Rec2007

SCHEDA FILM

Rec

Anno: 2007 Durata: 85 Origine: SPAGNA Colore: C

Genere:HORROR

Regia:Jaume Balagueró|Paco Plaza

Specifiche tecniche:DIGITALE, 35MM (1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:JULIO FERNANDEZ, CARLOS FERNANDEZ, ALBERTO MARINI PER FILMAX

Distribuzione:MEDIAFILM (2008), DVD E BLU-RAY: MEDIAFILM HOME ENTERTAINMENT (2008)

ATTORI

Manuela Velasco nel ruolo di Ángela
Ferran Terraza nel ruolo di Manu
Jorge Serrano nel ruolo di Sergio
Pablo Rosso nel ruolo di Marcos
David Vert nel ruolo di Álex
Carlos Vicente nel ruolo di Guillem
Martha Carbonell nel ruolo di Sig.ra Izquierdo
María Teresa Ortega nel ruolo di Nonna
Manuel Bronchud nel ruolo di Nonno
Vicente Gil nel ruolo di Poliziotto
 

MUSICHE

Ann, Carlos
 

MONTAGGIO

Gallart, David
 

SCENOGRAFIA

Fauría, Gemma
 

COSTUMISTA

Viguer, Glòria

TRAMA

Ángela, una giovane reporter televisiva alla ricerca di uno scoop, si reca immediatamente con il suo cameraman sul luogo di intervento dei pompieri chiamati ad aiutare un'anziana signora rimasta intrappolata nella sua casa. Per la giornalista sembra finalmente presentarsi la storia sensazionale che aspettava ma, quando inizia ad intervistare i vicini della signora, si rende conto di essere di fronte ad un racconto del terrore...

CRITICA

Dalle note di regia: "Volevamo trovare la chiave per ricostruire un'esperienza terrificante, da incubo, nel modo più credibile possibile, al punto da riuscire a coinvolgere lo spettatore più di quanto fosse mai accaduto nel cinema tradizionale. Per questa ragione abbiamo scelto di narrare la storia come si fa per un servizio televisivo, riprendendo l'orrore in tempo reale, senza tagli né manipolazioni. L'idea era di evitare il ricorso alle tecniche di suspense e di narrazione generalmente utilizzate lasciando che l'azione si svolgesse davanti a noi in modo tangibile, inarrestabile, vero e reale. Abbiamo deciso, pertanto, di mettere sulla scena, dal vivo, il terrore e le sue componenti, e di lasciare che si esprimessero senza nessun intervento esterno. Abbiamo così ricreato, artificialmente, una situazione di estremo orrore, e abbiamo lasciato che si sviluppasse. A questo punto rimaneva solo da riprendere la scena, per testimoniare il fatto che eravamo anche noi parte di quell'orrore di cui eravamo artefici e che, per nostra fortuna, avevamo sconfitto per poterlo raccontare." "In 'Rec', Jaume Balaguerò, qui affiancato dal più giovane Paco Plaza conferma le sue doti di maestro spagnolo della paura di cui ci aveva già dato ampi saggi con i precedenti 'Nameless' e soprattutto con 'Para entrar a vivir'. Siamo dalle parti di un reality show dal titolo 'Mientras Usted Duermes', in cui una giovane giornalista segue con il suo cameraman ogni notte una pattuglia dei pompieri per andare a documentare quotidiane disgrazie di città. (...) La ricetta vincente di Balaguerò, che ha fatto del suo cinema una formula campione di incassi in Spagna, sostenuta dalla produzione indipendente Filmax, è quella di accostare l'orrore alla quotidianità più stretta. 'L'horror della porta accanto' lo ribattezza Paco Plaza, quello che si può scatenare non in occasioni eccezionali, ma qui e ora, proprio nel tuo condominio, magari proprio nella tua casa. Strettamente digitale, montaggio minimo di lunghissimi piani sequenza, 'Rec' fa letteralmente sudare freddo. Proprio quello che ci voleva, dopo le disgrazie d'amore. Il cinema, a Venezia, quest'anno inizia da qui, da lacrime e urla." (Roberta Ronconi, 'Liberazione', 30 agosto 2007) "Fa meglio del suo solito Jaume Balguerò. Specialista di cinema horror, lo spagnolo ha diretto a due mani col collega Paco Plaza un truculento splatter dal titolo 'Rec'. Il soggetto è una declinazione di quello, eterno, della 'Notte dei morti viventi', mentre lo stile viene da 'Blair Witch Project'. Chi sorvola sull'improbabilità di un cameraman più dedito al lavoro che spaventato dai cannibali, sarà ripagato con qualche brivido di raccapriccio." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 30 agossto 2007) "Gli zombi del 2000? I media. Prima fra tutti la televisione che cannibalizza la realtà, la manipola, la rende finzione e viceversa, come un virus che si diffonde incontrastato, come un incubo senza fìne. Un vero film horror, insomma. E' 'Rec' la prima sorpresa 'da paura' che ieri ha inaugurato fuori concorso la sezione Venezia notte, ospitando questo horror spagnolo firmato in coppia da due giovani autori di culto per gli appassionati del genere: Jaume Balaguerò, già noto al pubblico della Mostra per i precedenti 'Fragile' e 'Para entrar a vivir', e Paco Plaza anche lui molto amato e premiato in patria." (Gabriella Gallozzi, 'L'Unità', 30 agosto 2007) "Riprendendo la struttura narrativa del grande successo horror del decennio scorso, 'The Blair Witch Project', gli spagnoli Jaume Balaguerò e Paco Plaza, già di culto tra gli amanti del genere, mettono assieme una paella veloce ma sostanziosa, che in un'ora e un quarto mescola sullo stesso pentolone la critiche sull'onnipresenza dei media (e la giovane Manuela Velasco è notevolissima nella parte della giornalista che passa dai problemi della messa in piega allo splatter), delle belle scene di tensione e paura, e poi, sempre in nome di una Spagna libera ed evoluta, questa finale sferzata anti-religiosa che suona tanto come un rigurgito ancora rimasto lì dal recente passato iberico. Certo, il fatto stesso che si possano mescolare zombi e preti nello stesso film - e non in tono di commedia - dimostra che di strada se ne è fatta comunque parecchia, ma il merito di questo 'Rec' comunque rimane nella sua fattura convincente, anche se come si è detto fortemente derivativa e non certo originale. E Cinema 2.0, ma non per questo non deve far paura, o far pensare." (M.B., 'Il Riformista', 1 settembre 2007) "Lasciate ogni speranza, o voi ch'entrate. Avvertimento d'obbligo per gli spettatori di 'Rec', horror angusto e demoniaco dalle marcate venature antisistema. (...) L'occhio del cinema si affida beffardamente alla testimonianza di quello della televisione. La paura mangia l'anima dei partecipanti partendo dal pregiudizio di livorose dispute del quotidiano: i sospetti verso la famigliola cinese, l'omosessuale furbetto, il malato di turno, tutti ripresi in mezzo al trambusto con morbosità dal cameraman. Con un codino ironicamente anticlericale dove l'improvvida chiesa cattolica a suo modo l'ha combinata grossa. Un film che fa tanta, troppa, insostenibile paura.." (Davide Turrini, 'Liberazione', 29 febbraio 2008)

Trova Cinema

Box office
dal 2 al 5 aprile

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica