Money Train1995

SCHEDA FILM

Money Train

Anno: 1995 Durata: 103 Origine: USA Colore: C

Genere:AZIONE, COMMEDIA, DRAMMATICO, POLIZIESCO

Regia:Joseph Ruben

Specifiche tecniche:PANAVISION, 35 MM (1:2.35), TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:JON PETERS, NEIL CANTON PER PETERS ENTERTAINMENT

Distribuzione:COLUMBIA TRISTAR FILM ITALIA (1996) - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO

ATTORI

Wesley Snipes nel ruolo di John
Woody Harrelson nel ruolo di Charlie
Jennifer Lopez nel ruolo di Grace Santiago
Robert Blake nel ruolo di Donald Patterson
Chris Cooper nel ruolo di Torch
Joe Grifasi nel ruolo di Riley
Scott Sowers nel ruolo di Signor Brown
Skipp Sudduth nel ruolo di Kowalski
Vincent Laresca nel ruolo di Rapinatore
Nelson Vasquez nel ruolo di Rapinatore
Vincent Patrick nel ruolo di Frank, il barista
Aida Turturro
Alvaleta Guess
Vincent Pastore nel ruolo di Giocatore
David Tawil nel ruolo di Giocatore
Ron Ryan nel ruolo di Giocatore
Gregory McKinney nel ruolo di Agente
Mitch Kolpan nel ruolo di Agente
Jeremy Roberts nel ruolo di Agente
John Norman Thomas nel ruolo di Detective
Oni Faida Lampley nel ruolo di Capostazione
Jack O'Connell (II) nel ruolo di Capostazione
Saul Stein nel ruolo di Assistente di Brown
Manny Silverio nel ruolo di Assistente di Brown
Johnny Centatiempo nel ruolo di Assistente di Brown
Enrico Colantoni nel ruolo di Dooley
Christopher Anthony Young nel ruolo di Agente con Dooley
Angel Gaban
Bill Nunn
José Zúñiga
Josefina Diaz
Kevin Guy Brown
Leikili Mark
Leon Keith
Mickey Moss
Richard Grove
Steven Randazzo
Thomas G. Waites
William Charlton
 

SOGGETTO

Richardson, Doug
 

MUSICHE

Mancina, Mark
 

SCENOGRAFIA

Groom, Bill
 

COSTUMISTA

Carter, Ruth E.

TRAMA

Nelle viscere della metropolitana di New York circola il "treno dei soldi": è un piccolo convoglio blindato, protetto da agenti speciali che fa il giro delle varie biglietterie, prelevando gli incassi del giorno. Charlie, giocatore jellato con le carte e indebitato per questo con una banda, decide di derubare il convoglio; il treno non è mai stato assalito e depredato, ma il guaio è che Charlie si trova di fatto ad essere uno degli agenti a terra, impiegato come altri a fare da esca nelle stazioni per bloccare ed arrestare borseggiatori e teppisti. Charlie, bianco, è fratello di latte di un altro agente più anziano, John, la cui famiglia (di colore) l'ha adottato da piccolo: tanto John è maturo, integro e responsabile, quanto Charlie è infantile e scavezzacollo. I due lavorano in coppia: ci sono dispute e battibecchi, ma è profonda l'amicizia che li lega e John corre sempre, anche se sbraita, in aiuto dell'altro, pagandone generosamente i debiti; l'idea dell'assalto al treno, però, gli sembra una follia e solo una ragione per scherzare. Spesso Charlie commette errori e sciocchezze che il rigido gestore dei servizi della metropolitana Donald Patterson non tollera, per cui l'uomo viene licenziato. Tuttavia l'idea di fermare quel treno gli fa escogitare un piano, anche per battere la boria di Patterson. Con la 'strana coppia' lavora in équipe una vera poliziotta di New York, Grace Santiago - dura, bella ed efficiente - che preferisce John, a cui si concede, con grande sofferenza di Charlie, sfortunato al gioco come con le donne. Fare quel colpo potrebbe rappresentare per lui quasi un salto di qualità, ma quando attua in concreto il suo pazzesco programma si ritrova nei guai, e il fratellastro non esita ad aiutarlo: l'assalto viene operato in un galleria sotto Central Park, ma il convoglio con gli incassi continua la sua corsa, facendo imbestialire Patterson, capace alla fine, pur di fermarlo per non perdere il "suo" gioiello blindato (oltre che gli incassi) di avviare sullo stesso binario un altro convoglio. Intanto i due fratelli si ritrovano con i freni bloccati: lo scontro è spaventoso, i danni enormi e i feriti in abbondanza, ma John e Charlie, con il giubbotto ripieno di dollari, riescono a fuggire verso la mitica Malibù, mentre Grace Santiago arresta Patterson quale responsabile del grave incidente.

CRITICA

"Il film ha poco da offrire, complici un doppiaggio che peggiora le battute non proprio esaltanti dei due protagonisti e il finale sotto Capodanno che pare preso di peso da Strange Days". (Michele Anselmi, 'L'Unità', 6 aprile 1996)

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica