SCHEDA FILM

MADAME BOVARY

Anno: 1991 Durata: 140 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:PANORAMICA A COLORI

Tratto da:TRATTO DAL ROMANZO OMONIMO DI GUSTAVE FLAUBERT

Produzione:MARIN KARMITZ (MK2 PRODUCTIONS S.A.) CED PRODUCTIONS, FR3 FILMS PRODUCTIONS, PARIS

Distribuzione:ACADEMY PICTURES (1991) - PANARECORD

TRAMA

Emma, giovane ed irrequieta figlia di un agricoltore francese, sposa il dottor Charles Bovary. Questo matrimonio, malgrado la bontà e le premure di un marito fedele e affezionato, e la nascita di una bambina, Berthe, va in crisi. Sempre annoiata, un po' altezzosa, amante dei begli abiti e insofferente dell'uggia familiare, Emma accetta con speranza che Charles si trasferisca a Thionville. Conosciuto l'assistente di un notaio, Leon, flirta con lui; partito Leon per Parigi, resta affascinata dai modi e dalle insidiose parole del marchese Rodolphe Boulanger e ne diviene l'amante. Charles continua ad adorare la moglie, che nel frattempo è caduta nelle grinfie di un ricco commerciante di stoffe, strozzino e ricattatore. Poichè Madame Bovary ama il lusso, i debiti contratti con costui (per suo consiglio lei è riuscita perfino a farsi rilasciare dal marito una procura) conducono Emma al disastro. Con provvedimento del Tribunale, su richiesta del creditore, i beni del dottore vanno sotto sequestro. Rodolphe, che a suo tempo si era rifiutato di portare Emma a Parigi con sè, rifiuta ora di darle del denaro per impedire l'esecuzione del sequestro. Frattanto ricompare Leon - da sempre innamorato di lei - ed Emma cede anche a lui, andando spesso in carrozza a Rouen (sotto il pretesto di assister a rappresentazioni di opera lirica), con il consenso del consorte, ignaro della tresca. Anche al giovane Emma, disperata, chiede un prestito, ma non ne ottiene che vaghe promesse. Assillata dagli eventi e respinta dagli amanti, Emma induce un apprendista che lavora in farmacia a darle dell'arsenico. E non le resta che il suicidio, davanti al marito sbigottito e incredulo che ancora l'ama teneramente.

CRITICA

Bei costumi, belle case, begli ambienti, ma il film s'infiamma soltanto nel finale. Bravi anche gli interpreti maschili. (Alfio Cantelli, Il Giornale). Funereo e splendido film. (Mirella Poggialini, L'Avvenire). L'alleanza Chabrol Huppert fornisce dopo "Violette nozière" e "Un affare di donne" un nuovo grande personaggio femminile. (Lietta Tornabuoni, La Stampa). Isabelle Huppert è semplicemente bravissima. Probabilmente, la più grande attrice di questi anni. (Irene Bignardi, La Repubblica). Qui Isabelle Huppert, attrice di indubbie doti, classe e temperamento non ci è parsa l'attrice adatta a impersonare Emma, così poco passionale e così assente. (Franco Colombo, L'Eco di Bergamo)

Trova Cinema

Box office
dal 13 al 16 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  1.808.586
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 3. Dolittle  1.166.938
  3. 4. 1917  884.656
  4. 5. Jojo Rabbit  390.036
  5. 6. Il diritto di opporsi  334.445
  6. 7. Figli  333.612
  7. 8. Parasite  333.065
  8. 9. Judy  184.691
  9. 10. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  174.524

Tutta la classifica