SCHEDA FILM

Telefoni bianchi

Anno: 1976 Durata: 120 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO, SATIRICO

Regia:Dino Risi

Specifiche tecniche:PANORAMICA, EASTMANCOLOR

Tratto da:-

Produzione:PIO ANGELETTI E ADRIANO DE MICHELI PER DEAN FILM

Distribuzione:TITANUS - PANARECORD, CREAZIONI HOME VIDEO, DVD: 01 DISTRIBUTION HOME VIDEO (2009)

ATTORI

Agostina Belli nel ruolo di Marcella Valmarin in arte Alba Doris
Vittorio Gassman nel ruolo di Luca Cioccetti in arte Franco Denza
Ugo Tognazzi nel ruolo di Adelfo, il gobbo delatore
Cochi Ponzoni nel ruolo di Roberto Trevisan
Renato Pozzetto nel ruolo di Ten. Bruno
Dino Baldazzi nel ruolo di Mussolini
Eleonora Morana nel ruolo di Madre di Marcella
Maurizio Arena nel ruolo di Luciani
William Berger nel ruolo di Franz, l'industriale
Lino Toffolo nel ruolo di Gondrano Rossi
Laura Trotter nel ruolo di La diva
Paolo Baroni nel ruolo di Il segretario
Michele Malaspina nel ruolo di Bisanti, il produttore
Giovanni Brusatori nel ruolo di Partigiano con gli occchiali
Attilio Dottesio nel ruolo di Partigiano con la barba bianca
Alvaro Vitali nel ruolo di Giovane al casino
Carla Terlizzi
Edoardo Florio
Enrico Marciani
Franca Stoppi
Giacomo Assandri
Marcello Fusco
Monica Fiorentini
Renate Schmidt
Toni Maestri
 
 

MONTAGGIO

Gallitti, Alberto
 

SCENOGRAFIA

Ricceri, Luciano
 

COSTUMISTA

Ricceri, Luciano

TRAMA

Cameriera presso un albergo del Lido di Venezia, la provinciale Marcella sogna la celebrità cinematografica e trascura lo spasimante Roberto Trevisan. Invitata a Roma da un certo Luciani della Littoria Film, nella capitale fascista trova la società fallita, il protettore latitante e, nuovo ganimede, il gerarchetto Bruno che la confina nel bordello della madre. Marcella, grazie a un incontro con il Duce e un passaggio nel letto di villa Torlonia, riesce ad approdare a Cinecittà ove viene, nonostante l'acerbità artistica, affiancata all'attore di regime Franco Denza. Mentre Roberto, disperato e sfortunato, vaga dalla guerra libica a quella in Spagna e, infine, nelle steppe nevose della Russia, Marcella trionfa con il nome d'arte di Alda Noris. La caduta del Duce, il saccheggio della ricca magione già condivisa con il semimpazzito Denza, la costringono a viaggiare verso la natia Conegliano. Sposata da un comprensivo industriale, madre di due figli, compie un viaggio in Ucraina per deporre un mazzo di fiori sulla tomba di Roberto che, russificato e sposato, si guarda bene dallo scoprirsi e continua la sua vita di felice kulako.

CRITICA

"'Telefoni bianchi' è una commedia agrodolce, un grottesco che mette troppa carne al fuoco, e la distribuisce con troppo poca invenzione perché il piatto abbia il sapore d'una disincantata allegoria dell'Italia fra il '30 e il '50. La prima metà, dopo un delizioso prologo in bianco e nero, è brillante e spesso comica, ma la presa di bavero dei riti fascisti non ha molto di nuovo; la seconda va sul tragico, ma il gusto della parodia si inquadra stavolta in un affresco molto generico, con qualche punta di moralismo qualunquista". (Giovanni Grazzini - Cinema '76).

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica