Scent of a Woman - Profumo di donna1992

SCHEDA FILM

Scent of a Woman - Profumo di donna

Anno: 1992 Durata: 144 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Martin Brest

Specifiche tecniche:PANORAMICA A COLORI

Tratto da:Basato sulla novella di Giovanni Arpino "Il buio e il miele" e sul film italiano 'Profumo di donna' di Dino Risi.

Produzione:MARTIN BREST PER CITY LIGHT FILMS, UNIVERSAL PICTURES

Distribuzione:UIP (1993) - DEAN FILM, DE AGOSTINI, PANARECORD - LASERDISC: RCS FILM & TV, PIONEER ELECTONICS

ATTORI

Al Pacino nel ruolo di Col. Frank Slade
Chris O'Donnell nel ruolo di Charlie Simms
Gabrielle Anwar nel ruolo di Donna
Richard Venture nel ruolo di W.R.Slade
Philip Seymour Hoffman nel ruolo di George Willis Jr.
Rochelle Oliver nel ruolo di Gretchen
Bradley Whitford nel ruolo di Randy
Margaret Eginton nel ruolo di Gail
Tom Riis Farrell nel ruolo di Garry
Nicholas Sadler nel ruolo di Harry Havemeyer
Todd Louiso nel ruolo di Trent Potter
Gene Canfield nel ruolo di Manny
Frances Conroy nel ruolo di Christine Downes
Francfes Conroy nel ruolo di Christine Downes
Anh Doung nel ruolo di Sofia
Ron Eldard nel ruolo di Ufficiale Gore
Leonard Gaines nel ruolo di Freddie Bisco
David Lansbury nel ruolo di Michael
Jamies Rebhorn nel ruolo di Mr. Trask
Michael Santoro nel ruolo di Donny Rossi
Matt Smith nel ruolo di Jimmy Jameson
June Squibb nel ruolo di Mrs. Hunsaker
Alyson Feldman nel ruolo di Francine Rossi
Baxter Harris nel ruolo di George Willis
Erika Feldman nel ruolo di Francine Rossi
Francie Swift nel ruolo di Hostess
J.T. Cromwell nel ruolo di Cameriere alla sala da ballo
Joseph Palmas nel ruolo di Bellhop
Julian Stein nel ruolo di Willie Rossi
Mansoor Najeeullah nel ruolo di Skycap
Max Stein nel ruolo di Willie Rossi
Michel Simon nel ruolo di Cameriere alla Oak Room
Peter Carew nel ruolo di Bootblack
Sally Murphy nel ruolo di Karen Rossi
William Beckwith nel ruolo di Maitre della Oak Room
 

SCENEGGIATORE

Goldman, Bo
 

MUSICHE

Newman, Thomas
 

MONTAGGIO

Steinkamp, William
 

SCENOGRAFIA

Graham, Angelo
 

TRAMA

Di modesta famiglia, Charlie Simms è riuscito a frequentare un college elitario a Baird, vivono a Boston. Per guadagnare un po' di dollari, il giovane accetta di tener compagnia per un week-end a Frank Slade, un anziano colonnello, la cui nipote, con marito e figli, vuole passare altrove il Giorno del Ringraziamento. Prima di entrare in servizio, Charlie insieme ad un amico, George Willis Jr., ha assistito ai preparativi di uno scherzo contro il preside, che viene inondato da un liquido colorato. Il preside apre una inchiesta ed esige dai due testimoni i nomi dei colpevoli: se non li avrà, Charlie perderà la borsa di studio per Harward. Quanto a George, nulla potrà capitargli, perché il padre è uno dei finanziatori della Scuola. Intanto, i primi approcci con il colonnello sono difficili: Slade è cieco, scorbutico, beone ed aggressivo, parla solo di servizio militare e disciplina. In più, partiti i parenti, egli decide di divertirsi. Con l'aiuto di Charlie il colonnello vola a New York e prende una suite al Waldorf Astoria, noleggia una limusine con l'autista e frequenta ristoranti di lusso. Una notte, di ritorno da una fugace avventura, tenta di spararsi, perché si sente invecchiato e deluso. Charlie è solo, non ha accanto a se né padre, né patrigno (un bottegaio dell'Oregon), ma insiste nel non voler denunciare i compaagni, a costo di compromettere il proprio avvenire. Ma ecco presentarsi il colonnello Slade, che esaltando i ragazzi onesti e non delatori e ridimensionando quelli fortunati, strappa l'applauso degli allievi ed un verdetto favorevole dei professori.

CRITICA

"Interminabile e retorico rifacimento made in Usa dell'omonimo film di Dino Risi, di cui non ha né la grazia né l'acutezza psicologica, anche se ha qualche momento toccante, come nella stupenda scena del tango. Con una delle scene madri più logorroiche della storia quel magnifico gigione di Al Pacino intontisce i giurati e si guadagna l'Oscar". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 28 agosto 2000) '"Più che un remake è uno scippo. Un'appropriazione indebita. O un furto d'anima e di carne." (Gianni Canova, da Sette de 'Il Corriere della Sera') "Conservato il personaggio centrale tutto segue facili schermi hollywoodiani. Climi tesi, comunque, e anche qualche graffio ironico." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo')

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica