Attacco al potere - Olympus Has Fallen2013

SCHEDA FILM

Attacco al potere - Olympus Has Fallen

Anno: 2013 Durata: 120 Origine: USA Colore: C

Genere:THRILLER

Regia:Antoine Fuqua

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:GERARD BUTLER, ED CATHELL III, MARK GILL, ALAN SIEGEL PER MILLENNIUM FILMS, NU IMAGE/MILLENNIUM FILMS, WEST COAST FILM PARTNERS, SONY PICTURES ENTERTAINMENT (SPE)

Distribuzione:NOTORIOUS PICTURES

ATTORI

Gerard Butler nel ruolo di Agente Mike Banning
Aaron Eckhart nel ruolo di Presidente Benjamin Asher
Angela Bassett nel ruolo di Lynn Jacobs, Direttore Servizi Segreti
Morgan Freeman nel ruolo di Portavoce Trumbull
Dylan McDermott nel ruolo di Forbes
Melissa Leo nel ruolo di Ruth McMillan, Segreatario della Difesa
Ashley Judd nel ruolo di Margaret Asher, First Lady
Rick Yune nel ruolo di Kang
Robert Forster nel ruolo di Generale Edward Clegg
Cole Hauser nel ruolo di Agente Roma
Radha Mitchell nel ruolo di Leah Banning
Finley Jacobsen nel ruolo di Connor
Phil Austin nel ruolo di Vice Presidente Charlie Rodriguez
Freddy Bosche nel ruolo di Diaz
Lance Broadway nel ruolo di O'Neil
Sean O'Bryan nel ruolo di Ray Monroe
Keong Sim nel ruolo di Lee Tae-Woo
Kevin Moon nel ruolo di Cho
Malana Lea nel ruolo di Lim
Sam Medina nel ruolo di Yu
Tory Kittles nel ruolo di Agente Jones
Shane Land nel ruolo di Agente Davis
Shanna Forrestall nel ruolo di Mary Jane Fuller
Dorothy Deavers nel ruolo di Sig.ra Mosely
James Ingersoll nel ruolo di Ammiraglio Nathan Hoenig
 

MUSICHE

Morris, Trevor
 

MONTAGGIO

Refoua, John
 

SCENOGRAFIA

Hill, Derek R.
 

COSTUMISTA

Hall, Douglas
 

EFFETTI

Jacobs, Evan

TRAMA

A causa dei rapporti tesi tra USA e Corea del Nord un gruppo di terroristi armati fino ai denti e meticolosamente addestrati mette in atto un agguato alla Casa Bianca, in pieno giorno. Il Presidente Benjamin Asher viene preso in ostaggio e rinchiuso nel bunker sotterraneo assieme al suo staff: l'obiettivo dei terroristi è quello di mettere sotto assedio l'intera nazione. Nel frattempo, sul prato del palazzo presidenziale ha luogo la battaglia campale; l'agente della CIA Mike Banning, capo del servizio di sicurezza e unico fra i colleghi a non essere stato sequestrato, vi si trova coinvolto. Mentre nel bunker cominciano le torture, Banning, dall'esterno, si trova costretto a trattare con i terroristi per evitare il peggio, non solo per il Presidente ma per tutto il paese.

CRITICA

"Sfruttando senza pudore la cronaca più allarmante (le minacce atomiche della Corea del Nord), Hollywood s'è affrettata a sostituire i cattivi un po' decotti di ieri, dai russi ai terroristi arabi, nella prima di una serie di storie dove la parte del diavolo tocca ai coreani. L'andamento e l'unità di spazio ricordano dappresso il primo 'Die Hard' ('Trappola di cristallo'), di cui manca però l'ironia. C'è da preoccuparsi, invece. Intanto perché un commando di assassini può entrare nel bunker della Casa Bianca senza colpo ferire. Poi perché la salvezza generale è affidata a un solo uomo: l'ex-responsabile della sicurezza presidenziale, in crisi per non essere riuscito a salvare la moglie del capo." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 18 aprile 2013) "Considerato l'attuale, allarmante livello di tensione fra Washington e il regime di Jim Jong-un, la situazione prefigurata sullo schermo sarebbe di quelle che fanno tremare i polsi, se non fosse ben chiaro che il film di Antonio Fuqua non vuole essere preso sul serio. La sua unica ambizione è quella di essere un thriller spettacolare, costruito sulle prodezze di un super eroe adamantino: un Gerald Butler sulla scia di Mel Gibson, Clint Eastwood e soprattutto del Bruce Willis di 'Die Hard'. Con una personalità meno ironica, ma con analoga credibilità nelle sparatorie e nei corpo a corpo, medesima carica di simpatia e stesso temperamento da mastino che non molla mai. Dopo I'11 settembre, il cinema Usa ha per qualche tempo evitato di confrontarsi con il tema doloroso del terrorismo. Poi, mentre il paese lentamente assorbiva il lutto, alcune pellicole (da 'Munchen' a 'Syriana' fino a 'Zero Dark Thirty') hanno ricominciato a toccare il fenomeno con una certa serietà; e adesso Hollywood approda di nuovo alla fase puramente spettacolare, con ben due titoli (questo, e 'White House Down' previsto in uscita americana a giugno) che propongono la sconvolgente immagine di un attacco al luogo simbolo del potere. Il pubblico poteva reagire male: invece, per fortuna dei produttori, nessuno ha creduto che impossessarsi della Casa Bianca possa essere tanto semplice. E di 'Olympus Has Fallen' gli spettatori devono invece aver apprezzato l'esplicito ultrapatriottismo, l'accattivante protagonista e il succedersi fracassone di scene d'azione, realizzate con quei ritmi per cui non guardi l'ora." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 18 aprile 2013) "Regia maschia di Antoine Fuqua, è I'action thriller 'Attacco al potere - Olympus Has Fallen', che torna agli antecedenti muscolari degli Anni 80 e riguadagna alla finzione l'unico obiettivo risparmiato dalle cronache dell'11 settembre 2001: la Casa Bianca. Dialoghi a tratti risibili, inverosimiglianza a scomparsa, ma anche adrenalina, buoni effetti speciali e un merito indiscutibile: il cinema stelle & strisce - arriverà anche il gemello 'White House Down' di Roland Emmerich - dimostra preveggenza sulla Corea e non abbassa la guardia sul terrorismo. Boston insegna, e qui manca solo la maratona." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 18 aprile 2013 "Il regista di colore Fuqua difese Tarantino dalla solita, ridicola, accusa di razzismo da parte di Spike Lee per 'Django Unchained'. In più diresse anche l'eccellente 'Training Day' (2001). Peccato che da qualche anno sia caduto nella spirale del blockbuster fracassone e in questo caso pure razzista. Si tratta di 'Attacco al potere' in cui nordcoreani belli, eleganti e cattivissimi disintegrano mezza Casa Bianca, rapiscono il Presidente e minacciano di guerra nucleare tutto il mondo. L'attacco aereo a Washington fa sembrare le difese degli Usa un colabrodo. Non è puro autolesionismo per un action patriottico? Un solo uomo può fermare i cattivi: ex guardia del corpo presidenziale traumatizzata da fallimento professionale (come Eastwood in 'Nel centro del mirino'), solo contro tutti i terroristi asserragliati nella Casa Bianca dissestata (come il Bruce Willis di 'Trappola di cristallo'). Lunghissimo, retorico, ridicolo." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 18 aprile 2013) "Piacerà a un bel numero di fan dell'action movie all'americana a patto che non chiedano al film ciò che non vuole e non ha mai voluto essere. Cioè un'opera suscettibile di essere interpretata, decifrata alla luce magari di recenti avvenimenti internazionali. La connotazione nordcoreana è del tutto casuale. I soggettisti si sono rivolti allo «stato canaglia» dell'Estremo oriente perché erano stufi (meglio, si sono accorti che erano stufi gli spettatori) di far fare la parte dei cattivi ai desperado del Medio Oriente. Comunque si sono ben guardati dalle allusioni pesanti, indicando magari Kim Jong-un come mandante del massacro. E' invece subito chiaro fin dalla prima sequenza (bella sequenza, orchestrata come solo Hollywood sa) che le canaglie appartengono a una cellula impazzita, incontrollabile e incontrollata dall'alto. No, il modo giusto per accostarsi a 'Attacco al potere' è quello di vederlo come un epigono del mitico 'Trappola di cristallo' con Gerard Butler come nipotino di Bruce Willis. Gerard non ha la comunicativa di Bruce, ma non manca di simpatia (quindi della possibilità di spingere lo spettatore all'identificazione). E ha una forza greve che lo rende plausibile nel suo compito di salvatore del mondo. Ha la fortuna (o se l'è meritata, scegliendolo come regista) di essere guidato da Antoine Fuqua. Uno dei migliori «action directors» attualmente in attività a Hollywood. Fuqua ha dimostrato di essere in grado all'occorrenza, di sostenere opere di maggior peso («Training Day»). Ma qui non gli è stato richiesto. La parola d'ordine era azione, e poi ancora azione. Missione compiuta. I primi 30 minuti sono folgoranti. E la tensione non molla per i successivi novanta." (Giorgio Carbone, 'Libero', 18 aprile 2013) "Tambureggiante, fragoroso kolossal fanta politico, gonfio di demagogia patriottarda, più ridicolo che appassionante. Anche se la lunga scena dell'attacco dei terroristi nordcoreani alla Casa Bianca qualche fremito lo dà. Ma quando entra in scena lo zoticone Gerard Butler, che da solo sgomina un esercito, perfino Rambo si farebbe due sghignazzate." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 18 aprile 2013)

Trova Cinema

Box office
dal 28 al 1 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Cetto c'è, senzadubbiamente  2.479.936
    Cetto c'è, senzadubbiamente

    Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque......

  2. 2. L'ufficiale e la spia  1.215.362
  3. 4. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  577.263
  4. 5. Countdown  385.254
  5. 6. La famiglia Addams  379.466
  6. 7. Depeche Mode - Spirits in the Forest  325.788
  7. 8. Sono solo fantasmi  305.527
  8. 9. Parasite  295.915
  9. 10. Il giorno più bello del mondo  290.668

Tutta la classifica