Lost in Translation - L'amore tradotto2003

SCHEDA FILM

Lost in Translation - L'amore tradotto

Anno: 2003 Durata: 105 Origine: GIAPPONE Colore: C

Genere:COMMEDIA, DRAMMATICO

Regia:Sofia Coppola

Specifiche tecniche:AATON 35 III MOVIECAM CAMERAS 35MM (1:1,85)

Tratto da:-

Produzione:SOFIA COPPOLA, ROSS KATZ PER AMERICAN ZOETROPE, ELEMENTAL FILMS, TOHOKASHINSHA FILM COMPANY

Distribuzione:MIKADO

ATTORI

Scarlett Johansson nel ruolo di Charlotte
Bill Murray nel ruolo di Bob Harris
Akiko Takeshita nel ruolo di Signora Kawasaki
Giovanni Ribisi nel ruolo di John
Anna Faris nel ruolo di Kelly
Catherine Lambert nel ruolo di Cantante Jazz
Ryuichiro Baba nel ruolo di Portiere
Francois Du Bois nel ruolo di Pianista
Shigekazu Aida nel ruolo di Sig. Valentine
Richard Allen nel ruolo di Uomo d'affari americano
Gregory Pekar nel ruolo di Uomo d'affari americano
Akiko Monou nel ruolo di P Chan
Akimitsu Naruyama nel ruolo di Direttore del club francese
Akira nel ruolo di Hans
Akira Yamaguchi nel ruolo di Fattorino
Asuka Shimuzu nel ruolo di Traduttore di Kelly
Daikon nel ruolo di Bambie
Fumihiro Hayashi nel ruolo di Charlie
Hiroko Kawasaki nel ruolo di Hiroko
Hiromix nel ruolo di Hiromix
Hiroshi Kawashima nel ruolo di Barista Nightclub
Hugo Codaro nel ruolo di Istruttore di aerobica
Ikuko Takahashi nel ruolo di Istruttore di ikebana
Jun Maki nel ruolo di Cliente di Suntory
Kanaka Nakazato nel ruolo di Truccatore
Kazuko Shibata Take nel ruolo di Addetto stampa
Kazuo Yamada nel ruolo di Centralinista Ospedale
Kazuyoshi Minamimagoe nel ruolo di Addetto Stampa
Kei Takyo nel ruolo di Traduttore Tv
Koichi Tanaka nel ruolo di Barista Ny Bar
Kunichi Nomura nel ruolo di Kun
Lisle Wilkerson nel ruolo di Donna d'affari sexy
Mark Willms nel ruolo di Carl West
Mathew Minami nel ruolo di Presentatore Tv
Nao Kitman nel ruolo di Nao
Nobuhiko Kitamura nel ruolo di Nobu
Osamu Shigematu nel ruolo di Dottore
Ryo Kondo nel ruolo di Politico
Tetsuro Naka nel ruolo di Fotografo di scena
Tim Leffman nel ruolo di Chitarrista
Yasuhiko Hattori nel ruolo di Amico di Charlie
Yutaka Tadokoro nel ruolo di Direttore commerciale
 

SOGGETTO

Coppola, Sofia
 

SCENEGGIATORE

Coppola, Sofia
 
 

MONTAGGIO

Flack, Sarah
 
 

COSTUMISTA

Steiner, Nancy

TRAMA

Due americani, il maturo Bob e la giovane Charlotte, si incontrano in un lussuoso albergo di Tokio. Star del cinema in declino, Bob è arrivato per girare uno spot pubblicitario di una marca di whisky: il lavoro non lo entusiasma ma il compenso gli fa passare ogni dubbio. Charlotte accompagna John, il marito, fotografo in ascesa che non rinuncia mai ad un incarico. Bob e Charlotte passano molto tempo in albergo, e anche la notte, presi entrambi dall'insonnia, si rifugiano al bar sempre aperto. Quando John parte per un impegno fuori città, i due riescono a passare un po' di tempo insieme. Conosciutisi meglio, e affrontato il discorso su matrimonio e famiglie (Bob ha moglie e due figli), escono, frequentano altre persone, vanno in qualche locale. Ma la Tokio allucinata delle luci e dei videogame non fa per loro. Più spesso restano in camera, parlano, si guardano. Dopo aver accettato di partecipare ad uno show televisivo (e Charlotte ne ha approfittato per andare a Kyoto), Bob capisce che è il momento di ripartire. Quella notte tuttavia una cantante del night si avvicina a lui e i due passano la notte insieme. La mattina dopo, Charlotte lo capisce e si allontana arrabbiata. Bob sta per lasciare l'albergo. Tra i due c'è un saluto imbarazzato. Dal taxi, Bob vede Charlotte per strada. Si ferma, la raggiunge, si abbracciano, la bacia. Charlotte piange. Ora si possono lasciare. Bob va verso l'aeroporto.

CRITICA

"Alla sua seconda regia Sofia Coppola, figlia di cotanto padre, conduce il gioco con mano sicura, trascorrendo dal buffo e malinconico dentro una cornice squisitamente notturna. Anime in pena rinchiuse negli agi del Park Hyatt Hotel, i due personaggi ci ricordano, facendoci sorridere, di che pasta è fatta la condizione umana". (Michele Anselmi, 'Il Giornale', 1 settembre 2003) "Delizioso e imperdibile 'L'amore tradotto', che segna la repentina maturazione della figlia d'arte Sofia Coppola. Interpretato da un grandioso Bill Murray e dall'intensa Scarlett Johansson, il film mette in scena l'impalpabile contatto fra un disilluso divo americano e una giovanissima connazionale fresca sposa nelle pause di un frastornante soggiorno a Tokio. Il tragicomico spaesamento provocato dall'intraducibile metropoli si riverbera, così, nello stand by esistenziale dei personaggi che finiscono tuttavia per ritrovarci un tesoretto di confortevoli quanto effimeri contrappunti". (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 1 settembre 2003) "Ognuno ha il proprio film e lo tiene segreto, per pudore, per gelosia e vergogna. Vergogna di vedersi e sentirsi scoperti di aver amato un film che non si crede importante, ma solo privato. 'Lost in translation' appartiene a questa categoria di film: sono di tutti, ma appartengono a noi stessi. Il motivo di questo fatale coincidere è lasciato alle leggi del desiderio. La Coppola cerca l'archetipo dell'infanzia (e del cinema) attraverso il gioco e l'amore, anche quando è platonico in una storia che rompe la successione e la ripetizione automatica di comportamenti e di destini attraverso un evento, un incontro, un piccolo miracolo." (Dario Zonta, 'L'Unità', 5 dicembre 2003) "Una cronaca, con gli accenti, spesso, del documentario. Se l'è scritta e poi realizzata Sofia Coppola, già nota per un primo film di un certo pregio, 'Il giardino delle vergini suicide'. Qui, senza mai contraddirsi nei linguaggi, si è tenuta a due modi di rappresentazione: l'incontro quasi sentimentale dei due, isolati in ambienti di cui ignorano la lingua e i costumi, e poi questi stessi ambienti, rievocati di giorno e di notte con un occhio che, tenendosi lontano dalla curiosità turistica, vi privilegia in mezzo la scoperta, anche soltanto psicologica; accettando, in qualche pagina, anche dei risvolti ironici. Lo interpreta Bill Murray, alternando con misura i fastidi dell'estraniamento con la graduale insorgenza di quei suoi sentimenti solo un po' vicini all'amore. Affiancato, con intensità, da Scarlett Johansson, molto convincente." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 5 dicembre 2003) "'Lost in Translation' è spesso divertente: basta vedere le scene in cui Murray è alle prese con una petulante prostituta che pretende di farsi leccare - o strappare - le calze, con un regista fuso di testa, con un petulantissimo intrattenitore televisivo. Bill, poi, è impedibile quando improvvisa davanti alla macchina da presa - e si vede che lo fa davvero - nella parte del bevitore di whisky per lo spot. Però l'eccezionalità della sua interpretazione sta da un'altra parte, quella stessa in cui va ricercata anche l'eccezionalità del film. Ovvero nella vulnerabilità che traspare dietro la maschera umoristica; in un senso di malinconia raramente apparso così attraente, perfino desiderabile, su uno schermo." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 6 dicembre 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 28 al 1 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Cetto c'è, senzadubbiamente  2.479.936
    Cetto c'è, senzadubbiamente

    Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque......

  2. 2. L'ufficiale e la spia  1.215.362
  3. 4. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  577.263
  4. 5. Countdown  385.254
  5. 6. La famiglia Addams  379.466
  6. 7. Depeche Mode - Spirits in the Forest  325.788
  7. 8. Sono solo fantasmi  305.527
  8. 9. Parasite  295.915
  9. 10. Il giorno più bello del mondo  290.668

Tutta la classifica