Pilota polacco (non accreditato)
Olaf Hytten nel ruolo di Polacco a Varsavia (non accreditato)
Otto Reichow nel ruolo di Pilota (non accreditato)
Robert Varno nel ruolo di Pilota (non accreditato)
Wolfgang Ziler nel ruolo di Libraio
Wolfgang Zilzer nel ruolo di Libraio (non accreditato)
 

SCENEGGIATORE

Mayer, Edwin Justus
 
 

MONTAGGIO

Spencer, Dorothy
 
 

COSTUMISTA

, Irene
 

TRAMA

Alla vigilia dell' ultima guerra mondiale una compagnia di artisti polacchi deve mettere in scena una commedia antinazista, ma gli eventi precipitano e ben presto Varsavia è alla mercé del governatore tedesco. Gli artisti che hanno dovuto smettere di recitare hanno però costituito un attivo centro di resistenza e, grazie ai costumi che avevano pronti per la commedia, giocano una serie di beffe agli oppressori, riuscendo alla fine a mettersi in salvo in Inghilterra servendosi dell'aereo di Hitler.

CRITICA

"Succede anche questo. Che un film come 'To Be or Not To Be' (1942) risulti pericoloso: non si finirebbe mai di parlarne e vedere in seguito altri film potrebbe procurare reazioni allergiche. Se mobilitare i cinéfili per l'epifania in sala della copia restaurata e in versione originale sottotitolata del penultimo film di Ernst Lubitsch è cosa buona e giusta, non è superfluo ricordare come il suo culto, a prima vista scontato, sia in realtà un fenomeno relativamente recente. La scarsa attenzione riservata ai film dell'ebreo berlinese prima in Europa e poi negli Usa e il silenzio che seguì alla prematura morte per infarto (1947) significano ancora poco o nulla rispetto a quanto pensavano di lui i più autorevoli (?) studiosi e critici dell'epoca. (...) Fino a quando i 'Cahiers du Cinéma' e in particolare il nostro mai troppo venerato redentore François Truffaut non rimisero le cose a posto, permettendoci adesso di raccomandare senza sforzi eroici il recupero di quest'autentico guinness della commedia (da oggi in sala anche a Napoli, al Metropolitan). Un perfetto meccanismo di sostituzioni en travesti; un delizioso sberleffo all'orrore nazista; un inno al narcisismo del recitare sulla scena e nella vita; un pacifismo che adora le guerre (per lo champagne, i sigari e le belle donne)." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 13 giugno 2013) "Anche la distribuzione italiana ha imparato finalmente l'arte di riproporre su grande schermo capolavori del passato. Malgrado i tempi cupi in cui si svolge, il film di Lubitsch resta uno dei più esilaranti di sempre e il suoi perfetti 'tempi' comici funzionano oggi con la stessa precisione di settant'anni fa. Anche presso il pubblico dei giovani, che restano sedotti dalle sue memorabili gag: vedi, tra tutte, quella della barba finta con cui Tura, che ha preso le sembianze di una spia, si fa beffe del colonnello nazista. Coevo del 'Grande dittatore' di Chaplin, altra grande commedia sulla tragedia del Novecento. Il remake del 1983, malgrado la buona volontà di Mel Brooks, non regge il confronto." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 30 maggio 2013) "Il miglior film dell'anno ha 71 anni: è stato girato nel 1942 e possiamo già dirvi che in questo 2013 non può capitarvi nulla di meglio. Non fatevi fuorviare dal titolo originale: è proprio 'Vogliamo vivere!', capolavoro anti-nazista di Lubitsch girato nel pieno della seconda guerra mondiale. La Teodora di Vieri Razzini ha avuto la magnifica idea di farlo tornare nelle sale, approfittando di un restauro digitale che riporta la fotografia di Rudolph Maté (futuro grande regista) allo splendore degli anni '40. E' doveroso avvertirvi che le proiezioni sono in originale con sottotitoli. Anche per questo è stato ripristinato il titolo inglese, del resto doveroso: tutta la trama gira attorno al proverbiale monologo di Amleto, «essere o non essere»... e del resto un remake del film, girato da Mel Brooks nel 1983, si intitolava 'Essere o non essere' anche in Italia. Pur con tutto il suo fragoroso talento e la sua debordante simpatia, Brooks non era stato all'altezza di Lubitsch, ma non si può fargliene una colpa: nessuno è all'altezza di Lubitsch, nessuno lo è mai stato né mai lo sarà. Quando si tratta di commedia sofisticata, è il numero 1. Al massimo, se si parla di comicità cinematografica in senso lato si dovrebbe metterlo in competizione con Charlie Chaplin e Buster Keaton (bel podio, eh?). E anche il successo (nel 1940) del 'Grande dittatore' di Chaplin ebbe sicuramente un ruolo nel convincere il produttore Alexander Korda e la United Artists a gettarsi in un'impresa che a guerra in corso era rischiosa. Il film, infatti, parla di Hitler senza mezzi termini, ed è una ferocissima satira del nazismo ambientata nella Polonia occupata. Solo Lubitsch poteva riuscirci, con il decisivo apporto di Melchior Lengyel (soggetto originale) e di Edwin Justus Mayer (sceneggiatura). Il risultato fu un film perfetto, dai meccanismi comici fulminanti, e con alcuni passaggi nei quali viene restituita, al pubblico americano da poco coinvolto in un conflitto ancora geograficamente lontano, l'orrore della guerra che si combatteva sul suolo europeo. (...) La battuta più famosa del film è nel dialogo tra Joseph Tura, travestito da ufficiale tedesco, e un vero nazista. L'attore è talmente impudente da chiedere al nemico se ha mai visto in teatro «il grande, grande attore Joseph Tura»... cioè, se stesso! E il nazista gli risponde: «L'ho visto una volta, faceva Amleto. Trattava Shakespeare come noi trattiamo la Polonia». E' solo una delle tante, meravigliose situazioni che potrete vedere e sentire in inglese in questa riedizione che merita tutto il nostro tifo. In autunno uscirà un dvd con la versione restaurata. Ma intanto, vedere 'To Be Or Not To Be' dove è nato - al cinema - è un'occasione imperdibile." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 30 maggio 2013) "Restaurato e rimasterizzato di recente da Studio Canal, esce nelle sale uno dei capolavori del cinema classico firmato da Ernst Lubitsch nel 1942. Da molti considerata l'emblema del 'Lubitsch touch', questa commedia sofisticata è una vera risposta resistente agli orrori della guerra e del Nazismo da parte di un autore che in ogni occasione - e qui meglio di sempre - non ha mai tradito l'eccellenza artistica. L'occasione di rivedere un tale masterpiece sul grande schermo si deve allo sforzo di Teodora, cine-distributore di qualità che da anni si dedica anche alla diffusione del cinema del Maestro tedesco." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 30 maggio 2013) "Come tutti i film di Ernst Lubitsch - questo tedesco emigrato in America nel 1922, su invito di Mary Pickford - 'To Be Or Not To Be' è un'opera memorabile, uno spasso prolungato che corre sul filo del desiderio e, insieme, del terrore (Hitler, i campi di concentramento, la distruzione di Varsavia donano al film un alone luttuoso, di minaccia incombente). Ma si ride del «maestro» Joseph Tura, primo attore di una bizzarra compagnia teatrale, alle prese con il famoso monologo shakesperiano dell'Amleto; ammiriamo la bellezza, la bravura di Carol Lombard; ci si commuove, e veniamo colti da uno strano brivido, mentre sullo schermo viene pronunciato e «spostato» un altro monologo, ripreso questa volta da 'II mercante di Venezia'. Ci stupiamo ancora per la perfezione della sceneggiatura: una macchina che non si inceppa mai, che macina situazioni e dialoghi perfetti, a pieno regime, senza cadute, mentre gli attori si sfidano verbalmente a velocità da formula uno. E che dire della precisione delle inquadrature? Non una di troppo, compreso tutto quello che accade fuori campo. Insomma. Hollywood al suo meglio. Da oggi in alcune sale potrete assistere ad un strano evento: sullo schermo potrebbe materializzarsi un quadrato contenente immagini mobili in bianco e nero. È la cosa più bella che possiate incontrare al cinema, oggi." (Rinaldo Censi, 'Il Manifesto', 30 maggio 2013) "Una delle più belle commedie in assoluto, uno dei vertici dell'arte del maestro Lubitsch, un film che nasce nel '42 e che mescola con grande humour la finzione del teatro alla resistenza contro Hitler (...). Un argomento tragico è trattato con grande intelligenza in chiave di commedia, dando vita a un film spiritosissimo ma che serve anche alla causa della democrazia (paragone d'obbligo col 'Grande dittatore' di Chaplin). Un cast divino, con l'ultima apparizione della bionda Carole Lombard." (Maurizio Porro, "Magazine CdS", 29 marzo 2007)

Trova Cinema

Box office
dal 19 al 22 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica