SCHEDA FILM

UN NERO PER CASA

Anno: 1998 Durata: 90 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:SOLARIS CINEMATOGRAFICA REALIZZATA DA ADRIANO E GUGLIELMO ARIE' PER MEDIASET

Distribuzione:-

TRAMA

Roma. L'architetto Lorenzo Paradisi coltiva il progetto - o l'utopia? - di trasformare un'area urbana degradata in centro culturale multietnico. Ma deve fare i conti con gli interessi di chi vorrebbe destinare l'area a centro commerciale. Un giorno però la sua coscienza progressista sembra offuscarsi, i suoi convincimenti sembrano crollare. E' successo che sua figlia Valentina, la sua dolce "bambina" appena diciottenne, si è innamorata di Mory, un giovane africano studente di architettura. Lorenzo è combattuto. Non vuole ammettere che i suoi principi si dimostrino inconsistenti alla prova dei fati, ma questo "nero per casa" non riesce proprio ad accettarlo, come del resto anche sua moglie Patrizia. E la verità è ancora più difficile da accettare. Dopo aver scoperto che Mory non è quello che vuol far credere di essere, di nobili origini e studente di architettura, ma un semplice "vù cumprà" come tanti altri, Lorenzo si trova a frequentare la sua famiglia e comunità di africani in cui vive, che, guarda caso, abitano proprio in quella zona degradata che egli si proponeva di rianimare. Il suo iniziale rifiuto si trasforma in curiosità e poi in interesse finché, a poco a poco, riprendono vita le idee che ha sempre professato. Ma intanto i due ragazzi, per un banale equivoco, si sono allontanati e, pur struggendosi l'uno per l'altra, non vogliono più vedersi. Toccherà proprio a Lorenzo fare il messaggero d'amore.

CRITICA

In poche parole, quella di Tracy-Hepburn è "sophisticated comedy" hollywoodiana, quella di Proietti è "amatrician comedy" romanesca. Intenti nobili, d'accordo, con gli africani che imbastiscono uno spettacolino che serve alla comprensione reciproca. Ma l'approfondimento psicologico è nullo, la trama esiste, i comprimari sotto la sufficienza. Tutto ruota attorno al mattatore, che ogni tanto ha la tentazione di scendere sul suo terreno prediletto. Il grottesco. I momenti migliori sono infatti l'intervista televisiva da marciapiedi diversi, o gli ambulanti che prima di uscire si travestono da "vù cumprà". Ma un film grottesco sarebbe troppo raffinato, con i suoi giochi di citazioni e rimandi sottili. E la neotelevisione non te lo lascia fare. (Umberto Folena, "Avvenire", 9.12.1998)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica