The Dinner2017

SCHEDA FILM

The Dinner

Anno: 2017 Durata: 120 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Cate Blanchett|Oren Moverman

Specifiche tecniche:-

Tratto da:romanzo "La cena" di Herman Koch (ed. Neri Pozza, coll. Bloom)

Produzione:CODE RED, CHUBBCO FILM, SIGHT UNSEEN PICTURES, BLACKBIRD

Distribuzione:VIDEA

ATTORI

Richard Gere nel ruolo di Stan Lohman
Laura Linney nel ruolo di Claire Lohman
Steve Coogan nel ruolo di Paul Lohman
Rebecca Hall nel ruolo di Katelyn Lohman
Chloë Sevigny nel ruolo di Barbara Lohman
Charlie Plummer nel ruolo di Michael Lohman
Adepero Oduye nel ruolo di Nina
Michael Chernus nel ruolo di Dylan Heinz
Taylor Rae Almonte nel ruolo di Kamryn Velez
Joel Bissonnette nel ruolo di Antonio
Seamus Davey-Fitzpatrick nel ruolo di Rick Lohman
Dominic Colón nel ruolo di Rafael
Robert McKay nel ruolo di Preside Crane
Benjamin Snyder nel ruolo di Rick a 8 anni
Laura Hajek nel ruolo di Anna
Emma R. Mudd nel ruolo di Val
Miles J. Harvey nel ruolo di Beau
George Aloi nel ruolo di Dan
Jesse Dean Peterson nel ruolo di Michael a 8 anni
George Shepherd nel ruolo di Stephen Whitney
Judah Sandridge nel ruolo di Beau a 8 anni
Patrick Kevin Clark nel ruolo di Conor
 

SOGGETTO

Koch, Herman
 

SCENEGGIATORE

Moverman, Oren
 

MONTAGGIO

Hall, Alex
 

SCENOGRAFIA

McGehee, Kelly
 

COSTUMISTA

George, Catherine
 

EFFETTI

Sharabani, Vico

TRAMA

Amsterdam. Due coppie sono a cena in un ristorante di lusso; parlano del più e del meno, dei progetti per le prossime vacanze ma non hanno il coraggio di affrontare il vero argomento per il quale si sono incontrati: i rispettivi figli e il loro futuro. Michael e Rick, due quindicenni, hanno infatti picchiato e ucciso una donna senza fissa dimora nei pressi di un bancomat. Il fatto è stato ripreso dalle videocamere di sicurezza, le immagini trasmesse in televisione, ma i due ragazzi ancora non sono stati identificati. Il loro arresto è prossimo, però, perché su Internet hanno iniziato a circolare filmati ben più compromettenti...

CRITICA

"Un 'Carnage' molto più drammatico e complicato (...). Autore anche della sceneggiatura, Moverman spezza la cena con (troppi) rimandi e flashback per scavare in quello che considera il peccato originale del Paese, quell'odio fratricida che ha avuto il suo culmine a Gettysburg, durante la Guerra di secessione (...), e che dovrebbe aiutare a capire l'egoismo e la rabbia che guida i personaggi del suo film, dove le donne si rivelano fin peggiori dei loro consorti. Ma che solo nell'ultima parte, più compatta ed efficace, riesce a trovare l'intensità che aveva fatto la fortuna del romanzo." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 11 febbraio 2017) "A Moverman va il merito di aver reso dinamica sullo schermo una storia che sulla carta è solo di dialoghi. Flash back si affacciano sul passato dei protagonisti, scoprendo complesse dinamiche familiari. Ridondanti invece le sequenze sulla storia fratricida degli Stati Uniti, la Guerra Civile, come a individuare il peccato originale di un paese dove ora Paul e Stan si fanno una guerra che in ogni caso lascerà profonde cicatrici." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 11 febbraio 2017) "Inizia come una commedia sulle idiosincrasie della borghesia americana 'The Dinner' (...) con il pasto lussuoso a cui fa riferimento il titolo come emblema di un mondo ben pasciuto e raffinato. (...) La tensione e l'attrito tra i due fratelli si sposta però nel corso della cena che scandisce il film - dagli antipasti al digestivo - al di fuori della commedia e in una dimensione più oscura, verso il male che scopriamo annidarsi sotto la superficie e che entra in contraddizione con il rituale vuoto e formale della cena. Attraverso i flashback e i frammenti di dialogo, sempre interrotti e rimandati perché tutti temono di nominare il motivo per cui loro malgrado si sono dovuti incontrare. (...) La fissazione per Gettysburg e per il sangue che vi fu versato, fornisce al regista il mezzo principale per ancorare la vicenda di 'The Dinner' all'orizzonte americano dato che il suo film è tratto dal best-seller omonimo di Herman Koch, ambientato invece in Olanda e che ha ispirato anche un altro film 'I nostri ragazzi' di Ivano De Matteo. In realtà non si fa fatica a immaginare la storia di 'The Dinner' negli Stati Uniti di oggi, nel cuore di tenebra di certa borghesia dissociata dalla realtà e cieca davanti al mondo. Moverman (...) osserva infatti che il dilemma al cuore del racconto pone un interrogativo impossibile allo spettatore: fin dove si è disposti a spingersi per proteggere i propri figli? Ma la morsa in cui si vorrebbe stringere la coscienza del pubblico non è la stessa che attanaglia i personaggi i quali - con l'eccezione dell'aspirante governatore - desiderano tutti che il male cada nell'oblio. (...) Nei dialoghi troppo studiati e congegnati, nella ferocia dei ragazzi e in quella con cui gli adulti reclamano il loro diritto a porsi al di sopra del male, naufraga invece l'empatia che si dovrebbe provare peri protagonisti, e che avrebbe consentito che la loro domanda diventasse la stessa di chi guarda." (Giovanna Branca, 'Il Manifesto' 11 febbraio 2017)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Fast & Furious 8  1.251.847
    Fast & Furious 8

    Ora che Dom e Letty sono in luna di miele, Brian e Mia si sono ritirati dai giochi - ed il resto della squadra è stato esonerato - il gruppo giramondo ha trovato una parvenza di vita normale. Ma quando una donna misteriosa ...

  2. 2. Baby Boss  570.643
  3. 3. Moglie e marito  223.042
  4. 4. I Puffi: Viaggio nella foresta segreta  185.131
  5. 5. Lasciati andare  179.157
  6. 6. La Bella e la Bestia  156.597
  7. 7. L'altro volto della speranza  47.809
  8. 8. Ghost in the Shell  43.202
  9. 9. Power Rangers  37.993
  10. 10. Libere, disobbedienti, innamorate - In Between  27.437

Tutta la classifica