L'inverno2001

SCHEDA FILM

L'inverno

Anno: 2001 Durata: 97 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:GIORGIO MAGLIULO PER DODICI DICEMBRE, RAI CINEMA

Distribuzione:MIKADO

TRAMA

TRAMA BREVE Due coppie si incontrano nella periferia di una metropoli del nord Italia. Leo è uno scrittore in crisi. La sua compagna Marta è una bella donna - che nasconde le proprie insicurezze dietro una buona dose di aggressività - che sta cercando di allestire una galleria d'arte. Gustavo è un industriale cinquantenne che intrattiene con la traduttrice Anna una relazione matrimoniale rozza e perversa. Quando Anna seduce Leo entrambe le coppie sembrano sul punto di scoppiare. Ma mentre Leo e Marta non trovano la parola giusta per tornare insieme, Gustavo e Anna restano tranquillamente uniti. TRAMA LUNGA Leo, scrittore di romanzi in crisi, e Marta, allestitrice in una galleria d'arte, vivono assieme ma tra loro non c'è passione né dialogo. Lui è chiuso in una indifferente afasia, mentre lei dà sfogo ai suoi traumi familiari attraverso la logorrea. I due conoscono Gustavo, un ricco cinquantenne, e la sua giovane moglie Anna. Gustavo, fedifrago impenitente, fa subito avance a Marta la quale, però, non le ricambia. Anna, da parte sua, fa in modo di diventare amica di Marta e, nel contempo, sta addosso a Leo. Questi, sconfortato per le risposte negative arrivate dall'editore, permette ad Anna di leggere il suo nuovo libro. Leo e Anna si baciano appassionatamente, ma lui subito dopo si tira indietro. Marta, che nel frattempo ha cominciato a parlare con uno psichiatra, comincia a sospettare una tresca tra Leo e l'amica. Anna trova un nuovo editore per il libro di Leo, a patto però di portare dei cambiamenti. Leo affronta Anna, dichiarandole tutto il suo disprezzo, ma litiga anche con Marta che è convinta del suo tradimento. Marta e Leo non riescono a chiarirsi e lei se ne va via in macchina.

CRITICA

"Nina di Majo, napoletana, 26 anni, già autrice di 'Autunno', racconta in uno stile tendente al lirico e probabilmente ispirato all'esempio di Antonioni il nostro deserto emotivo e culturale in cui i personaggi si muovono soli e spersi, cercando una direzione che non riescono a trovare." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 8 febbraio 2002) "Passerà per presuntuosa, la confronteranno agli Antonioni e ai Losey-Pinter anni '60, si enfatizzeranno incongruenze e artificiosità. Però con tutti i suoi tic, le esagerazioni, la ricercata sgradevolezza, 'L'inverno' resta un raro esempio di cinema che ricerca, di inconsueta e brutale aderenza psicologica. E la di Majo sa spingere i personaggi su terreni infidi e molto interessanti a volerli guardare da vicino. Sarà mica anche lei un po' vampiro?". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 8 febbraio 2002) " 'L'inverno' può far pensare all'Antonioni de 'L'eclisse', a certi registi di Formosa. Il gioco al massacro tra pochi personaggi 'a porte chiuse' è servito da un'ottima interpretazione (Bruni Tedeschi, Valeria Golino, Gifuni), da un'ottima fotografia (Cesare Accetta), e se qualche carenza la presenta è nella sceneggiatura ma è positivo che di Majo, come Maderna, faccia da sé, anche rischiando, perché gli sceneggiatori italiani sono l'appendice più diretta dei produttori, sono i mediatori ossessionati dalla comunicazione. Con i suoi personaggi la regista ha qualche complicità, poche, perché ne conosce la condizione, le normali viltà, i claustrofobici dolori. Personaggi che nello stesso tempo, come tanti di noi, sono condannati all'immaturità, e sono però anagraficamente, irresponsabilmente adulti". (Goffredo Fofi, 'Panorama', 14 febbraio 2002) "La sceneggiatura dice quel che deve e quel che può. Il film segue il 'funerale della coppia'. Eppure, tutto sembra programmatico. Cupo, perché deciso. Gli scrittori in crisi sono ancora dei personaggi o non personaggi accettabili? L'inverno ha uniformato il film con una coltre di neve". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 21 febbraio 2002)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica