Poveri ma belli1956

SCHEDA FILM

Poveri ma belli

Anno: 1956 Durata: 102 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:COMMEDIA

Regia:Dino Risi

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:SILVIO CLEMENTELLI PER TITANUS

Distribuzione:TITANUS - CREAZIONI HOME VIDEO, MONDADORI VIDEO, GRUPPOM EDITORIALE BRAMANTE (IL GRANDE CINEMA, CINECITTA'), DVD: 01 DISTRIBUTION HOME VIDEO (2009)

ATTORI

Marisa Allasio nel ruolo di Giovanna
Maurizio Arena nel ruolo di Romolo
Renato Salvatori nel ruolo di Salvatore
Memmo Carotenuto nel ruolo di Tranviere
Alessandra Panaro nel ruolo di Anna Maria
Mario Carotenuto nel ruolo di Zio Mario
Lorella De Luca nel ruolo di Marisa
Virgilio Riento nel ruolo di Padre di Giovanna
Ettore Manni nel ruolo di Ugo
Gildo Bocci nel ruolo di Il portinaio
Carla Onofrio
Claudine Astrella
Erminio Spalla
Lina Ferri
Luciano Basso
Luciano Berti
Marcello Avallone
Mario Ambrosino
Maurizio Monticelli
Mimmo Poli
Nino Vingelli
Riccardo Ferri
Rossella Como
Sergio Cardinaletti
Tina De Santis
Ughetto Bertucci
 

SOGGETTO

Risi, Dino
 

MONTAGGIO

Serandrei, Mario
 

SCENOGRAFIA

Filippone, Piero
 

COSTUMISTA

Montresor, Beni

TRAMA

In un caseggiato di uno dei più antichi rioni di Roma vivono due giovani bulli, Romolo e Salvatore, vanagloriosi e spacconi, poco amanti del lavoro, con l'animo intento ai facili amori. Romolo fa il bagnino in uno stabilimento balneare sul Tevere e Salvatore è commesso in un negozio di dischi. I due sono amici intimi ed anche le loro famiglie sono tra loro legate. Accade che non lontano dalla loro casa apre bottega un sarto che ha una bella figliola, Giovanna. I due giovani si mettono a fare la corte alla ragazza, che lavora nella bottega paterna e non disprezza i loro omaggi. I due sono molto diversi di temperamento: Romolo è gioviale e scherzoso, mentre Salvatore ha un carattere un po' aspro ed è geloso. Ciascuno dei due si crede il prescelto, mentre in realtà Giovanna è in dubbio e non sa decidersi. Alla fine risolve di promettersi a Salvatore, ma quando Romolo finge di uccidersi per il dispiacere di perderla, le cose tornano al punto di prima. E così continuerebbero per un tempo indefinito se Giovanna non incontrasse un precedente fidanzato, del quale è ancora innamorata. Romolo e Salvatore restano delusi, ma non tardano a consolarsi: ciascuno dei due supera la crisi corteggiando la sorella dell'altro.

CRITICA

"Roma e un certo ambiente popolaresco continua ad essere l'argomento preferito del cinema italiano più sincero: un cinema senza eccessive pretese polemiche (...) ma non per questo meno lieto e vitale, meno autentico e piacevole". (Gian Luigi Rondi, "La Fiera Letteraria", 13 gennaio 1957). "Piacevole e arguta commedia di borgata del giovane Dino Risi che con vivaci pennellate fa il gustoso ritratto di una Roma che non c'è più, sbeffeggiando con benevola indulgenza bulletti e pupattole. La provocante Marisa Allasio straripa dal bikini mandando come è ovvio in tilt, oltre agli spettatori maschi, i compianti (e incredibilmente bravi) Maurizio Arena e Renato Salvatori". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 7 agosto 2001)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica