The Producers - Una gaia commedia neonazista2005

SCHEDA FILM

The Producers - Una gaia commedia neonazista

Anno: 2005 Durata: 135 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA, MUSICALE

Regia:Susan Stroman

Specifiche tecniche:-

Tratto da:sceneggiatura di Mel Brooks (1968) e musical "The Producers, the New Mel Brooks Musical" (2001) di Mel Brooks e Thomas Meehan

Produzione:MEL BROOKS E JONATHAN SANGER

Distribuzione:SONY PICTURES RELEASING ITALIA (2006)

ATTORI

Nathan Lane nel ruolo di Max Bialystock
Matthew Broderick nel ruolo di Leo Bloom
Uma Thurman nel ruolo di Ulla
Will Ferrell nel ruolo di Franz Liebkind
Gary Beach nel ruolo di Roger De Bris
Roger Bart nel ruolo di Carmen Ghia
Jon Lovitz nel ruolo di Sig. Marks
Debra Monk nel ruolo di Vecchietta finanziatrice
Andrea Martin nel ruolo di Vecchietta finanziatrice
Jason Antoon nel ruolo di Jason Green
John Barrowman nel ruolo di Primo tenore incursore
Robert Bartley nel ruolo di Incursore
James Biberi nel ruolo di Guardia carceraria
Randy Blair nel ruolo di Giornalista
Fred Applegate nel ruolo di Sergente O'Toole
Mel Brooks nel ruolo di Hilda il piccione / Tom il gatto (voci)
Al D. Rodriguez
Brad Oscar
Brian Rogalski
Chris Michael Peterson
Cody Melton
Colleen Dunn
Daniel Mastrogiorgio
David Brown
Dianne Zaremba
Dolores McDougal
Ethan B. Goldman
Gary Franco
Jai Rodriguez nel ruolo di Sabu
Jennifer Lee Crowl
Jeremy J. Sullivan
Jerry Richardson nel ruolo di Agente O'Reilly
Jim Borstelmann nel ruolo di Donald Dinsmore
Jimmy Smagula
Joe Rosario
Karen Ziemba
Kathy Fitzgerald nel ruolo di Shirley Markowitz
Kevin Ligon
Luke Rosen
Mark Ledbetter
Mary Ann Hannon
Matt Semino
Mike Jackson
Pete Macnamara
Rhonda Kaufman
Rich Lounello
Riley G. Matthews Jr. nel ruolo di Bailiff
Robert Bizik
Roland Rusinek nel ruolo di Jack Lapidus
Scott Davidson
Sebastian Lacause
Sonny Vellozzi
Stephanie Michels
Steve Geary
Stewart Summers
Teddy Coluca
Victor Yerrid
 

SOGGETTO

Brooks, Mel
 

SCENEGGIATORE

Brooks, Mel
Meehan, Thomas
 

MUSICHE

Brooks, Mel
 

MONTAGGIO

Weisberg, Steven
 

SCENOGRAFIA

Friedberg, Mark
 

COSTUMISTA

Long, William Ivey
 

TRAMA

A Broadway, Max Bialystock è un ex-produttore teatrale di successo caduto da tempo in disgrazia. Un giorno riceve la visita di Leo Bloom, un timido ragioniere che deve riempire i libri contabili e che gli fa notare come una persona disonesta, messa nel contesto giusto, potrebbe guadagnare più soldi producendo un flop che non un grande successo. Immediatamente Bialystock comprende che l'idea potrebbe essere giusta e cerca di convincere Bloom a studiare un piano per mettere in scena uno spettacolo dall'insuccesso assicurato e poi fuggire con i soldi stanziati dagli ignari investitori. Bloom, inizialmente riluttante, quando capisce che l'occasione è ghiotta per migliorare il suo stile di vita, decide di accettare. La scelta cade sul copione "La primavera di Hitler" scritto da Franz Liebken, un criminale nazista riparato negli Stati Uniti. Scritturano poi lo stravagante regista Roger DeBris, completamente privo di talento, e Ulla, una bomba sexy svedese dal cognome pieno di consonanti, che oltre a far parte del corpo di ballo, viene impiegata come segretaria centralinista. Il ruolo del protagonista viene assegnato allo stesso Liebken che però si infortuna poco prima di andare in scena e viene così sostituito da DeBris. Alla prima, lo spettacolo invece di essere un flop riscuote un successo sensazionale che mette in crisi i soci in affari...

CRITICA

"Non aspettate invenzioni cinematografiche né grandi soluzioni di linguaggio dalla commedia musicale 'The Producers', adattamento di un galattico successo del 2001 tuttora rappresentato a Broadway; però si ride, e tanto, perché il soggetto immaginato dall'ineffabile Mel Brooks tocca momenti di rara comicità () Tutto disseminato di numeri musicali, 'The Producers' tocca l'apogeo con la messa in scena dell'assurdo spettacolo, capolavoro assoluto di bruttezza e cattivo gusto. Chi è in astinenza di comicità farà bene a non privarsi dell'occasione." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 17 marzo 2006) "Alquanto sgangherato, a tratti esilarante, decisamente scorretto. In principio c'erano Mel Brooks e il film dal titolo italiano 'Per favore non toccate le vecchiette'; poi è arrivato il musical gratificato da un successo strepitoso a Broadway; infine ecco il remake cinematografico, con gli stessi, ottimi protagonisti del palcoscenico più un'indiavolata Uma Thurman e la coreografa Susan Stroman promossa a regista: 'The Producers' è un film che non conta su un pubblico di riferimento e ha uguali probabilità di disgustare o estasiare (magari al tempo stesso). (...) Si passa, per capirci meglio, da Lubitsch a Bombolo, da Woody Allen a Iacchetti senza soluzione di continuità e alla fine non sai se applaudire l'estremismo kitsch o deplorare lo stile usa-e-getta." (Valerio Caprara, 'Il Mattino, 25 marzo 2006) "Un film che forma con 'Il dittatore' di Chaplin e 'Vogliamo vivere!' di Lubitsch un'ideale trilogia sul nazismo in chiave di comicità. (...) Imperniato su una trovata da fare invidia a Bernard Shaw, il paradosso di Mel Brooks gioca sull' inconoscibilità che avvolge il destino di ogni evento umano. Non si sa mai come andrà lo spettacolo: il che, allargato a un significato generale, diventa una metafora del mistero tra vita e morte. L'ininterrotto carosello di risate di 'The Producers' si aggancia insomma a due motivi molto seri, il primo storico-politico, il secondo stoico-esistenziale. Il tutto servito con un contorno di versicoli folgoranti, motivetti orecchiabili, dialoghi frenetici, pantomime e balletti. Vorrei concludere con una modesta proposta alla Sony, distributrice del film. Perché non organizzare a Milano una matinée gratuita per i partecipanti alla gaia sfilata neonazista (definita da Berlusconi 'la civile riunione di un nostro alleato') svoltasi sabato 11 marzo nelle vie della metropoli? Sono certo che smaltite le perplessità i torvi guerriglieri della svastica nel buio della sala spianeranno le grinte al riso. E risanati grazie all' indovinata terapia, all' uscita tralasceranno di ritirare al guardaroba il loro arsenale di gagliardetti e spranghe. Avendo capito, grazie all' ebreo newyorkese Melvin Kaminsky (vero nome di Brooks all' anagrafe) che lungi dal rimpiangere i feticci nazifascisti del ' 900 bisogna abituarsi a deriderli." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 17 marzo 2006)

Trova Cinema

Box office
dal 28 al 1 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Cetto c'è, senzadubbiamente  2.479.936
    Cetto c'è, senzadubbiamente

    Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque......

  2. 2. L'ufficiale e la spia  1.215.362
  3. 4. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  577.263
  4. 5. Countdown  385.254
  5. 6. La famiglia Addams  379.466
  6. 7. Depeche Mode - Spirits in the Forest  325.788
  7. 8. Sono solo fantasmi  305.527
  8. 9. Parasite  295.915
  9. 10. Il giorno più bello del mondo  290.668

Tutta la classifica