The Hunted - La preda2003

SCHEDA FILM

The Hunted - La preda

Anno: 2003 Durata: 94 Origine: USA Colore: C

Genere:AZIONE, DRAMMATICO, THRILLER

Regia:William Friedkin

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:ALPHAVILLE FILMS; LAKESHORE ENTERTAINMENT

Distribuzione:01 DISTRIBUTION

ATTORI

Tommy Lee Jones nel ruolo di L.T. Bonham
Benicio Del Toro nel ruolo di Aaron Hallam
Connie Nielsen nel ruolo di Abby Durrell
Robert Blanche nel ruolo di Crumley
Jenna Boyd nel ruolo di Loretta Durrell
Aaron Bronstein nel ruolo di Stokes
Ron Canada nel ruolo di Van Zandt
John Finn nel ruolo di Chenowith
Carrick O'Quinn nel ruolo di Kohler
Mark Pellegrino nel ruolo di Hewitt
Leslie Stefanson nel ruolo di Irene Kravitz
 

MUSICHE

Tyler, Brian
 

MONTAGGIO

Hess, Augie
 

SCENOGRAFIA

Cruse, William
 

COSTUMISTA

Gresham, Gloria

TRAMA

L.T. Bonham è un agente dell'FBI, insegnante alla scuola di guerra, che ha appena ricevuto un incarico delicato: catturare un suo ex allievo, Aaron Hallam, fra i più brillanti del suo corso, che è divenuto ora un pericoloso assassino il cui sport preferito è andare a caccia di uomini. I due agenti dovranno scontrarsi nella foresta, in una sfida portata alle estreme conseguenze.

CRITICA

"Siamo dalle parti di 'Rambo', ma anche del survival movie, tipo 'Il fuggitivo'. Un gioco di gatto-e-topo già visto, si dirà; però a fare la differenza è il mestiere di Friedkin. Che inquadra la vicenda come un documentario di caccia alle belve e rifiuta la divisione maniche fra buoni e cattivi, suggerendo una riflessione sui concetti di colpa, eroismo, patriottismo. Se lo stile non è acqua, onore a una delle più belle sequenze d'apertura mai viste".(Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 5 aprile 2003) "Fattosi crescere una barba alla Rigoni Stern, Tommy Lee Jones vive un'esistenza da pacifico montanaro, ma sente la responsabilità di aver creato con i suoi insegnamenti un robot assassino. In 'The Hunted - La preda' il regista William Friedkin inscena inseguimenti e duelli all'ultimo sangue, sempre rigorosamente all'arma bianca. Con un'efficacia spettacolare che solo a tratti sconfina nella convenzione". (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 5 aprile 2003) "William Friedkin, tra i più colti e provocanti artisti visivi della vecchia guardia, uno capace di discutere coi radical a carrellate non invita alla ribellione laica. Sembra piuttosto sedotto dalla tragedia teologica in corso, dall'America che lancia i suoi ragazzi verso un nuovo Vietnam, con punte di fanatismo fondamentalista. (...) Friedkin insegue, con sguardo panfocus, luci di Caleb Deschanel, armonie horror di Brian Tyler, una ritmica che lo costringe all'aspra autoanalisi/autocritica, questo fantasma di nemico che non ha più 'regole d'onore' ma che potrebbe essere graziato, chissà, come con Bush Sr., perché le vie del signore (cineasta) sono infinite...(...) Il cineasta William Friedkin è un po' raccomandato (la moglie Sherry Lansing è boss della Paramount), ma resta l'uomo giusto per rievocare le forme e lo spirito dei film d'azione e di 'caccia all'uomo' di Robert Aldrich. Ricordate 'L'imperatore del nord' o le psicosi del reduce del Vietnam in 'I ragazzi del coro'? Chi può riesumarne lo sguardo inquietante meglio di Friedkin, che del male oscuro americano è sonda imperturbabile?". (Roberto Silvestri, 'il Manifesto', 4 aprile 2003) "Dalle montagne della Columbia il manager militare in pensione si sposta nelle foreste dell'Oregon e ingaggia un inseguimento segnato da colpi d'ascia e passi magici più leggeri del fruscio di frasche, cadute nelle dighe e digressioni metropolitane, riprendendo il già visto del 'Cacciatore' e 'Crocodile Dundee' e (questo è il buono) l'esperienza corsaiola del cinema d'azione di Friedkin ('Il braccio violento della legge'). Si legge nel lancio pubblicitario: 'Ci sono uomini che devono essere fermati'. E ci sono film che potrebbero essere evitati. Il cast è meglio del film". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 5 aprile 2003) "Dalla grandiosa sfrontatezza di un regista di valore come William Friedkin non ci si poteva attendere di meno. 'The Hunted - La preda' è un film d'altri tempi, una lezione di cinema impartita con il preciso scopo di mostrare come sia possibile tornare sui propri passi. (...) Le corse nei boschi e nelle strade cittadine sono fotografate magistralmente da Caleb Deschanel. Ci vorrebbe una mozione per consentire a Friedkin di girare almeno un film all'anno". (Adriano De Carlo, 'Il Giornale', 11 aprile 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 17 al 20 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica