The Words2012

SCHEDA FILM

The Words

Anno: 2012 Durata: 97 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, THRILLER

Regia:Brian Klugman|Lee Sternthal

Specifiche tecniche:PANAFLEX, 35 MM

Tratto da:-

Produzione:ANIMUS FILMS, SERENA FILMS

Distribuzione:EAGLE PICTURES

ATTORI

Bradley Cooper nel ruolo di Rory Jansen
Jeremy Irons nel ruolo di Il vecchio
Dennis Quaid nel ruolo di Clay Hammond
Olivia Wilde nel ruolo di Danielle
Zoe Saldana nel ruolo di Dora Jansen
Ben Barnes nel ruolo di Ragazzo
Nora Arnezeder nel ruolo di Celia
Michael McKean nel ruolo di Nelson Wylie
John Hannah nel ruolo di Richard Fordham
J.K. Simmons nel ruolo di Sig. Jansen
Ron Rifkin nel ruolo di Timothy Epstein
Zeljko Ivanek nel ruolo di Joseph Cutler
Gianpaolo Venuta nel ruolo di Dave Farber
Liz Stauber nel ruolo di Camy Rosen
Keeva Lynk nel ruolo di Cynthia
Jeanie Hackett nel ruolo di Joyce Weinstein
James Babson nel ruolo di Jeff Birkmeyer
 
 

MUSICHE

Zarvos, Marcelo
 

MONTAGGIO

Jones, Leslie
 

SCENOGRAFIA

Laliberté, Michèle
 

COSTUMISTA

Mariano, Simonetta

TRAMA

New York. Rory Jansen aspira a diventare scrittore, ma dopo l'ennesimo rifiuto di un suo manoscritto inizia a rendersi conto che difficilmente arriverà al successo e che le sue aspettative professionali ed economiche sono destinate a crollare miseramente. A nulla vale il sostegno di sua moglie Dora e ancor più insostenibile diventa la presenza degli amici che sono riusciti a realizzarsi, a testimonianza del suo fallimento. Poi, un giorno, Rory scopre presso un robivecchi di Parigi un misterioso manoscritto ingiallito: un'appassionante storia d'amore, ambientata dopo la Seconda Guerra Mondiale. L'uomo capisce che potrebbe finalmente ottenere una chance editoriale e per questo decide di far passare come suo il romanzo. La celebrità e i soldi non tarderanno ad arrivare, ma Rory si troverà a pagare a caro prezzo il suo 'furto'...

CRITICA

"L'opera prima scritta, diretta da Klugman e Sterthal, è una macchinosa macchina della verità letteraria e pone domande di lusso: dove sta il genio? (...) I fili s'ingarbugliano e l'intellettualismo dà una paccata di noia di scatole cinesi anche se il cast è da rimpiangere, da Irons alla Wilde, al nuovo divo delle notti da leoni, Bradley Cooper." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 21 settembre 2012) "Delude invece 'The Words' di Brian Klugman e Lee Sternthal. (...) Interessante solo nella prima parte, il film incastra diversi piani e tempi narrativi, ma il racconto smarrisce in fretta il suo mistero per diventare assai più banale e prevedibile." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 21 settembre 2012) "Cinque attori si rubano la scena in questo bizzarro film d'autore americano sul furto artistico. (...) Costruito come un racconto a scatole cinesi (la storia del plagio del manoscritto perduto è il romanzo di un altro scrittore con la faccia poco letteraria di Dennis Quaid), 'The Words' degli esordienti Klugman e Sternthal ha grande cast, un'idea già sentita (dall'Allen di 'Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni' a quel 'Limitless' che lanciò Cooper come star, passando per il famoso manoscritto perso da Hemingway) e un finale fm troppo educativo. Attori magnifici. Specialmente un Jeremy Irons barbuto e pungente." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 21 settembre 2012) "Un giallo insolito, costruito come una matrioska, con tre storie impilate l'una dentro l'altra. Si poteva fare di meglio, certo, ma comunque la tensione c'è. Il celebre romanziere newyorchese Dennis Quaid racconta la storia dell'aspirante scrittore Bradley Cooper che ebbe la faccia tosta di appropriarsi di un manoscritto altrui. Puntuale, dopo il trionfo, arriverà il castigo, con il volto, malamente invecchiato dal trucco, di Jeremy Irons. I più svelti mangeranno la foglia già a metà film: peggio per loro." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 21 settembre 2012) "Spiacerà a coloro che molto s'attendevano dopo aver sentito meraviglie durante e dopo la lavorazione del film. E in effetti l'idea centrale (raccontare tre storie parallele, del conferenziere, del libro e del libro scritto da un altro) era intrigante. Ma ci voleva un narratore di classe. Klugman e Starnthal hanno più pretese che bravura. Più incrociano le storie, più le incasinano. E il tema ambiziosamente «faustiano» (l'anima venduta per il successo) è messo in pellicola con modi decisamente banali." (Giorgio Carbone, 'Libero', 21 settembre 2012) "Struttura a scatole cinesi o, meglio, elogio delle scatole di fuffa: debuttanti alla regia, gli sceneggiatori Klugman e Sternthal ('Tron: Legacy') riflettono sull'eterna liaison tra arte e vita, verità e finzione, vissuto e creazione nel peggiore dei modi, degnamente assistiti da un cast sospeso tra l'inverosimile (Quaid rifatto e rurale) e il ridicolo (Irons senescente da barzelletta e Cooper con due espressioni: occhi arrossati o meno). Non si capisce se 'The Words' è involontariamente trash o volontariamente brutto, ma sono davvero parole al vento: una sceneggiatura di Charlie Kaufman, senza Charlie Kaufman. E senza sceneggiatura." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 20 settembre 2012)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  6.899.794
    Frozen 2 - Il segreto di Arendelle

    La Regina Elsa e la principessa Anna si spingeranno ancora oltre i confini del loro regno per scoprire qualcosa tenuto a lungo nascosto....

  2. 2. Un giorno di pioggia a New York  1.240.439
  3. 3. Cetto c'è, senzadubbiamente  1.115.564
  4. 4. L'ufficiale e la spia  721.370
  5. 5. Midway  576.769
  6. 7. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  224.251
  7. 8. Parasite  141.341
  8. 9. Il Peccato  136.808
  9. 10. Countdown  132.262

Tutta la classifica