MASTER & COMMANDER - SFIDA AI CONFINI DEL MARE2003

SCHEDA FILM

MASTER & COMMANDER - SFIDA AI CONFINI DEL MARE

Anno: 2003 Durata: 138 Origine: USA Colore: C

Genere:AVVENTURA, AZIONE, DRAMMATICO, GUERRA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:ROMANZO 'AI CONFINI DEL MARE' DI PATRICK O'BRIAN

Produzione:20TH CENTURY FOX, MIRAMAX FILMS, UNIVERSAL, SAMUEL GOLDWYN COMPANY, COMMANDER PRODUCTIONS LTD.

Distribuzione:BUENA VISTA INTERNATIONAL

TRAMA

Nell'aprile del 1805, nei mari davanti alla costa del Brasile, il vascello di sua maestà britannica 'Surprise' viene attaccato e gravemente danneggiato dalla fregata americana 'Norfolk'. Al momento di scegliere se tornare in porto per riparare i danni e curare i feriti oppure inseguire il nemico, il capitano della nave Jack Aubrey, noto per il suo coraggio, è fortemente combattuto fra dovere e rispetto per il suo equipaggio.

CRITICA

"A dire la grandezza di quella scelta inglese è il film americano di un australiano interpretato da un neozelandese: è il club di Echelon che dall'intercettazione nel presente passa alla rappresentazione del passato. Perché il sottinteso politico sia più chiaro, Weir e John Collee - che firmano la sceneggiatura - alterano trama e tempi dei due dei tanti libri sul capitano Jack Aubrey scritti da O'Brian: rivale della 'Surprise' nel film non è più una fregata americana nel 1812, ma una francese nel 1805. Si passa cioè dall'anno in cui gli inglesi presero e incendiarono Washington al 1805 della guerra inglese contro i francesi di Napoleone. Ogni riferimento ad attuali rivalità non è casuale. Weir conferma di eccellere in ogni genere, dal bellico ('Gallipoli') al fantastico ('Picnic a Hanging Rock', 'L'ultima onda', 'The Truman Show'), dal drammatico ('Un anno vissuto pericolosamente') alla commedia ('L'attimo fuggente') e al giallo ('Witness'). Così, tornato dopo un quarto di secolo al film di guerra, ricostruisce una battaglia navale di due secoli fa come mai era stato fatto: anche la vita di bordo in 'Master & Commander' è verosimile e affiora che fra il capitano e il medico di bordo c'è più che amicizia. Il brindisi iniziale è doppiato, in modo fuorviante, 'alle mogli e alle amanti'; in versione originale c'è lovers, non necessariamente femminile. Né mancano nel film omaggi all'ammiraglio Nelson, che spirò in battaglia non fra le braccia di Lady Hamilton, ma di un amante senza apostrofo. Nel 2003 la Miramax ha proposto, prima di 'Master & Commander', gli ottimi 'Gangs of New York' e 'The Quiet American'. A chi associava Miramax a 'Il talento di Mr. Ripley' e 'Chocolat' pare un miracolo." (Maurizio Cabona, 'il Giornale Nuovo', 19 dicembre 2003) "Raccontando la sfida sui mari al centro del romanzo 'Ai confini del mondo', ma recuperando elementi e personaggi da altri dei 19 romanzi di marina di Patrick O'Briall, una delle saghe moderne di maggiore successo, l'australiano Peter Weir ha confezionato un film praticamente perfetto. (...) La violenza brutale delle battaglie si alterna ai lunghi mesi di solitudine e privazioni di uomini preda della furia del mare e di quella umana, in un racconto fatto di immagini terse e bellissime. Una ricostruzione di accurato splendore pittorico, capace di offrire allo spettatore l'illusione di un realistico seppur fantastico viaggio in un'epoca lontana, quando dovere ed amicizia erano valori indiscussi. E fa francamente piacere che l'ottima partenza al botteghino americano abbia fugato i timori di Weir e del suo cast che non esistesse più un vasto pubblico per prodotti cinematografici di qualità." (Claudio Masenza, 'Ciak', 1 dicembre 2003) "Tratto dalla saga letteraria di Patrick O'Brian, 'Master & Commander' segue la scia del grande romanzo di mare alla Melville, con risvolti psicologici che evocano certe pagine di Conrad (il che non gli impedisce di essere un film movimentato e pieno d'azione). Saldamente al timone, Peter Weir si prende il tempo necessario per una narrazione di largo respiro, che non ha nulla a che vedere con il videogame piratesco di cui sopra. Gli effetti speciali sono accurati, ma piuttosto cancellati che esibiti alla percezione dello spettatore; mentre il regista preferisce concentrarsi sul personaggio di Crowe e sul suo itinerario iniziatico, dove scontri e battaglie sono soprattutto le prove che questi deve affrontare per crescere di statura morale. Ligio alle superstizioni marinaresche, Weir non imbarca nell'impresa nessuna donna; il che non dovrebbe tuttavia pregiudicare i consensi del pubblico femminile, dato che l'identificazione filmica funziona - per sua essenza - indipendentemente dal sesso dei personaggi. Se il film ha una struttura narrativa classica, la modernità torna fuori nell'epilogo, che lascia intuire possibili sèguiti. Ma prima di allora, con ogni probabilità, di 'Master & Commander' sentiremo riparlare agli Oscar ." (Roberto Nepoti, 'la Repubblic

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica