TALK RADIO1988

SCHEDA FILM

TALK RADIO

Anno: 1988 Durata: 110 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:NORMALE

Tratto da:TRATTO DAL ROMANZO "TALKED TO DEATH:THE LIFE AND MURDER OF ALAN BERG" DI STEPHEN SINGULAR

Produzione:EDWARD R PRESSMAN

Distribuzione:COLUMBIA TRI STAR FILMS ITALIA (1989) - VIVIVIDEO

TRAMA

In un canale radiofonico americano, diretto da Dan, un giovane ebreo - Barry Champlain - gestisce la rubrica "Voci della notte". Moltissimi gli telefonano, cercando risposte e conforto a mille problemi. Lui ha la parola facile, i riflessi pronti ed una grinta straordinaria, tanto da tenere testa a tutti. Riceve confidenze intimissime e richieste di consigli da parte di gente sola o frustrata, giovane o anziana, da assassini, drogati e "diversi". Barry si batte contro ogni prevaricazione e ingiustizia e sempre in aperta difesa di ebrei, neri ed omosessuali. Ex-commesso di negozio, innamorato dello strumento che la sua voce ed il nuovo mestiere gli concedono, fa un lavoro stressante, aiutato da Laura (sua assistente e convivente) ed è ormai in vista di una ancor più redditizia rubrica su onda nazionale. Poi succedono varie cose: la ex-moglie Ellen viene a trovarlo e così apprende che lei, pur ammirandolo e sentendone la nostalgia, vive con un altro; riceve minacce durissime, nonchè foto macchiate di sangue, da un sedicente gruppo neonazista, che naturalmente ce l'ha a morte con lo "sporco ebreo" e con i "dannati negri"; riceve altresì insulti ed irrisioni, insieme ad isteriche acclamazioni. Solo un giovane drogato, Kent, sembra credere davvero in lui e solo l'ascoltatore Ralph (un maniaco sessuale in crisi permanente e irreversibile) gli offrirebbe asilo. Alla fine di un week-end di grande fatica per il lavoro svolto, Barry Champlain reciterà al microfono il suo inatteso "mea culpa": si riconosce troppo aggressivo, troppo ambizioso e mentitore di fronte a gente di cui in fondo gli importa pochissimo e che disprezza. Barry ha addirittura paura, si sente abbandonato da Ellen, che ha duramente respinta e solo come non mai. Alla uscita degli studi, un cacciatore di autografi (il neonazista che lo minacciava) affronta Barry e lo uccide.

CRITICA

Il film resta un'opera affidata a nervature spiccatamente teatrali che segnano una tensione ed un clima perfino claustrofobici. (Segnalazioni Cinematografiche)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica