Lulu2014

SCHEDA FILM

Lulu

Anno: 2014 Durata: 84 Origine: ARGENTINA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Luis Ortega

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:IGNACIO SARCHI, LUIS ORTEGA

Distribuzione:-

ATTORI

Ailín Salas nel ruolo di Ludmilla/Lulu
Nahuel Pérez Biscayart nel ruolo di Lucas
Daniel Melingo nel ruolo di Hueso
Manuel Angel Castillo
 

SCENEGGIATORE

Ortega, Luis
 

MUSICHE

Melingo, Daniel
 

MONTAGGIO

Suárez, Rosario
 

SCENOGRAFIA

Giribaldi, Juan
 

TRAMA

Buenos Aires. Lucas e Ludmilla/Lulu sono ragazzi di strada, molto innamorati e totalmente indifferenti ai limiti del mondo in cui vivono. Lucas lavora con il camionista Hueso, ma per far divertire la sua compagna, costretta su una sedia a rotelle, nel suo tempo libero commette atti vandalici e piccole azioni criminali. Per i due ragazzi la città è come un parco giochi, e le regole si applicano a tutti gli altri tranne che a loro. Incuranti del mondo che li circonda, Lucas e Ludmilla vivono per strada godendo della libertà che essa offre e venendo a patti con la violenza che questo tipo di esistenza gli fa sperimentare. Fino a quando, in seguito ad alcuni dissidi, Ludmila decide di tornare a casa dalla sua famiglia e Lucas resta solo con la sua pistola e nessun posto dove andare.

CRITICA

"Ribelli senza causa, senza un progetto, senza un «noi». Li racconta Luis Ortega in 'Lulu' (...). Ortega, già autore nel 2002 e nel 2005 di 'Caja negra' e 'Monobloc' fa parte di quel gruppo di registi che insieme a Lucrecia Martel, Pablo Trapero, Adrián Gaetano, Lisandro Alonso e tanti altri, ha contribuito, con una sua poetica originale, a ricostruire un immaginario cinematografico argentino, all'indomani della bancarotta di un'intera nazione. (...) 'Lulu' è la visione cupa e priva d'ottimismo di Ortega, come lui stesso ha dichiarato alla fine del film. È il suo modo di vedere la realtà contemporanea argentina. In una forma cinematografica che risulta spiazzante. Perché in 'Lulu' quello che si vede nell'immediato non corrisponde a ciò che resta alla fine. Al di là di un finale che può sorprendere, ciò che disorienta è da un lato il realismo con cui luoghi e condizioni umane vengono descritte e dall'altro quei movimenti che sollevano i due protagonisti sopra il mondo e i suoi orrori. Ma quell'essere sospesi è solo un'illusione, un modo per toglierci il sorriso ancor più violentemente. La forza di gravità spinge verso terra, i corpi cadono pesantemente e si ammucchiano come rifiuti, riportandoci a immagini di un passato che pensavamo fosse alle spalle. Dalla nascita della Nueva Ola argentina molte storie sono state raccontate, non solo sulla dittatura militare e i desaparecidos, ma soprattutto su un presente che risultava oscuro e difficile da decifrare. Una produzione di immagini e immaginari che testimoniavano la voglia di un riscatto, che spingevano a credere a un nuovo inizio. Qualcosa, però, deve essere andato storto." (Mazzino Montinari, 'Il Manifesto', 21 ottobre 2014)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica