Tutti a casa1960

SCHEDA FILM

Tutti a casa

Anno: 1960 Durata: 120 Origine: FRANCIA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Luigi Comencini

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:DINO DE LAURENTIIS CINEMATOGRAFICA (ROMA), ORSAY FILM (PARIGI)

Distribuzione:DINO DE LAURENTIIS CINEMATOGRAFICA - RICORDI VIDEO, VIVIVIDEO

ATTORI

Alberto Sordi nel ruolo di Sottotenente Alberto Innocenzi
Serge Reggiani nel ruolo di Geniere Assunto Ceccarelli
Eduardo De Filippo nel ruolo di Il padre di Alberto
Martin Balsam nel ruolo di Sergente Fornaciari
Carla Gravina nel ruolo di Silvia Modena
Didi Perego nel ruolo di Caterina Brisigoni
Mac Ronay nel ruolo di Evaristo Brisigoni
Jole Mauro nel ruolo di Teresa, moglie di Fornaciari
Nino Castelnuovo nel ruolo di Artigliere Codegato
Mario Feliciani nel ruolo di Capitano Passerin
Silla Bettini nel ruolo di Tenente Di Fazio
Mino Doro nel ruolo di Maggiore Nocella
Edda Ferronao nel ruolo di Maria
Alex Nicol nel ruolo di Prigioniero americano
Vincenzo Musolino nel ruolo di Il primo fascista
Mario Frera nel ruolo di Il secondo fascista
Claudio Gora nel ruolo di Il colonnello
Ciccio Barbi nel ruolo di Cuciniere
Guido Celano nel ruolo di Fascista che arresta Fornaciari
Carlo D'Angelo nel ruolo di Ufficiale coi partigiani a Napoli
Ugo D'Alessio nel ruolo di Il prete
Achille Compagnoni nel ruolo di Soldato coi partigiani
Armando Zanon
Franco Polari
Gabriella Giorgelli
Luisina Conti
 
 

MONTAGGIO

Baragli, Nino
 

SCENOGRAFIA

Egidi, Carlo
 

COSTUMISTA

Pericoli, Ugo

TRAMA

Dopo l'8 settembre il sottotenente Alberto Innocenzi, consapevole dei doveri connessi alla divisa, fa il possibile per mantenere unito il suo reparto, aspettando ansiosamente istruzioni precise. Quando si rende conto che non ne arriveranno, dimentica il senso del dovere e della disciplina e diventa come tanti altri, uno sbandato. Alberto getta la divisa, veste abiti che lo trasformano in un altro uomo e si unisce a tre militari del suo reparto che cercano di raggiungere al più presto casa. Tra questi uomini non c'è più alcun legame, né di subordinazione, né di solidarietà, né di amicizia. Tutti e quattro, però, hanno perso il senso di ciò che è giusto e ciò che non lo è: quando incontrano dei militari che vanno in montagna per partecipare alla Resistenza, a tutti loro sembra una follia. Vedono morire un loro compagno per mano dei tedeschi, nel disperato tentativo di salvare un'ebrea; ma anche questo episodio li lascia indifferenti. Innocenzi vede catturare il suo caporale perché la moglie ha aiutato un americano; ma è soltanto contento di essersela cavata. Quando arriva finalmente a casa, suo padre però lo incita ad arruolarsi nel nuovo esercito fascista. L'ex ufficiale scappa dalla finestra quando si accorge che suo padre non lo capisce più. Forse l'unico che può capirlo è quel noioso, antipatico geniere Ceccarelli che è rimasto al suo fianco come un cagnolino, ha visto tutto quello che ha visto lui, è passato attraverso le stesse esperienze. Si forma tra i due un vincolo di solidarietà, una nuova strana amicizia. Quando Innocenzi, braccato dai tedeschi, riesce a mettersi in salvo, vede che l'amico è stato ferito nel tentativo di fuga e allora esce dal suo nascondiglio, prende un mitra, spara, va ad aiutare il suo soldato: ha ritrovato improvvisamente i sentimenti, la dignità dell'ufficiale.

CRITICA

"Il regista ha voluto descrivere, come in un affresco, la situazione venutasi a creare in Italia dopo l'annuncio dell'armistizio dell'8 settembre, presentando i diversi episodi come vissuti da un gruppo di soldati sbandati. Notevole la impegnata recitazione, mentre la regia, che alterna episodi poetici con altri comici o drammatici, pur dando vita a brani eccellenti, non ha saputo fondere le varie parti in armonica unità, anche per la quantità eccessiva del materiale raccolto." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 48, 1960) "I risultati non sono certo eccezionali, ma nella loro modestia rientrano in quel cinema medio, sorretto da un buon mestiere e una buona cultura, che è proprio il miglior Comencini". (Gianni Rondolino, "Catalogo Bolaffi del cinema italiano, 1956/1965")

Trova Cinema

Box office
dal 10 al 13 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica