Un'ottima annata - A Good Year2006

SCHEDA FILM

Un'ottima annata - A Good Year

Anno: 2006 Durata: 118 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Ridley Scott

Specifiche tecniche:ARRICAM LT, 35 MM, SUPER 35 (1:2.35)

Tratto da:romanzo "Un'ottima annata" di Peter Mayle (Ed. Garzanti - Narratori Moderni Brossura)

Produzione:SCOTT FREE PRODUCTIONS

Distribuzione:MEDUSA

ATTORI

Russell Crowe nel ruolo di Max Skinner
Albert Finney nel ruolo di Zio Henry
Freddie Highmore nel ruolo di Max giovane
Rafe Spall nel ruolo di Kenny
Archie Panjabi nel ruolo di Gemma
Richard Coyle nel ruolo di Amis
Daniel Mays nel ruolo di Bert, il portiere
Tom Hollander nel ruolo di Charlie Willis
Didier Bourdon nel ruolo di Francis Duflot
Isabelle Candelier nel ruolo di Ludivine Duflot
Marion Cotillard nel ruolo di Fanny Chenal
Kenneth Cranham nel ruolo di Sir Nigel
Valeria Bruni Tedeschi nel ruolo di Nathalie Auzet
Magalie Woch nel ruolo di Segretaria Magali Woch
Jacques Herlin nel ruolo di Papa Duflot
Abbie Cornish nel ruolo di Christie Roberts
Catherine Vinatier nel ruolo di Madre di Fanny
 

SOGGETTO

Mayle, Peter
 

SCENEGGIATORE

Klein, Marc
 
 

MONTAGGIO

Dorn, Dody
 

SCENOGRAFIA

Klaus, Sonja
 

TRAMA

Alla morte dello zio Henry, l'inglese Max Skinner, uomo d'affari di successo, viene chiamato da un notaio a recarsi in Provenza per la lettura del testamento. Sono passati tanti anni da quando Max passava le sue estati in Francia a la Siroque, la tenuta dello zio che gli ha dato tanti insegnamenti di vita. Tuttavia, per anni Max non è più ritornato in quei luoghi e ha completamente interrotto ogni rapporto con l'anziano parente, ed ora, giunto sul posto, i ricordi riaffiorano alla mente così come tornano ad affacciarsi i volti noti. A turbare il suo soggiorno in Francia intervengono una serie di imprevisti tra cui un'indagine sui suoi affari in Inghilterra e l'arrivo di Christie Roberts, una ragazza di Napa Valley che si dichiara figlia illegittima dello zio Henry...

CRITICA

"Ancora Russel Crowe con Ridley Scott. Questa volta, però, non combatte nelle arene sotto l'armatura del gladiatore, ma nella City londinese, nelle vesti di un finanziere pronto a sconfiggere i concorrenti con spericolatissimi colpi in borsa, ai limiti della illegalità. (...) Sembra, specie al momento di concludere, una storia un po' facile, sulle orme di un romanzetto riscritto per lo schermo da Marc Klein, l'autore di 'Serendipity'. Ridley Scott, però, dividendola in due momenti precisi, ne ha ricavato uno spettacolo che riesce a tener desta l'azione, con simpatia, dal principio alla fine. Divertendo spesso, con i modi della commedia. Il primo movimento si stringe attorno al protagonista nella City e, subito dopo, al suo spostamento frettoloso e distaccato in Provenza. In cornici nebbiose e metalliche fino ad essere spettrali, si lasciano predominare dei ritmi sempre in corsa in cui le gesta del finanziere nell'impresa di cui è a capo e in borsa sono rappresentate senza mai una sosta, incisive, martellanti, spesso addirittura mozzafiato. E così nelle prime pagine in Provenza quando il protagonista, sempre trascinato dai suoi modi fulminei, si comporta lì esattamente come il cinico squalo che era nella City. Il secondo movimento muta tutto gradualmente: per l'infanzia, lo zio, i giochi, quindi per il fascino di quelle vigne e di quella produzione del vino cui lo zio aveva dedicato la vita e che adesso, nelle cornici affascinanti e dorate del sud della Francia, tutte panorami quasi incantati, provocano nel protagonista, anche a causa di un incontro sentimentale, un capovolgimento totale di atteggiamenti. Che gli darà ragioni nuove di vita. Con sentimento, appunto, ma anche qua e là, con umorismo sottile, mentre, grazie al tocco molto sensibile della regia di Scott, i ricordi di infanzia, sempre indicativi, si inseriscono nell'azione al presente senza mai una frattura. Con equilibri sicuri. La sostiene, non più in cifre drammatiche, Russel Crowe, con un intimismo molto fine. Lo zio, colorito con pacate misure, è Albert Finney, saldo come sempre." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 14 dicembre 2006) "Piacerà a chi sostiene che la vita è fatta di piccole cose e quindi andrà in brodo di giuggiole vedendo le piccole apprezzate anche da uno squalo della finanza londinese." (Giorgio Carbone, 'Libero', 15 dicembre 2006) "Non è facile per uno che usa il bazooka colpire di fioretto. La commedia sentimentale non è pane per i denti di Sir Ridley Scott, stilista dell'immagine potente alla 'Alien', 'Blade Runner' e 'Il gladiatore', considerato un tempo il fratello più bravo di Tony. Attenzione Ridley perché 'Un'ottima annata' potrebbe togliere il titolo. Il film è simpatico ma ammorbante tanto è pieno di elefanti in un solo negozio di cristalleria. I pachidermi sono Scott e il protagonista Russel Crowe, broker londinese cinico e solo che finisce al sole cocente delle vigne francesi per un'improvvisa eredità. (...) Scott prova a inquadrare le emozioni ma perde la testa per una partita di tennis che trasforma in guerra (la scena migliore). Lasciamolo distrarsi un po'. L'anno prossimo arriverà l'epico 'American Gangster' con Crowe superpoliziotto contro lo spacciatore Denzel Washington. Fratello Tony, torna al tuo posto." ('Il Messaggero', 15 dicembre 2006) "Brutto 'Sotto il sole della Toscana' di Audrey Wells (2003)? Più brutto l'analogo 'Un'ottima annata' di Ridley Scott, che potrebbe intitolarsi 'Sotto il sole della Provenza', tanto vi torna il tema dell'anglosassone che ri-scopre se stesso, a contatto con la natura su uno sfondo latino. Quello di Ridley Scott ('I duellanti', 'Alien', 'Blade Runner') avrebbe potuto essere un vero film, perché è stato realizzato con ben più ampi mezzi del film della Wells. Ma subito si capisce che 'Un'ottima annata' è un superspot per la regione Rodano-Provenza. Operazione lecita, quando fa girare denaro col turismo, operazione meno lecita quando fa girare qualcos'altro allo spettatore che gli affidi il suo svago natalizio. (...) 'Un'ottima annata' ha solo rari momenti suggestivi, come quando a Crowe vengono i ricordi d'infanzia, evocati dalla casa dello zio (Albert Finney) che ha ereditato. Ma la caratterizzazione del vignaiolo locale (Jacques Herlin) è uno stereotipo del campagnolo francese, baschetto e baguette in meno. E gli altri attori sono uguali o peggiori." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 16 dicembre 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica