SCHEDA FILM

SCACCO MORTALE

Anno: 1992 Durata: 102 Origine: USA Colore: C

Genere:THRILLER

Regia:-

Specifiche tecniche:SCOPE A COLORI

Tratto da:-

Produzione:KINGHT MOVES PRODUCTIONS, LOS ANGELES - CINEVOXFILMPRODUKTION, MUNICA

Distribuzione:FILMAURO - VIDEO E LASERDISC: COLUMBIA TRSTAR HOME VIDEO (WINNERS)

TRAMA

Mentre si svolge un incontro tra due giovani scacchisti, il perdente aggredisce, ferendolo, Peter Sanderson, il vincitore. Il giovanetto, che è affidato, assieme alla madre alcoolizzata, alle cure di uno psicoterapeuta, assiste poi impassibile al suicidio per svenamento di quest'ultima e seguita ad esercitarsi impassibile con la scacchiera. Anni più tardi Peter Sanderson, il vincente dei due ragazzi, è impegnato vittoriosamente in un torneo internazionale, ed anche con una delle hostess della manifestazione, Debbie. Dopo un convegno galante con lo scacchista, costei viene trovata morta per dissanguamento, e Peter riceve la telefonata dell'assassino che annuncia l'inizio di una partita con lui. La catena dei misteriosi delitti prosegue, con l'assassino che scrive parole apparentemente senza senso accanto alle vittime, tutte uccise nello stesso modo. La polizia, guidata dal capitano Frank Sedman, tenta invano di localizzare le sue telefonate a Peter. Costui ha, nel contempo, una relazione con una psicologa incaricata dalla polizia di indagare su di lui, Kathy Sheppard, e finisce per destare forti sospetti negli inquirenti e nella stessa psicologa. Si scopre che tutte le vittime hanno preso da poco casa in città tramite la stessa agenzia immobiliare. Ma la ragazza che gestisce il computer afferma che nessun altro lo usa. Il vecchio maestro di Peter, un non vedente, viene trovato morto con un modulatore di voce, e con la scritta "non posso continuare a farlo". Di qui la polizia deduce che il cieco è il misterioso interlocutore telefonico e complice di Peter che viene arrestato, nonostante abbia capito il meccanismo del gioco mortale: il maniaco ha trasformato la mappa dell'isola in una scacchiera e gioca un vecchio incontro perso da Peter con l'attuale suo avversario, il russo Yurilivich. Ma l'assassino nell'ultimo messaggio svela la mossa finale, lo "scacco mortale": l'anagramma delle iniziali delle parole scritte accanto alle vittime formano il nome della figlia di Peter, Erica, che lui ha avuto dall'ex moglie, suicida a causa di una forte crisi coniugale ed esistenziale. La polizia non crede a Peter, che riesce però a fuggire, sottraendo la pistola a Sedman, mentre Kathy sta indagando al suo istituto psichiatrico su tutti i pazienti analizzati, perchè l'orma inconfondibile del maniaco è stata vista nel giardino dell'istituto, e lei sospetta sia uno dei pazienti. Andy Wagner, l'assistente di Sedman, va comunque a prendere la piccola, ma viene assassinato dal maniaco, che trascina Erica nei sotterranei dell'albergo. Ma Peter riconosce dal rumore della pompa dell'acqua il luogo e vi si precipita, ingaggiando una lotta mortale con l'assassino, che non è altri che il tecnico al computer del torneo, il quale da ragazzo aveva aggredito Peter. La rivalità con Peter, più fortunato di lui, si è ingigantita in tutti questi anni nella sua mente malata fino ad ossessionarlo ed a spingerlo alla macabra partita a scacchi coll'ignaro rivale, che in extremis riesce ad ucciderlo.

CRITICA

Thriller ben congegnato e diretto anche se la figura del maniaco inafferrabile non è certo una novità sugli schermi hollywoodiani, questo "Scacco mortale" mostra il lato debole proprio nel produttore protagonista Lambert, qui più che altrove ai vertici della ben nota inespressività. Meglio i coprotagonisti, da Diane Lane a Tom Skerritt. Un pò macchinoso e ridondante la sequenza finale, tirata allo spasimo oltre ogni limite del credibile, e una presenza, non certo indispensabile, di scene pruriginose, nonchè di espressioni verbali assai pesanti. Comunque, dal punto di vista morale notano la coesistenza di fattori positivi accanto a quelli negativi, anche se l'atmosfera generale del film, con tutte quelle donne dissanguate e imbellettate è piuttosto deprimente. Buona fotografia e colonna sonora dignitosa. (Segnalazioni cinematografiche)

Trova Cinema

Box office
dal 19 al 22 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica