Mammuth2010

SCHEDA FILM

Mammuth

Anno: 2010 Durata: 89 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Benoţt DelÚpine|Gustave Kervern

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.85)

Tratto da:-

Produzione:GMT PRODUCTIONS, NO MONEY PRODUCTIONS, ARTE FRANCE CIN╔MA, DD PRODUCTIONS, MONKEY PACK FILMS

Distribuzione:FANDANGO

ATTORI

GÚrard Depardieu nel ruolo di Mammuth
Yolande Moreau nel ruolo di Catherine
Isabelle Adjani nel ruolo di Amante perduta
Benoţt Poelvoorde nel ruolo di Concorrente
Miss Ming nel ruolo di Miss Ming
Serge Larievier nel ruolo di Ladro di metalli
Blutch nel ruolo di Impiegato del Fondo Pensionistico
Philippe Nahon nel ruolo di Direttore della Casa di Riposo
Bouli Lanners nel ruolo di Agente interinale
Anna Mouglalis nel ruolo di Finta invalida
Albert Delpy nel ruolo di Cugino
Bruno Lochet nel ruolo di Cliente ristorante
Remy Roubakha nel ruolo di Cliente ristorante
Joseph Dahan nel ruolo di Cliente ristorante
Gustave Kervern nel ruolo di Impiegato supermercato
StÚphanie Pillonca nel ruolo di Cameriera ristorante
AurÚlie Brin nel ruolo di Amica di Miss Ming
Bernard Geoffrey nel ruolo di Direttore del macello
Catherine Hosmalin nel ruolo di Amica di Catherine
CÚdric Geoffroy nel ruolo di Assistente alla direzione del macello
CÚline Richeboeuf nel ruolo di Amica di Miss Ming
David Pougnaud-Barillon nel ruolo di Supervisore
Dick Annegarn nel ruolo di Custode del cimitero
Eric Monfourny nel ruolo di Prete
Jawad Enejjaz nel ruolo di Giudice delle facce
Marie-Claude Pluviaud nel ruolo di Cliente pescheria
Noel Godin nel ruolo di Statua del Tartobole
Paulo Anarkao nel ruolo di Grande Bertha
RÚmy Kolpa Kopoul nel ruolo di Venditore ambulante
Serge Nuques nel ruolo di Motociclista pazzo
SinÚ nel ruolo di Viticoltore
Sophie SeugÚ nel ruolo di Complice di Miss Ming
ZoÚ Weber nel ruolo di Ragazzina al telefono
 
 
 

SCENOGRAFIA

Chapelle, Paul
 

COSTUMISTA

Laforge, Florence

TRAMA

Mammuth ha fatto per tutta la vita il macellaio e ora che ha raggiunto i sessant'anni aspetta con ansia la festa organizzata dai colleghi a sancire l'imminente pensionamento. Lavora da quando aveva 16 anni, non ha mai perso un impiego nÚ preso periodi di malattia, eppure, ora che i funzionari del Fondo Pensionistico stanno facendo i conti, lo informano che, secondo i loro calcoli, mancano alcuni anni di contributi. Spinto da sua moglie, l'uomo monta in sella alla sua vecchia moto "Mammuth" e parte alla ricerca degli ex datori di lavoro del passato per mettere insieme l'incartamento necessario ad andare finalmente in pensione con contributi pi¨ alti. Il viaggio diventa ben presto l'occasione per rivedere amici, datori di lavoro e colleghi del passato e scoprire, con sua grande meraviglia, di essere sempre stato considerato un idiota. E' arrivato il momento per Mammuth di dare prova della propria autostima e di fare i conti con il passato e con quella donna, Yasmine, tanto amata e persa a causa di un incidente stradale. Non Ŕ solo per˛: al suo fianco c'Ŕ il nipote con la sua giovanissima ed eccentrica fidanzata, che gli faranno riscoprire il poeta che dormiva dentro di lui...

CRITICA

"Debole, anche se a tratti divertente, 'Mammuth' di Benoit DelÚpine e Gustave Kervern, road movie con GÚrard Depardieu, sempre pi¨ simile a Obelix, sulle tracce di vecchi datori di lavoro e documenti necessari per la pensione." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 20 febbraio 2010) "Oggetto da maneggiare con cura. Sarebbe facile dirvi: andate a vedere 'Mammuth', Ŕ un bel film con un Depardieu monumentale. Voi, magari, ci andate. E se non siete stati avvertiti, passate metÓ del film a gridare 'fuoco!', a litigare con la maschera, a maledire il proiezionista e tutti i suoi avi. (...) 'Mammuth' Ŕ un film bello e curiosissimo, ma necessita di robuste istruzioni per l'uso. Magari partendo dai due registi. Gustave Kervern (classe 1962) e Benoţt DelÚpine (classe 1958), francesi, hanno alle spalle pochi film (l'unico noto in Italia Ŕ 'Louise-Michel', 2008) e una lunga carriera televisiva. I loro show su Canal+ hanno fatto molto discutere per i loro toni disturbanti, provocatori, 'scurrili'. Potremmo definirli la risposta d'Oltralpe alla 'Cinico Tv' di Ciprý & Maresco. 'Mammuth' Ŕ il loro primo film 'sentimentale'. (...) Il film Ŕ un tenero apologo sulla vecchiaia incombente, girato con fotografia a colori iper-sgranata, spesso fuori fuoco, con scelte visive da cinema sperimentale (Depardieu, per dire, Ŕ spesso inquadrato di spalle). In Francia, dove Ŕ uscito ad aprile, ha totalizzato oltre 800.000 spettatori. In Italia, sarÓ giÓ un successo se ne farÓ 800. Ma non si sa mai. Proviamo a emulare i cugini, che quando si tratta di cinema sono anni luce avanti a noi." (Alberto Crespi, 'L'UnitÓ', 29 ottobre 2010) "╚ roccioso, ottuso e gigantesco come un mammuth Serge Pilardos (un bravissimo GÚrard Depardieu), novello pensionato francese. Certo, 'Mammuth' non si distingue per grandi doti di umanitÓ e di acume: al supermercato ha pi¨ a cuore gli insaccati di un uomo agonizzante, per far passare il carrello della spesa tra due macchine ammacca la sua auto e quella vicina. Ma la sua graniticitÓ nasconde il dolore mai sopito per la morte di un ex fidanzata. (...) 'Mammuth' strappa alcune risate noir irresistibili, ma non ha la stessa cattiveria proverbiale e tenace di cui i registi sono stati capaci nel magnifico 'Luis-Michel'. Anche perchÚ questa volta l'eccezionale Yolande Moreau ha un ruolo marginale." (Cristina Battocletti, 'Il Sole 24 Ore', 29 ottobre 2010) "Attenzione: film-Ufo. Chi ha visto 'Louise-Michel' conosce il mix di beffarda ferocia e furiosa malinconia dei due guastatori Kervern e DelÚpine, ma 'Mammuth' va oltre. (...) Immagini sgranate (il film Ŕ girato in super 16, una pellicola estinta!), incontri bizzarri (il vecchio cugino Paul anima la scena pi¨ sconcia, triste e esilarante del decennio), un'estetica che sposa l'humour noir e il fumetto acido (fra i comprimari appare il vignettista SinÚ) a una tradizione poetica e libertaria molto francese (linea Brassens - Vian - Harakiri), con emozione e divertimento rari. Un regalo, impreziosito da figure femminili diversissime, la moglie extralarge (Yolande Moreau); il fantasma del primo amore (Isabelle Adjani, incredibile), e la stralunata Miss Ming, l'artista autistica che con i suoi surreali bricolages dischiude la vena creativa di quel bestione. CuriositÓ: il salumiere che affronta Depardieu in una lite epica e derisoria Ŕ Kervern, uno, dei due registi. Consiglio: esigete la versione originale." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 29 ottobre 2010) "Tutt'altro che un capolavoro, 'Mammuth' Ŕ uno di quei film che strappa un briciolo di simpatia anche agli spettatori pi¨ refrattari. Meglio dire subito, peraltro, che la messinscena si sorregge tutta sulla strenua performance di GÚrard Depardieu, a suo pieno agio nel raggiungere vette sublimi giocando sulle concordanze tra il protagonista di finzione e la propria autentica personalitÓ. I registi DelÚpine e Kervern (noti in patria come autori del programma pi¨ sfrontato di Canal Plus) avevano esibito propensioni affini in 'Louise-Michel', revival della lotta di classe vista attraverso lo specchio deformante del noir grottesco; in questo caso finiscono per cedere alle tentazioni del buonismo e alle scorciatoie del reducismo, ma non prima di avere fissato sullo schermo il viaggio picaresco di un personaggio pour cause mastodontico. (...) Il volutamente sgangherato road-movie meriterebbe, in effetti, qualche scatto pi¨ sorprendente; tanto Ŕ vero che i suoi momenti pi¨ felici e incisivi coincidono con le intuizioni lunari e spiazzanti, le trovate estrose e irrituali (...) e soprattutto le esilaranti espressioni fuori fase di Depardieu, tenerissimo romantico travestito da maleodorante sballatone." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 29 ottobre 2010) "Guardate 'Mammuth' e non azzardatevi pi¨ a lamentarvi delle riforme pensionistiche degli ultimi 20 anni in Italia. (...) Ma Benoţt DelÚpine e Gustave Kervern, dopo 'Louise-Michel', questa volta il lavoro lo prendono come pretesto per un on the road su un Mammut d'epoca di un bonaccione capellone e sovrappeso, ex lavoratore in un'industria di carne suina. (...) Una favola su strada, che passa anche per il cugino con cui scoprý il sesso, i datori di lavoro pi¨ o meno infami e un centauro romantico che riconosce i motori da corsa dal solo rumore, una storia scalcagnata che prende forma sotto gli occhi dei registi che si assumono ogni sorta di rischio, soprattutto visivo: se a guardare la scena Ŕ lo spettatore, il taglio Ŕ moderno come il montaggio sempre originale, se Ŕ il fantasma di una donna amata l'immagine si sgrana come in un super8, mentre nel viaggio si pu˛ trovare e provare l'immagine anche in uno specchietto retrovisore. DelÚpine e Kervern mettono nello script e nei movimenti della macchina da presa tutta la loro voglia di rompere gli sche(r)mi, ma sempre con tanta voglia di tenerezza, condita da sana cattiveria. E cosý a questa perla che non segue regole, ma insegue un protagonista straripante, in tutti i sensi, viene perdonato anche quel finale (quasi) sdolcinato. Guardate e imparate. Ma tenetevi la moto." (Boris Sollazzo, 'Liberazione', 29 ottobre 2010) "Strepitosa commedia 'on the road', surreale e grottesca, su rapporti umani ed etica del lavoro, interpretata da un magistrale Depardieu affiancato dalla brillante Yolande Moreau (la sua scena dello spelling telefonico all'addetto di un call center Ŕ da museo del cinema). Si ride come neanche nei cinepanettoni ma con un pizzico di malinconia. Di G. Kervern e B. DelÚpine con GÚrard Depardieu." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 29 ottobre 2010)

Trova Cinema

Box office
dal 21 al 24 maggio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234
  10. 10. Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn)  121.947

Tutta la classifica