Seven1995

SCHEDA FILM

Seven

Anno: 1995 Durata: 127 Origine: USA Colore: C

Genere:THRILLER

Regia:David Fincher

Specifiche tecniche:35 MM (EASTMAN EXR 50D 5245, EXR 200T 5287, EXR 200T 5293) - 1:2.35

Tratto da:-

Produzione:ARNOLD KOPELSON E PHYLLIS CARLYLE PER NEW LINE CINEMA

Distribuzione:WARNER BROS ITALIA (1995) - DVD CECCHI GORI HOME VIDEO (2002) - BLU RAY: CG HOME VIDEO (2009)

ATTORI

Morgan Freeman nel ruolo di William Somerset
Brad Pitt nel ruolo di David Mills
Gwyneth Paltrow nel ruolo di Tracy
Kevin Spacey nel ruolo di John Doe
Andrew Kevin Walker nel ruolo di Uomo morto
Bob Mack nel ruolo di Goloso
Daniel Zacapa nel ruolo di Detective Taylor
John C. McGinley nel ruolo di California
John Cassini nel ruolo di Agente Davis
Peter Crombie nel ruolo di Dottor O'Neill
R. Lee Ermey nel ruolo di Capitano
Richard Roundtree nel ruolo di Martin Talbot
Ter Combrie nel ruolo di Dr. O'Neill
 
 

SCENEGGIATORE

Walker, Andrew Kevin
 

MUSICHE

Shore, Howard
 
 

SCENOGRAFIA

Max, Arthur
 

COSTUMISTA

Kaplan, Michael

TRAMA

L'anziano ed esperto detective nero William Somerset mentre sta per andare in pensione viene affiancato dal giovane e irruento collega bianco David Mills. Per la sua vasta esperienza il primo tratta con sufficienza l'altro, specie quando devono indagare sull'assassinio di un iperobeso, ingozzato per i suoi peccati di "gola" fino al soffocamento. Mentre Somerset vorrebbe lasciare il caso a Mills, convinto che l'omicida sia un serial-killer, il capo insiste perché i due lavorino assieme. La moglie di Mills, Tracy, convinta che Somerset sia un opportuno freno all'irruenza del marito, lo invita a cena e simpatizza con lui. La seconda vittima è Gould, un losco avvocato noto per la sua "avarizia": viene scoperto che un quadro è stato capovolto dal killer ed all'interno spicca la scritta "aiutatemi" scritta col sangue e si notano alcune impronte, le quali, dopo lunga ricerca, risultano essere di un pregiudicato, che viene trovato nella sua abitazione morto per "accidia". Poi Tracy invita Somerset per un drink e gli confida che aspetta un bambino. Intanto proseguono le ricerche nella biblioteca, e Somerset chiede ad un informatore dell'F.B.I. notizie su libri legati ai sette peccati capitali ed eventuali lettori di libri schedati dai Federali. Scoprono così un testo preso in prestito da tale John Doe e vanno all'abitazione di costui che, rientrando, spara agli agenti e fugge, inseguito da Mills che viene ferito dal killer. Sfondata la porta dell'appartamento, trovano un armamentario inquietante, ma nessuna impronta dell'omicida che, frattanto, punisce la "lussuria" costringendo un uomo a sventrare una prostituta con un infernale aggeggio; poi il killer punisce la "superbia" tagliando la faccia ad una donna esibizionista; infine, a sorpresa, il killer si costituisce. Dichiara di aver nascosto gli ultimi due corpi in una località deserta fuori città, dove li consegnerà solo ai due detective. Qui l'autista di un furgone recapita, a sorpresa, un pacco con dentro la testa di Tracy: John l'ha uccisa per "invidia" di Mills, che colto da "ira", nonostante le suppliche di Somerset, lo uccide.

CRITICA

"Due detective a caccia di un serial-killer che intende punire l'Umanità corrotta. Per questo inscena dei macabri delitti ispirati ai sette vizi capitali. Ma il rompicapo delirante coinvolge anche peccati e debolezze dei rappresentanti della Legge. Crudo, angoscioso, visionario, senza solarità. "Il silenzio degli innocenti" degli anni '90. Le idee di sceneggiatura sono abbondanti ma freddamente premeditate e confusamente concatenate: ed è il colmo che, in tanto spreco di torbide ossessioni, lo spettatore si scopra del tutto disinteressato ai casi dei poveri personaggi. Il difetto, a pensarci bene, sta nell'influsso cinéfilo europeo che induce promettenti ed aggiornati cineasti americani a rendersi sofisticati ed emblematici, mettendo allegramente nel cantuccio le proverbiali essenzialità ed asciuttezza drammaturgiche: come accade nel recente ed altrettanto elegante I soliti sospetti, il regista privilegia una lettura allusiva e trasgressiva (la rivolta contro il "corpo" ed il culto dell'esteriorità come patologia criminale intonata all'avanzare della Nuova Destra di Gingrich ecc.) alla plausibilità dei moventi, alla coerenza psicologica ed alla consequenzialità delle scene madri. (Il Mattino, Valerio Caprara, 31/12/95)" "Forse, in un'opera di sicuro rilievo, lo sconcerto, l'annichilimento è più negli oggetti, nel mondo esteriore che nelle persone, nella loro interiorità. Il limite, questo, di un tipo di narrativa che, nata da un "genere", lo nobilita con trapianti di illustre derivazione. Ma, tutto sommato, non lo supera. E, rispetto a 'Il silenzio degli innocenti', rimanda un'angoscia che non si fa mai metafisica." (Avvenire, Francesco Bolzoni, 29/12/95) "Presentandosi con dei titoli di testa ispirati ai modi dell'avanguardia e ricavando suggestione dalla fotografia "all'europea" del francese Darius Khondji (quello di 'Prima della pioggia'),' Seven', a differenza dei soliti "thrilling" tratta la violenza come una natura morta. C'è da scommettere che questo nuovissimo sorprendente Fincher ha una notevole familiarità con la pittura contemporanea: ed è proprio come se dei quadri di Francis Bacon fossero inseriti in un contesto ispirato agli iperrealisti made in USA. Il tutto attinge per virtù di stile a un livello tragico e metaforico decisamente insolito nel cinema di genere. Gli interpreti sono intonatissimi, oltre a quelli nominati, Kevin Spacey si fa apprezzare per un'ambiguità minacciosa da grande caratterista. Però Seven non sarebbe lo stesso film senza il carisma di Morgan Freeman, che sa essere incisivo attraverso la semplicità come riesce solo ai grandissimi. Già nominato per l'Oscar in 3 diverse occasioni, lo sarà di nuovo per Seven: e finora non si vede chi potrebbe contendergli il premio." (Corriere della Sera, Tullio Kezich, 19/12/95)

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica