Senza arte n? parte2010

SCHEDA FILM

Senza arte né parte

Anno: 2010 Durata: 90 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:Giovanni Albanese

Specifiche tecniche:35 MM

Tratto da:-

Produzione:LIONELLO CERRI PER LUMIÈRE & CO IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA

Distribuzione:01 DISTRIBUTION (2011)

ATTORI

Vincenzo Salemme nel ruolo di Enzo Gesumunno
Giuseppe Battiston nel ruolo di Carmine Bandiera
Donatella Finocchiaro nel ruolo di Aurora
Hassani Shapi nel ruolo di Bandula
Giulio Beranek nel ruolo di Marcellino
Ernesto Mahieux nel ruolo di Don Elio
Ninni Bruschetta nel ruolo di Ciccio Rizzuto
Mariolina De Fano nel ruolo di Mamma di Carmine e Marcellino
Paolo Sassanelli nel ruolo di Alfonso Tammaro
Sonia Bergamasco nel ruolo di Giulia Manna
Alessandra Sarno nel ruolo di Egle Tammaro
Chiara Torelli nel ruolo di Angelique
Giusy Frallonardo nel ruolo di Annamaria
Elena Cantarone nel ruolo di Eva Saluzzo
Dante Marmone nel ruolo di Pinuccio
Guglielmo Ferraiola nel ruolo di Notaio Varrone
Pietro Ciciriello nel ruolo di Fornaio
Sara Piccinno nel ruolo di Figlia di Tammaro
Alessandra De Luca nel ruolo di Figlia di Tammaro
Michele Trecca nel ruolo di Battitore asta
Vinicio Pittalis nel ruolo di Ceffo del porto
Michele Bandiera nel ruolo di Addetto sala
Ippolito Chiarello nel ruolo di Nicotra
Franco Miccoli nel ruolo di Capitano Finanza
Fabio Frisenda nel ruolo di Imbianchino
Mimmo Padrone nel ruolo di Cameriere albergo
Luigi Cesaria nel ruolo di Venditore mercato
Lea Barletti nel ruolo di Venditrice mercato
Leonardo Pellegrino nel ruolo di Leo Gesumunno
Paolo Cretì nel ruolo di Simone Gesumunno
Caterina Valente nel ruolo di Autista pulmino
Daniele Esposito nel ruolo di Vigilantes asta
Francesco Maiorca nel ruolo di Addetto asta
 

MUSICHE

Pagani, Mauro
 
 

SCENOGRAFIA

Balestra, Sabrina
 

COSTUMISTA

Materia, Grazia

TRAMA

Enzo, Carmine e Bandula sono operai del salentino Premiato Pastificio Tammaro. Quando il proprietario della fabbrica decide di chiudere il vecchio stabilimento per riaprirne uno nuovo, tutto meccanizzato, il gruppo di lavoratori si ritrova disoccupato e costretto a trovare un modo per mantenere se stessi e le loro famiglie. Poi, a Enzo e Carmine viene offerto un lavoro temporaneo, in nero, come custodi del magazzino che ospita una collezione di opere d'arte contemporanea. Dopo l'iniziale rifiuto per un mondo a loro sconosciuto Enzo e i suoi amici, spinti dalla disperazione e dalla voglia di riscatto, decidono di provare a rifare alcune delle opere d'arte: da quel momento partirà una truffa in grande stile...

CRITICA

"A volte i titoli fanno la critica: la commedia dell'artista-regista Giovanni Albanese è 'Senza arte né parte'. Ancora Puglia (la Film Commission lavora bene, troppo), ancora Vendola (scoprite il product placement), ancora precarietà, e pure un migrante e un gay: al presepe mancano solo bue e asinello, al film tutto il resto. (...) Si ride poco, si solidarizza meno: non è commedia sociale, ma innocua evasione dal Brutto Paese, che combina alto (arte contemporanea) e basso (povericristi) per cadere più giù. Si salva solo il tamarro situazionista Giulio Beranek, il resto va all'asta del politically correct." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 5 maggio 2011) "Il finale sarà egualmente roseo perché, dando man forte all' idea di Albanese, lo sceneggiatore Fabio Bonifacci ('Oggi sposi', 'Si può fare', 'Diverso da chi') ha costruito per lui una vera e propria commedia all'italiana in cui, all'insegna di imprese truffaldine, si fanno evolvere situazioni fra l'umorismo e l'ironia, attraversate da personaggi dagli aspetti qua e là caricaturali ma non certo privi di una simpatica e sincera umanità anche quando certi vezzi danno loro curiosi cipigli e certi passaggi psicologici li forniscono di fisionomie ora ammiccanti ora fra il balordo e l'ingenuo. Le coloriscono con modi particolarmente efficaci Giuseppe Battiston e Vincenzo Salemme, piacevolmente spalleggiati, fra i tanti, da Donatella Finocchiaro, Sonia Bergamasco, Ernesto Mahieux, Paolo Sassanelli. Tutti pronti per un motivo o per un altro, a far ridere con malizia." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo cronaca di Roma', 6 maggio 2011) "Nel 1994 la drammaturga Yasmina Reza conquistò fama internazionale con la commedia 'Art' dove tre amici si scontravano davanti a una tela bianca. 'Senza arte né parte' prende avvio da analogo spunto, ma qui a indurre tre operai del Salento a occuparsi di problemi estetici è la prospettiva di fare un po' di soldi. (...) L'idea poteva essere divertente e il film non manca di simpatia, ma stenta a decollare e, nonostante la bravura degli attori, i personaggi restano inconsistenti." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 6 maggio 2011)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica