Madre!2017

SCHEDA FILM

Madre!

Anno: 2017 Durata: 120 Origine: USA Colore: C

Genere:HORROR, THRILLER

Regia:Darren Aronofsky

Specifiche tecniche:ARRIFLEX 416 PLUS, 16 MM, (4K)/SUPER 16, 35 MM/D-CINEMA

Tratto da:-

Produzione:SCOTT FRANKLIN, ARI HANDEL, DARREN ARONOFSKY PER PROTOZOA PICTURES

Distribuzione:20TH CENTURY FOX ITALIA

ATTORI

Jennifer Lawrence nel ruolo di Madre
Javier Bardem nel ruolo di Lui
Ed Harris nel ruolo di Uomo
Michelle Pfeiffer nel ruolo di Donna
Domhnall Gleeson nel ruolo di Figlio maggiore
Brian Gleeson nel ruolo di Fratello giovane
Kristen Wiig nel ruolo di (cameo)
Stephen McHattie
Jovan Adepo
Robert Higden
Amanda Warren
 

SCENEGGIATORE

Aronofsky, Darren
 

MONTAGGIO

Weisblum, Andrew
 

SCENOGRAFIA

Messina, Philip
 

COSTUMISTA

Glicker, Danny

TRAMA

La tranquilla e idilliaca esistenza di una coppia viene improvvisamente sconvolta dall'intrusione inattesa di un uomo e una donna che si presentano alla porta della loro casa...

CRITICA

"Atteso ma assai controverso, l'horror psicologico 'mother!'di Darren Aronofskyè un film pienamente 'aronofskiano'. (...) Sorta di terapia di coppia alla rovescia, un film radicalmente metaforico, in cui i fatti si tingono gradualmente di allucinazione." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 28 settembre 2017) "Il punto di vista di Aronofsky somiglia non tanto ai moderni difensori della natura, quanto piuttosto a quegli intellettuali russi che, nostalgici del modo di vita arcadico dell'ancien regime, si scagliano contro i materialismi frutto della rivoluzione dei Lumi. Lo sguardo che questo autore porta con sé è in effetti reazionario. Salta agli occhi nella sua rappresentazione del popolo: una massa formicolante di straccioni senza morale, sempre pronti a saccheggiare e a violentare ogni cosa. Una visione tipicamente ottocentesca delle «classi pericolose». Ora, non si può dire che un autore, perché reazionario, non valga la pena di essere letto o visto. D'altro canto, non basta sfarfallonare con la spiritualità per mettersi al livello di Dostoevski o di Sokurov. Il caso di Aronofsky è tutt'altro che semplice. Il suo 'The Wrestler' (2008) è un grande film. E anche 'Il cigno nero', pure con alcune cadute di stile, toccava qualcosa di vero. E nel vero c'era anche del bello: il migliore Aronofsky è quello che su ogni superfice, e in specie sul corpo umano, immagina una pagina o una tavolozza. «Mother!» Non fa totalmente eccezione. Ma il film nel suo complesso è a tal punto farcito di sbruffonate da diventare indigesto. Bisogna inoltre amare un sottogenere del teatro filmato che è il dramma psicologico. Spesso infarcito di attori hollywoodiani in fine carriera (qui ce n'è tutta una panoplia), permette a questi di esercitarsi a esasperare lo spettatore con l'esercizio fine a se stesso di scene ora imbarazzanti, ora fastidiose, ora semplicemente insopportabili." (Eugenio Renzi, 'Il Manifesto', 28 settembre 2017) "Una passione così travolgente da riuscire a offuscare uno degli autori più brillanti della cinematografia internazionale. È successo sul set di 'Madre!', dove l'attrazione tra il regista del 'Cigno nero' Darren Aronofsky e l'eroina di 'The Hunger Games' Jennifer Lawrence è esplosa in tutta la sua potenza. A farne le spese il film (...), ma soprattutto la protagonista, di norma molto apprezzata per le sue intense performance, qui, per la prima volta, insipida e fuori parte (...). II punto, sibila qualcuno, è che a confondersi adesso è lui. (...) La fine del film, con il suo crescendo sanguinoso e grottesco, suona come una liberazione. Per Lawrence e, soprattutto, per il pubblico. Si spera che, superata l'iniziale effervescenza, la coppia riesca a dare di più. Perché il pericolo è che, addizionandosi, due talenti diano somma zero." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 28 settembre 2017) "Metti una donna devota (Lawrence) e un poeta (Bardem) spoetato, shakera con 'Rosemary's Baby' e 'L'angelo sterminatore', aggiungi che il regista quando stecca, da 'The Fountain' a 'Noah', floppa di brutto. Ecco 'mother!', già accolto a mezz'asta alla Mostra di Venezia, sbertucciato dalla critica planetaria, insignito di una F (si parte dalla A) dall'americano CinemaScore.com, che analizza la reazioni del pubblico. Conseguenti le ricadute sul box-office (...). Perché? È una boiata pazzesca: più presuntuoso che ambizioso, più circense che disturbante, vorrebbe riflettere su creatività ed egoismo, arte e vita, ma calpesta verità, verosimiglianza e credulità insieme." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 28 settembre 2017) "Un'opera 'normalmente' provocatoria (come facevano Buñuel o Ferreri) la cui eccentricità risiede nel partire dal reale (una coppia-lui artista, lei musa- riceve strane visite nella villa nel bosco) per poi galoppare verso l'allegorico più spinto. Fortunatamente esistono ancora pellicole così stimolanti." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 28 settembre 2017) "Una mitragliata di metafore, una più assurda e deviante dell'altra. Con la ridda dei simbolismi il regista dà la licenza di uccidere alla sua parte peggiore e soffoca quella migliore. Che nel caso delle sue opere più riuscite ('Cigno nero', 'Wrestler') era la bravura (indubbia) di trascinare lo spettatore all'identificazione coi protagonisti. Qui a chi importa che Bardem recuperi o non recuperi l'ispirazione? Forse al solo Aronofsky che l'ispirazione certamente l'ha perduta quando ha partorito 'Madre!' Speriamo non definitivamente." (Giorgio Carbone, 'Libero', 28 settembre 2017)

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Assassinio sull'Orient Express  3.232.625
    Assassinio sull'Orient Express

    Mentre è in viaggio sull'Orient Express, il famoso detective Hercule Poirot è chiamato a indagare sul misterioso omicidio di un ricco uomo d'affari avvenuto a bordo del celebre treno che sfreccia attraverso l'Europa nel cuo...

  2. 2. Smetto quando voglio - Ad Honorem  1.036.690
  3. 3. Justice League  591.230
  4. 4. Gli sdraiati  551.643
  5. 5. Gli eroi del Natale  525.540
  6. 6. Seven Sisters  400.464
  7. 7. Caccia al tesoro  348.263
  8. 8. American Assassin  237.891
  9. 9. Nut Job - Tutto molto divertente  204.632
  10. 10. Amori che non sanno stare al mondo  172.932

Tutta la classifica