MISTER WONDERFUL1993

SCHEDA FILM

MISTER WONDERFUL

Anno: 1993 Durata: 95 Origine: USA Colore: C

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:NORMALE A COLORI

Tratto da:-

Produzione:MARIANNE MOLONEY

Distribuzione:LUCKY RED (1994) - PANARECORD

TRAMA

Il giovane Gus, di origine italiana, operaio specializzato alla Edison, con alcuni colleghi vorrebbe rilevare il vecchio bowling del quartiere, ma non può partecipare all'affare per mancanza di denaro in quanto ogni mese è costretto a dare un assegno per gli alimenti all'ex moglie Lee. Non volendo rinunciare alla "Corvette" di cui va fiero e che un rivenditore di automobili tenta invano di fargli vendere alzando l'offerta, pensa con gli amici di trovare un "fidanzato" a Lee in modo che, sposandosi, lei non percepisca più l'assegno. Ma la serie di "candidati" reperiti non soddisfa la donna, con la quale tuttavia Gus sembra trovare un rapporto amichevole improntato ad una nuova cordialità. Dopo la scoperta della relazione di Lee con Tom, un professore universitario, Gus è furente, mentre Lee, dopo aver incassato la notizia che Tom è sposato, sembra accettare la situazione. Ad una festa di beneficienza si incontrano a sorpresa Gus, l'infermeria Rita, amica di questi, Lee e Dominic, un conoscente di Rita, farmacista, col quale Lee sembra avere trovato un'intesa che sconvolge Gus, tanto che Rita, di fronte alla sua decisione di andare a vivere con lei, rendendosi conto che il giovane ama ancora la moglie si allontana. Anche Lee si lascia con Tom, convinta ormai di amare Dominic. Un incidente sul lavoro coinvolge Gus ed il collega Pope che vengono ricoverati: Rita e Lee si incontrano al capezzale di Gus, e quest'ultima viene a sapere del fallimento della loro storia sentimentale. Poi Dominic chiede in moglie Lee, mentre Gus vende la "Corvette" e così entra nell'affare del bowling. Ma prima Gus fa un ultimo tentativo con Lee, illuminandole a giorno il giardino e dichiarandole il suo amore. Ma lei, per quanto commossa, è ancora indecisa: sarà Dominic, che ha sentito il dialogo tra i due, a convincerla a ricongiungersi con Gus.

CRITICA

"Sentimenti, ma anche momenti giocosi: ambientati dall'inglese Anthony Minghella, di origini italiane in una New York piccolo borghese, tra gente quasi umile, preoccupata soltanto delle necessità quotidiane. Toni realistici, perciò, ma con l'accento principale sull'amore, tenuti comunque lontano dal troppo dolce grazie al tentativo di scivolare qua e là verso la commedia, con gentilezza e con misura. Certo, fra le pieghe del racconto si affacciano temi non nuovi e lo schema, pur con incidenti e sorprese, tende sempre scopertamente a soluzioni prevedibili, ma il disegno dei personaggi è così garbato, e felice, soprattutto in quella loro semplicità sempre dimessa, che non fatica troppo a coinvolgere. Il merito, comunque, va equamente diviso anche con gli interpreti, soprattutto Matt Dillon, nel carattere ora entusiasta ora depresso dell'elettricista in bilico fra la fortuna che l'attende e i ritorni di fiamma del suo primo amore. Glieli suscita, come Lee, Annabella Sciorra, con grazie fini, l'altra donna è Mary-Louise Parker, l'insegnante che provocherà le prime gelosie è William Hurt, con distacco e misura." ('Il Tempo', 7 giugno 1994) "Film grazioso ma non carino, 'Mister Wonderful' ha inoltre il pregio di celebrare New York senza i toni enfatici di tanto cinema sulla Grande Mela e di estrarre il meglio dagli interpreti (ma il doppiaggio non rende giustizia alle voci originali) . Anche se gli occhi femminili saranno tutti per Matt Dillon, cresciuto e maturato sul piano espressivo, o per William Hurt, che replica lo sguardo indolente-stupìto di sempre, la migliore in campo risulta Mary-Louise Parker: nei panni della nuova fiamma che soccombe nel confronto con la moglie del suo uomo, la giovane attrice di 'Pomodori verdi fritti' in realtà dà parecchi punti alla rivale, Annabella Sciorra." (Michele Anselmi, 'L'Unità', 10 giugno 1994) "'Mr. Wonderful' parte da un'idea amabile e la sviluppa con l'intenzione di farne un oggettino utile e futile allo stesso tempo. Ma nonostante l'accortezza che Minghella adopera nel disegnare le geometrie del cuore, il film non emette calore. Matt Dillon non ha più l'aspetto dell'eterno ragazzo, Annabella Sciorra (proveniente dalla Factory di Spike Lee) è assai graziosa ma un po' vacua, mentre l'invecchiato William Hurt, in un marginale ruolo di professorino universitario che legge Camus, è l'unico che esagera in croissant, poesie, convulsioni e ammiccamenti vagamente paranoidi." (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 12 giugno 1994)

Trova Cinema

Box office
dal 10 al 13 ottobre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica