Signori in carrozza!1951

SCHEDA FILM

Signori in carrozza!

Anno: 1951 Durata: - Origine: ITALIA Colore: -

Genere:COMICO, COMMEDIA

Regia:Luigi Zampa

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:DOMENICO FORGES DAVANZATI PER D.F.D. (ROMA), LUX FILM DE FRANCE (PARIGI)

Distribuzione:REGIONALE - LUX FILM

ATTORI

Aldo Fabrizi nel ruolo di Vincenzo Nardi
Peppino De Filippo nel ruolo di Gennaro, cognato di Vincenzo
Julien Carette nel ruolo di Direttore dei wagon-lits
Sophie Desmarets nel ruolo di Ginette
Vera Nandi nel ruolo di Clara Nardi
Nando Bruno nel ruolo di Riccardo
Anna Vita nel ruolo di Un'impiegata
Barbara Florian nel ruolo di Mirella
Maso Lotti nel ruolo di Enrico
Geraldina Parrinello nel ruolo di Michèle
Albert Rémy
Checco Durante
Claude Mocquery
Claudio Melini
Claudio Morgan
Ernesto Almirante
Françoise Lauby
Giovanna Ralli
James Campbell
Janine Marsay nel ruolo di Praline
Laure Paillette nel ruolo di Paillette
Liliane Ernout
Madò Giraldi
Marisa Merlini
Monica Clay
Noël Roquevert
Pietro De Vico
René Pascal
Simone Delamare
Vittorio André
 
 
 

MONTAGGIO

Da Roma, Eraldo
 

SCENOGRAFIA

Ciampi, Enrico

TRAMA

Vincenzo, un conduttore di vagoni letto, che trascorre la vita viaggiando fra Roma e Parigi, ha a Roma il proprio domicilio legale. Ma sua moglie è una donna alquanto trasandata, incapace di dare alla casa quell'impronta d'ordine e d'eleganza, che piacerebbe al marito. A rendergli sgradito l'ambiente familiare e a non fargli avere voglia di tornare a casa, contribuisce la presenza d'un cognato fannullone e scroccone. Queste circostanze hanno indotto il nostro conduttore, anche se è padre di due figlioli, a crearsi a Parigi una seconda famiglia con una vedova che ha una bambina. Quando viene avvertito che sarà destituito dal suo ruolo di personale viaggiante per essere assegnato al lavoro d'ufficio a Roma o a Parigi, il conduttore sceglie Parigi. Dopo qualche tempo il cognato, avendo commesso un furto a Roma, fugge a Parigi. Malgrado le bugie e i giochi d'equilibrio dell'ex conduttore, il cognato mangia la foglia e scrive alla sorella in modo da farla correre a Parigi. Di nuovo bugie e corse contro il tempo, ma alla fine la verità viene a galla. Poiché la vedova lo pianta, all'ex conduttore non resta altra scelta: si farà trasferire a Roma, rassegnandosi ad essere soltanto il marito di sua moglie e il padre dei propri figli.

CRITICA

"La collaborazione di due attori come Fabrizi e De Filippo conferisce un certo interesse al film." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 30, 1951) "[...] è la storia di un controllore dei vagoni letto che fa servizio Roma-Parigi-Roma. Zampa e i suoi sceneggiatori la sfruttano per una insignificante divagazione sulle avventure sentimentali di Aldo Fabrizi, costretto a dividere la sua vita fra le due capitali. Tolta l'abilità istrionesca del protagonista e la facile disinvoltura di Peppino De Filippo [...] il film non ha altro da offrire. Evidente è la poca convinzione di Zampa che, in altri film, si era almeno fatto notare per la corretta e disinvolta abilità del racconto". (L. Saroni, "Rassegna del Film", I, febbraio 1952).

Trova Cinema

Box office
dal 2 al 5 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica