Michael2011

SCHEDA FILM

Michael

Anno: 2011 Durata: 105 Origine: AUSTRIA Colore: C

Genere:COMMEDIA, DRAMMATICO

Regia:Markus Schleinzer

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:NGF - GEYRHALTER GLASER KITZBERGER WIDERHOFER

Distribuzione:-

ATTORI

Michael Fuith nel ruolo di Michael
David Rauchenberger nel ruolo di Wolfgang
Christine Kain nel ruolo di Madre
Ursula Strauss nel ruolo di Sorella
Viktor Tremmel nel ruolo di Fratellastro
Xaver Winkler nel ruolo di Nipote
Thomas Pfalzmann nel ruolo di Nipote
Gisela Salcher nel ruolo di Christa
Isolde Wagner nel ruolo di Collega ufficio
Markus Hochholdinger nel ruolo di Collega caffetteria
Susanne Rachler nel ruolo di Collega ufficio
David Oberkogler nel ruolo di Sig. Ehrnsberger
Katrin Thurm nel ruolo di Collega ufficio
Martin Schwehla nel ruolo di Collega ufficio
Olivier Beaurepaire nel ruolo di Uomo allo zoo
Samy Goldberger nel ruolo di Bambino allo zoo
Martina Poel nel ruolo di Madre
Mika Sakurai nel ruolo di Figlia
 

SCENEGGIATORE

Schleinzer, Markus
 
 
 

COSTUMISTA

Barakat, Hanya

TRAMA

Wolfgang ha 10 anni, Michael ne ha 35. Si ritrovano a passare 5 mesi della loro vita insieme.

CRITICA

"Senza citare casi specifici ma facendovi inevitabilmente allusione, racconta la vita quotidiana di un uomo che tiene sequestrato in cantina un bambino di dieci anni. L'idea è quella di osservarlo con tutta l'oggettività possibile, nei suoi normali rapporti di lavoro (fa l'assicuratore), nelle cure che ha per il piccolo ma senza nascondere le sue pulsioni pedofile. Quello che non funziona è che in questo modo non esce la banalità del male, ma solo la banalità della banalità. Senza nessun punto di vista, il film smarrisce il suo senso e tutto sembra ridursi alla frase che tante volte si sente in casi di questo genere: era una così brava persona... Anche il protagonista del film a volte si comporta come 'una brava persona' ma questo non toglie che abbia rapito un bambino e ne abusi. E invece troppo spesso il film rischia di dimenticarlo." (Paolo Mereghetti, 'Il Corriere della Sera', 15 maggio 2011) "Ahiahiahi. Quando un festival seleziona un film austriaco sappiamo cosa ci aspetta. Incesto, sevizie, pedofilia, villini ordinati che nascondono piccoli e grandi orrori, e via rabbrividendo. Insomma tutto un immaginario (con solide radici nella realtà, purtroppo) che spesso si riassume invocando la formula di Hannah Arendt la banalità del male. A rischio di banalizzare quella stessa banalità facendone un passepartout, o peggio un genere. E' un rischio che 'Michael' corre in tutta consapevolezza, tanto più che l'esordiente viennese Markus Schleinzer, classe 1971, ha lavorato con Haneke, Jessica Hausner ('Lourdes') e Ulrich Seidl ('Canicola', altra rassegna di orrori suburbani). Un predestinato dunque, che doveva dar prova non solo di rigore ma di originalità. E soprattutto di necessità. Il centro di 'Michael' - la sua ragione profonda - si riassume infatti in una parola semplice e terribile: normalità. (...) Non se ne esce scossi ma a disagio. Come se tanta insistenza e tanta mediocrità rendesse un poco complici pure noi." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero, 15 maggio 2011) "Il film sul pedofilo viene accolto dalla platea con applausi non fragorosi e fischi isolati. Soprattutto, non piace il finale di 'Michael', troppo sbrigativo. E' l'opera prima di Markus Schleinzer (...), viennese di 40 anni, ex direttore del casting per Michael Haneke. (...) Il dominio totale che il carnefice impone alla sua piccola vittima è esattamente quello che nella sua stessa città, a Vienna, è successo per otto anni a Natascha Kampusch." (Valerio Cappelli, 'Il Corriere della Sera', 15 maggio 2011) "L'obiettivo del film è quello di raccontare la normalità della vita di un 'mostro', questo è evidente, ma il film non prende mai una posizione chiara, come a dire che il giudizio spetta ai tribunali. Ed è troppo ambiguamente disturbante per poterlo giudicare con serenità." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 15 maggio 2011) "La serie dei bambini maltrattati continua. (...) 'Michael' è la provocatoria opera d'esordio dell'austriaco Markus Schleinzer, già assistente di Haneke, il primo film che ha suscitato 'buu' e fischi del pubblico del festival e l'abbandono della sala di qualche spettatore. (...) Non certo in difesa, ma dal punto di vista di Michael, rappresentato non come 'mostro', ma come una persona qualunque. (...) L'idea di lasciare i fatti all'immaginazione rende il film durissimo. L'irritata contestazione del pubblico era nelle previsioni del regista che ha ricevuto solo un tiepido applauso di cortesia." (Maria Pia Fusco, 'La Repubblica', 15 maggio 2011) "Applausi, contestazioni, e anche un diffuso senso di nausea (qualcuno abbandona la proiezione) hanno salutato ieri 'Michael', esordio alla regia dell'austriaco Markus Schleinzer. Il tentativo è insieme ambizioso e pericoloso, raccontare il male nella cornice della più assoluta normalità, un andirivieni di gesti quotidiani intervallati dalla violenza più abietta." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 15 maggio 2011)

Trova Cinema

Box office
dal 14 al 17 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica