SCHEDA FILM

Tribute - Serata d'onore

Anno: 1980 Durata: 125 Origine: USA Colore: -

Genere:COMMEDIA

Regia:Bob Clark

Specifiche tecniche:-

Tratto da:commedia omonima di Bernard Slade

Produzione:-

Distribuzione:FOX (1981) - DOMOVIDEO

 

SCENEGGIATORE

Slade, Bernard

TRAMA

Scottie Templeton, un uomo maturo e in affari con l'amico fedele Lou Daniels, forzato dall'amica dottoressa Gladys Petrelli, si sottopone in ospedale ad una serie di esami clinici da cui si evidenzia un male che lo porterà in breve tempo alla morte se non si sottoporrà a particolari cure. Deciso a non sottomettersi, Scottie esce insieme alla graziosa Sally Haines, una ragazza operata d'appendicite che si lascia conquistare dalla vitalità e dall'ottimismo dello sconosciuto. Ma la vera ragione dello scatto di vitalità di Scottie è che, per un breve soggiorno, sono suoi ospiti la ex moglie Maggie Stratton e il loro figlio Jud. In particolare, Scottie non vede il figlio da tre anni ed ha lo scupolo di averlo curato ben poco anche prima. D'altre parte, Jud, un ragazzo moltro assennato e severo, considera il padre un buffone, uno che ha bruciato il talento di cui è in possesso per dedicarsi a coltivare i vizietti di una gran quantità di amici. Scottie, deciso a conquistare il figlio, inizia assai male perché lo porta ad una festa nella quale si ringrazia collegialmente Hillary delle sue prestazioni come 'prostituta'. Per rimediare, il padre fa sì che si incontrino Jud e Sally ma poi provoca una rottura che durerà alcuni mesi. Nel frattempo, avvisato da Maggie che deve allontanarsi, Templeton jr. induce il padre a curarsi in ospedale e tenta di capirlo. L'incontro e la spiegazione definitiva tra i due avverrà quando, per una serata d'onore per il suo compleanno, dal coro degli amici il figlio comprenderà che il padre ha fatto della sua vita una sorta di "Tribute", un omaggio o dono a tutti, senza alcuna discriminazione, di allegria e di amicizia.

CRITICA

"Il film è stato sceneggiato dallo stesso autore della commedia teatrale omonima che ha trionfato - con lo stesso Jack Lemmon - a Broadway e all'estero. La versione cinematografica, presentata a Berlino 1981, ha ottenuto per il protagonista il premio per il miglior attore (ex aequo con il sovietico Anatoli Solonitsin). Avendo il regista (noto per ora come buon direttore di film d'azione e di tensione: "La morte dietro la porta", "Punto di rottura", "Assassinio su commissione") rispettato l'impianto tetrale (a parte la maggior mobilità delle riprese e le maggiori possibilità di variazione delle scenografie), è facile cha qualche spettatore lamenti il privilegio concesso ai dialoghi, forbiti, effettistici, troppo simili all'incalzare di uno spettacolo pirotecnico. E' pure possibile che, irritato da tanta esibizione di maestria verbale, lo spettatore finisca per non badare alla pregnanza delle situazioni umane e dei drammi positivamente trattati. Ora, anche se gli estemi narrativi sfiorano il patetismo, non si possono irridere gli sforzi di un padre e di un figlio ormai maturo per comprendersi e aiutarsi reciprocamente. Il confronto tra i due - nodo centrale del film - è determinato dalla tragica ombra della morte: ma si svolge all'insegnadella sincera ricerca e, stilisitcamente, è proposto con un umorismo che non impoverisce i valori trattati e, viceversa, li sottolinea per contrasto." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 92, 1982)

Trova Cinema

Box office
dal 19 al 22 settembre

Incasso in euro

  1. 1. It - Capitolo Due  1.447.354
    It - Capitolo Due

    27 anni dopo, I ragazzi del Club dei Perdenti sono ormai adulti e hanno le loro vite, ma una terribile telefonata li riunisce......

  2. 2. Il Re Leone  1.275.086
  3. 3. Tutta un'altra vita  532.595
  4. 4. Angry Birds 2: Nemici amici per sempre  431.618
  5. 5. Mio fratello rincorre i dinosauri  362.995
  6. 6. Martin Eden  352.763
  7. 7. Attacco al Potere 3  266.212
  8. 8. E poi c'è Katherine  102.156
  9. 10. Grandi bugie tra amici  59.169

Tutta la classifica