SCHEDA FILM

ULTIMA FERMATA BROOKLYN

Anno: 1989 Durata: 101 Origine: GERMANIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:PANORAMICA

Tratto da:TRATTO DAL LIBRO "LAST EXIT TO BROOKLYN" DI HUBERT SELBY JR.

Produzione:NEVE CONSTANTIN FILM PRODUCTION

Distribuzione:LIFE INTERNATIONAL (1989) - 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT

TRAMA

Nel 1952 (durante la guerra di Corea), nel quartiere pi¨ rovente di Brooklyn Ŕ in atto un grave sciopero, per il quale gli operai, sostenuti dai sindacalisti, picchettano i cancelli della importante ditta locale di trasporti, impedendo l'ingresso anche alla polizia. Oltre agli operai e alle loro famiglie, vive nella zona un'accozzaglia di teppisti, rapinatori, prostitute e omosessuali che contribuiscono a creare un clima di continua violenza. C'Ŕ un gruppo di giovani e crudeli delinquenti, che abitualmente aiutano un'attraente prostituta, TralalÓ, a derubare i clienti, che appositamente conduce in luoghi bui e solitari. Poi c'Ŕ Harry, Black che ha un posto di responsabilitÓ nel sindacato (al quale addebita tutte le proprie spese personali) e maltratta la moglie, dalla quale ha avuto un bambino. Egli sembra trovare l'amore solo nell'esaltante e breve relazione con un omosessuale, "Regina", per il quale perderÓ il lavoro, perchÚ non si troverÓ al suo posto proprio nel momento in cui la polizia, con un violento attacco, riuscirÓ a penetrare nello stabilimento occupato. Intanto il maturo operaio Big Joe scopre che la figlia Donna Ŕ prossima ad avere un bambino e, saputo che il responsabile Ŕ Tommy, lo obbliga a sposare la ragazza, ma non lo perdona se non dopo alcune zuffe con lui. Solo allora la famiglia potrÓ riunirsi finalmente serena intorno al neonato, dopo aver celebrato matrimonio e battesimo. Frattanto TralalÓ ha conosciuto il sottotenente Steve, che passa con lei gli ultimi due giorni che gli rimangono prima di imbarcarsi per la Corea. L'ufficiale s'innamora sinceramente della prostituta, senza sospettare quanto sia profondamente corrotta, e, quando parte, invece dei soldi attesi, le lascia una roimantica lettera d'amore. TraialÓ, abitualmente cinica, Ŕ turbata e disperata, e ubriacatasi, si offre gratis ad un gruppo di uomini sconosciuti, che abusano di lei brutalmente, lasciandola in terra tramortita e piena di lividi. Un ingenuo adolescente, di lei innamora to, la trova e la soccorre piangendo. TralalÓ trova la forza di consolarlo teneramente. Frattanto Harry, senza soldi e respinto da "Regina" sorpreso ad insidiare un ragazzo viene pestato a sangue.

CRITICA

"L'iperrealismo americano, nell'occhio di un Europeo, produce un miracolo espressionista, nelle belle luci notturne dell'operatore Stephen Czapski. Umiliazioni, sesso comprato e venduto, rapine a mano e cuore armati: Edel, pi¨ interessato al privato che al pubblico, pensa addirittura a un (Nuovo) Vecchio Testamento, ma certo la fascinazione Ŕ spesso farina del sacco letterario di Selby, che ha vissuto e sofferto coi suoi personaggi, Ŕ stato a lungo malato e oggi vive in solitudine con i suoi due pappagalli. Gli attori sono poco noti, ma meritano di diventarlo. Tutti. Dalla bionda cinica Jennifer Jason Leigh al sofferto Stephen Lang, da Alexis Arquette en travesti che organizza in un bordello gay la felicitÓ dei sensi, a Burt Young, capo famiglia che viene dalla trib¨ di 'Rocky'. In fondo gli assolo di tromba da anni '50, lunghi ululati di dolore che si perdono nel buio." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 11 Novembre 1989) "Soltanto la dimensione formalistica (non formale) lo distingue dai tanti filmacci a programma sessual-patologico-violento in circolazione. Lo dimostra la totale mancanza di simpatia per i personaggi sofferenti che in qualche caso diventa persino disprezzo, soprattutto verso quelli omosessuali. E' una mancanza di simpatia che verso il finale gli autori cercano di ribaltare nei modi turgidi di un sentimentalismo melodrammatico, cinicamente effettistico quanto lo era la compiaciuta rappresentazione della violenza. La si sente, questa mancanza di simpatia (di pietÓ, di solidarietÓ), persino nelle scene di sciopero e nella battaglia contro la polizia ai cancelli della fabbrica picchettata, che pur non manca di forza spettacolare." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 14 Novembre 1989) "Dopo lo zoo di Berlino, prostituzione e droga ('Christiana F. - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino'), il regista tedesco Uli Edel si rivolge all'inferno, o a certi inferni, di Brooklyn: sulla scorta di un romanzo iperrealista di Hubert Selby, 'Ultima fermata Brooklyn', che, uscito in America nel '64, suscit˛ molto scalpore: per un linguaggio duro e impietoso, perfino pi¨ aggressivo di quello degli autori della Beat Generation, e per un intreccio in cui il sesso e la violenza, il vizio ed i furori erano rappresentati in modo totalmente scoperto, senza nessuna reticenza. (??) Il critico ha il dovere di rilevarlo, come spettatore, per˛ - e per lo spettatore - non pu˛ farlo a meno di sentirsi comunque infastidito. Dovendo scegliere, non sarebbe questo il film che sceglierebbe di vedere. Nel coro, spicca qualche singolo interprete di un certo peso: Stephen Lang, giÓ visto in 'Fuga dal futuro' di Kaplan, nel personaggio contraddittorio ed ambiguo del sindacalista, la bella e provocante Jennifer Jason Leigh nelle protervie ma anche nei travagli della prostituta. La ricorderete, un po' di sfondo, in 'The Hitcher' e in 'Men's Club': qui sta pi¨ in scena e tenta spesso di imporsi non solo con il fisico ma con i suoi modi sfrontati. Ci riesce fino a farsi ricordare." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 12 Novembre 1989)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica