Presenze1992

SCHEDA FILM

Presenze

Anno: 1992 Durata: 98 Origine: GRAN BRETAGNA Colore: C

Genere:GIALLO

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:romanzo di Henry James

Produzione:LAKEDELL L.

Distribuzione:CHANGE FILM - MINERVA VIDEO

TRAMA

Un uomo benestante assume una ragazza come governante per i suoi due figli. Quando la giovane arriva nella casa, si rende ben presto conto che i bambini non sono ciò che sembrano...

CRITICA

"Come è noto, nel lungo racconto scritto nel 1898, dietro l'apparenza di una storia di fantasmi e quindi all'interno di uno dei più collaudati generi del romanzo anglosassone, quello gotico, James orchestra una quantità di temi stupefacente, un'ambiguità narrativa assolutamente esemplare. 'Presenze', ovviamente, scarnifica e semplifica i complessi significanti e le allegoriche suggestioni dello scrittore americano, preferendo un approccio a metà strada tra l'horror e il giallo psicologico e catapultando la vicenda negli anni Sessanta: la voce narrante è, ad esempio, affidata ad una invecchiatissima Marianne Faithfull, musa inquietante del rock e popsinger dalla voce rauca di quegli anni. (?) Il film accentua gli elementi orridi e raccapriccianti ma li circoscrive nei limiti della decenza." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 1 luglio 1993) "Clayton, con una regia tutta misteri e allusioni, pur accettando gli spettri, che lo stesso James aveva definito un gioco di bravura, era riuscito a tenere tutto fra il non detto e il sospeso, con un finale aperto che accennava solo in modo implicito alla tragedia enunciata invece chiaramente dall'autore letterario (la morte del bambino); l'esordiente inglese Rusty Lemorande, nel film di oggi, per un verso invece segue fedelmente il testo e per un altro, secondo la moda horror contemporanea, lo carica di accenti apertamente visionari privilegiando sul realismo la più colorata fantasia." ('Il Tempo', 2 luglio 1993) "Non c'è quasi sequenza, in questo film di Rusty Lemorande, in cui non compaiano oggetti, forme o linee circolari: dagli ombrelli ai vasi, dai tappeti alle circonferenze di luce, l'insistenza sul tema del cerchio richiama il motivo del giro (di vite) del racconto di Henry James da cui il film di Lemorande prende via. (?) Siamo lontani dalle atmosfere allarmanti e splendidamente ambigue di quel capolavoro di trascrizione cinematografica del racconto di James che è 'The Innocents' ('Suspence', 1961) di Jack Clayton; ma va riconosciuta a 'Presenze' almeno l'efficacia con cui cerca di rendere i soprassalti e i sussulti della protagonista (una volonterosa ma inadeguata Patsy Kensit). Da notare, nel bel décor zeppo di bambole, pupazzi, carillon e burattini, la presenza centrale della lanterna magica su cui scorrono i titoli: quasi a suggerire che la scrittura di Henry James è già cinema di per sé. Spettrale." ('Sette', 8 luglio 1993)

Trova Cinema

Box office
dal 5 al 8 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Frozen 2 - Il segreto di Arendelle  6.899.794
    Frozen 2 - Il segreto di Arendelle

    La Regina Elsa e la principessa Anna si spingeranno ancora oltre i confini del loro regno per scoprire qualcosa tenuto a lungo nascosto....

  2. 2. Un giorno di pioggia a New York  1.240.439
  3. 3. Cetto c'è, senzadubbiamente  1.115.564
  4. 4. L'ufficiale e la spia  721.370
  5. 5. Midway  576.769
  6. 7. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  224.251
  7. 8. Parasite  141.341
  8. 9. Il Peccato  136.808
  9. 10. Countdown  132.262

Tutta la classifica