Di nuovo in gioco2012

SCHEDA FILM

Di nuovo in gioco

Anno: 2012 Durata: 111 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, SPORTIVO

Regia:Robert Lorenz

Specifiche tecniche:PANAVISION PANAFLEX CAMERAS, 35 MM

Tratto da:-

Produzione:CLINT EASTWOOD, ROBERT LORENZ, MICHELE WEISLER PER MALPASO

Distribuzione:WARNER BROS. PICTURES ITALIA

ATTORI

Clint Eastwood nel ruolo di Gus
Amy Adams nel ruolo di Mickey
Justin Timberlake nel ruolo di Johnny
John Goodman nel ruolo di Pete Klein
Matthew Lillard nel ruolo di Phillip Sanderson
Robert Patrick nel ruolo di Vince
Scott Reeves nel ruolo di Billy Clark
Ed Lauter nel ruolo di Max
Matt Bush nel ruolo di Danny
Chelcie Ross nel ruolo di Smitty
Rus Blackwell nel ruolo di Rick
Brian F. Durkin nel ruolo di Matt Nelson
Joe Massingill nel ruolo di Bo Gentry
Raymond Anthony Thomas nel ruolo di Lucious
Clifton Guterman nel ruolo di Neil
George Wyner nel ruolo di Rosenbloom
Bob Gunton nel ruolo di Watson
Jack Gilpin nel ruolo di Schwartz
Louis Fox nel ruolo di Lloyd
Ricky Muse nel ruolo di Jimmy
Tom Dreesen nel ruolo di Rock
Peter Hermann nel ruolo di Greg
James Patrick Freetly nel ruolo di Todd
Norma Alvarez nel ruolo di Grace Sanchez
Tyler Silva nel ruolo di Carlos Sanchez
Jay Galloway nel ruolo di Rigo Sanchez
Seth Meriwether nel ruolo di Wilson
 

SCENEGGIATORE

Brown, Randy
 

MUSICHE

Beltrami, Marco
 
 

SCENOGRAFIA

Murakami, James J.
 

COSTUMISTA

Hopper, Deborah

TRAMA

Gus, un anziano talent scout del baseball, sente che è arrivato per lui il momento di abbandonare il campo, anche a causa della sua vista che si è notevolmente affievolita. Prima del ritiro, però, l'uomo vuole visionare un ultimo talento e per questo affronterà in compagnia della figlia Mickey un viaggio in macchina verso Atlanta, per conoscere il ragazzo.

CRITICA

"Bisognerà inventare una parola nuova per definire tutti quei film con protagonisti anziani, acciaccati, malati, con un piede nella fossa o magari sanissimi ma comunque decrepiti, che dilagano in questi anni. Del resto gli attori invecchiano, gli spettatori pure. O forse è il cinema a attraversare una delle sue periodiche crisi di senescenza, e i film finiscono per parlare proprio di questo. Certo è che i film coi capelli bianchi si dividono almeno in due categorie. Quelli che di vecchio hanno i personaggi ma per il resto inventano, osano, innovano. E quelli che invece sono proprio vecchi dentro. Storie di anziani realizzate all'antica, seguendo ricette sperimentate se non usurate. La sorpresa è che funzionano benissimo, se vi accontentate. Come prova questo film con Clint Eastwood, diretto da un suo ex-aiuto e produttore che brilla per deliberato grigiore. Quasi che fosse questa la chiave migliore per mettere in risalto gli eroi e i valori di un film che è un inno alla vecchia guardia e ai metodi all'antica. Abbiamo già visto mille volte questo vecchio iracondo (...) che litiga con la prostata e intanto continua a fare il suo lavoro di sempre, battendo piccole città in cerca di talenti del baseball. Abbiamo già visto la figlia che lo odia e lo adora (...) Per non parlare dei giovani sciocchi, i colleghi invidiosi, i tecnocrati che vogliono sostituire il suo fiuto con un computer. E anche l'ex-promessa del baseball, ridotto pure lui a fare lo scout (Timberlake sapientemente sottotono), e naturalmente destinato a incontrare la figlia di Clint, è tutto fuorché una novità. Ma i cliché diventano cliché perché funzionano, meglio: perché possono funzionare sempre. A condizione che ci siano grandi attori capaci di rendere vivo e vero ciò che altrimenti è solo morta convenzione. In questo senso il piccolo film del mestierante Lorenz, così lontano dai grandi film di Eastwood regista, è una specie di cartina di tornasole. E a suo modo una lezione di umiltà." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 29 novembre 2012) "Soggetto e protagonista sono senz'altro nella vena di Clint: però i film di Eastwood li deve dirigere lui. Che questa volta, invece, si limita al ruolo di produttore e di attore, delegando alla regia il suo collaboratore Robert Lorenz. Il cui compito è impaginare in modo ordinato una sceneggiatura di commedia-dramma famigliare convenzionale, al massimo sfocando le immagini in 'soggettiva' di Gus. Il film di baseball appassiona più gli americani che non gli europei; e non sarà questo a modificare la tendenza." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 29 novembre 2012) "L'universo di 'Gran Torino' e quello di 'Moneyball' si incontrano in 'Di nuovo in gioco', ultimo film con Clint Eastwood che, come quasi tutti i film di cui lui è «solo» attore, è anche un film di Clint. Dietro alla macchina da presa di questa parabola sul baseball all'interno della quale si nascondono temi profondamente eastwoodiani, come il rapporto difficile tra un padre e una figlia, lo scollamento dalla contemporaneità, la durezza che deriva dalle ferite antiche e la fede in una saggezza fatta d'intuizione e di pratica, non di numeri, è Robert Lorenz, produttore di Eastwood a partire da 'Mystic River', che qui esordisce alla regia. (...) Come già in Gran Torino, il dialogo tra Eastwood e la realtà - fisica ed esistenziale - della vecchiaia, è messo in scena subito, qui quasi a mo' di commedia. (...) (...) Eastwood trova in Amy Adams uno splendido avversario. I loro duetti/duelli sembrano scambi tra un lanciatore e un battitore di grandissimo livello, equilibrismi da periodo d'oro delle commedia hollywoodiana (...). Come era successo con la giovane pugile di 'Million Dollar Baby', l'indurito cavaliere solitario incontra in Mickey uno dei suoi antagonisti più validi e brillanti. L'antagonista che può sciogliergli il cuore. In cambio lui le insegnerà il segreto di «ascoltare» il baseball, anche quando gli occhi non funzionano più. Il vecchio mondo vissuto sul campo trionfa clamorosamente su quello del baseball fatto davanti a una tastiera. (...) Il mondo sta cambiando inesorabilmente, e non in meglio. Ma, alla fine, Di nuovo in gioco ognuno ha quello che si merita Il che -nel bene e nel male- fa del film uno dei pochissimi happy-ending di Clint. (Giulia D'Agnolo Vallan, 'Il Manifesto', 29 novembre 2012) "Emergono (...)pochi motivi per sorridere all'uscita dalla sala se non fosse obbligatorio ritornare al deus ex machina (il regista è di servizio, non conta): la presenza dell'attore riesce a imporsi sullo strato di patinate ovvietà, una sorta di versione espurgata del violento 'Million Dollar Baby', con una naturalezza sbalorditiva e un'empatia secondo noi irresistibile. L'icona di una magnifica vecchiaia, esaltata anziché umiliata dalle rughe ramificate, la grinta sofferente e la nervosa esilità di corporatura, conferisce al film una dignità inaspettata, lo rende in qualche modo umanistico e gli consente di fronteggiare in campo lungo o in primo piano la dilagante artificiosità melodrammatica." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 29 novembre 2012) "Era da 'Nel centro del mirino' (1993) che Clint Eastwood non recitava in un film a firma altrui ma, pur non personalmente diretto, 'Di nuovo in gioco' è a ogni effetto un prodotto di scuderia. Ne è regista Robert Lorenz, che lo affianca in veste di produttore da quasi trent'anni; nel cast artistico figurano il direttore di fotografia Tom Stern, i montatori Joel Cox e Gary Roach, lo scenografo James Murakami, la costumista Deborah Hopper, che con Eastwood lavorano da una vita. E infatti ritroviamo i tratti tipici del suo stile: taglio asciutto ed elegante, fotografia intonata al registro della storia (niente atmosfere plumbee, stavolta si tratta di una commedia, seppur agra), ambientazione in Georgia e Carolina che fra anonimi motel e stadi provinciali suggerisce la solitudine dell'esistenza randagia del protagonista, abile scopritore di talenti per gli 'Atlanta Braves', squadra di baseball di seconda serie. Detto questo, 'Di nuovo in gioco' è destinato a occupare una posizione minore nella nutrita lista di pellicole hollywoodiane a tema sportivo, di certo non competitiva con 'Million Dollar Baby' o il recente 'Moneyball', dove Eastwood avrebbe figurato fra i colleghi che Brad Pitt intende rottamare. (...) Che a Eastwood piaccia fare il duro, che in lui convivano il democratico e il repubblicano, lo sappiamo. Nel suo cinema battono sia il cuore democratico che il cuore reazionario dell'America; e finché si parla di arte, e non di esternazioni elettorali, va benissimo così." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 29 novembre 2012) "Il regista, Robert Lorenz, è un esordiente però da anni è il produttore dei film migliori di Clint Eastwood, così è soprattutto a lui che ha guardato per il personaggio di Gus, costruendo in suo favore tutto quello che serviva a mettere in risalto le sue fitte rughe e lasciando che liberamente ci lavorasse attorno. Naturalmente con successo. Ma è il solo successo cui un film così possa aspirare. A parte, s'intende, le commozioni facili di un pubblico disposto all'indulgenza." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo Roma', 29 novembre 2012) "Da anni recensiamo i film di Clint Eastwood gridando al capolavoro, per cui nessuno si offenderà se affermiamo che 'Di nuovo in gioco' non è davvero un granché. Non siamo impazziti, e soprattutto - questo ci teniamo a dirlo, forte e chiaro - non abbiamo cambiato idea su Clint dopo il suo endorsement per Mitt Romney. Siamo felici che Obama sia rimasto alla Casa Bianca ma nutriamo per il parere di Eastwood il più profondo rispetto. Si chiama - dovrebbe chiamarsi - democrazia. In questo film sul baseball. Clint è attore e produttore. Dirige Robert Lorenz, esordiente ma non novellino: dal 1994 è uno dei più fedeli assistenti dell'attore-regista. Probabilmente Eastwood, a 82 anni, non voleva sobbarcarsi il doppio lavoro - o forse, con il fiuto che certo non gli manca, aveva capito di trovarsi di fronte a un'opera «minore». Non che sia brutto, 'Di nuovo in gioco', è solo un piccolo film, un capitolo secondario di quella saga tutta americana che è il cinema di Clint. (...) Non mancano momenti toccanti (...) ma per gran parte del film si parla di baseball con la minuzia che noi italiani mettiamo nelle discussioni sul calcio: e il 99% degli spettatori, compreso chi scrive, non ci capirà un'acca." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 29 novembre 2012) "Opera seconda dello storico producer di Eastwood, 'Di nuovo in gioco' è una sbiadita emulazione del cinema del grande attore-regista che riesce a raggiungere l'unico obiettivo di farci rimpiangere il di lui magnanimo tocco. Opaco nella regia, retorico nei dialoghi e assolutamente privo di emozioni profonde, il film ricalca i classici temi a stelle e strisce che partono dal Sogno Americano e si arenano nel dolore dell'incomunicabilità, persino davanti all'hot dog di ordinanza. Clint resta carismatico in qualunque ruolo, ma questa sfida di resistenza alla noia poteva davvero risparmiarcela." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 29 novembre 2012) "Un titolo che, più che al film, sembra richiamarsi al suo interprete principale. Clint Eastwood si rimette, infatti, «di nuovo in gioco» come attore, riscoprendo il gusto di essere diretto da altri. Lo fa, affidandosi a quel Robert Lorenz che è stato il suo storico collaboratore negli ultimi vent'anni; come a dire che il vecchio Clint è andato sul sicuro. (...) Evidentemente, Eastwood aveva voglia di togliersi un po' di dosso quella etichetta «autoriale» che la critica gli ha (meritatamente) cucito addosso. Un Clint che si sveste da Clint per recitare però come Clint. Perché ogni inquadratura, ogni primo piano, ogni singola espressione colta sul suo volto è una piccola lezione di cinema. Basta lui per fare la differenza e rendere interessante un titolo che, altrimenti, avrebbe avuto poco appeal presso il pubblico." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 29 novembre 2012) "Piacerà ai fans di Eastwood e del suo approccio cogli acciacchi della terza età che ormai è diventato civetteria Intendiamoci, non è un Clint d'annata, di quelli che vanno dritti alla nomination all'Oscar e che se non ci vanno è solo perché ormai il divo ha la bacheca zeppa di statuette. È un filmetto volutamente minore (difatti l'ha fatto dirigere da un suo scagnozzo, Robert Lorenz). Assomiglia, nel tema, nell'ironia, nella tenerezza che avvolge ogni dramma, alle ultime pellicole del grande John Ford, tutte elogi della senilità. Che può essere ancora una stagione bella (per i vecchi e per i giovani accanto) se uno la sa prendere con spiritaccio e saggezza. Dal favoloso Ford, Clint ha ereditato il gusto per lo sfondo pittoresco (...). E' possibile che il film piaccia più in America che altrove. Perché insieme alla celebrazione della vecchiaia, è anche, alla grande, quella dello sport nazionale il baseball. La passione per il gioco, inventato due secoli fa come filiazione gagliarda e bastarda dell'aristocratico cricket inglese, è vista come divorante, assoluta e assolutamente giustificata. Giustamente, sembra suggerire Clint, preferibile all'amore per moglie e per i figli." (Giorgio Carbone, 'Libero', 29 novembre 2012)

Trova Cinema

Box office
dal 14 al 17 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica