L'ingorgo1978

SCHEDA FILM

L'ingorgo

Anno: 1978 Durata: 128 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:GROTTESCO

Regia:-

Specifiche tecniche:PANORAMICA, TELECOLOR

Tratto da:-

Produzione:SILVIO E ANNA MARIA CLEMENTELLI PER CLESI CINEMATOGRAFICA (ROMA), GREENWICH PRODUCTIONS (PARIGI), JOSE' FRADE PRODUCCIONES (MADRID), ALBATROS FILM (MONACO)

Distribuzione:TITANUS (1979) - DURIUM HOME VIDEO, MGM HOME ENTERTAINMENT (GLI SCUDI)

TRAMA

Un corteo di macchine procede sempre più lentamente lungo la tangenziale di Roma, sino a che ogni possibilità di movimento si blocca. L'ingorgo durerà 36 ore. Sin dai primi momenti il nervosismo dei viaggiatori è evidente. Quando sfumano le speranze di una veloce soluzione, mancano notizie, si palesano le prime necessità, la tensione sale al massimo e non pochi trascendono. La circostanza permette di scoprire i lati peggiori dell'umanità presente. Un ricco industriale, abituato a tiranneggiare tutti, strapazza il segretario Ferreri; tenta di aggrapparsi ai conoscenti mediante il telefono; ingaggia una ragazzetta napoletana di cui si è invaghito. La ragazza incinta litiga con il padre che vorrebbe indurla ad abortire; ma, quando ha in mano l'assegno e l'ingaggio, ci ripensa. L'attore Marco Montefoschi, invitato nella vicina baracca di un operaio, ne insidia la moglie Teresa e risponde con vacue parole alle interessate cure dei due ospiti. Carlo e Irene, in viaggio per le nozze d'argento, trovano nello smarrimento delle chiavi di casa la scusa per dichiararsi il reciproco disprezzo. Martina, una giovane cantante, fa amicizia con Mario, un giovanotto che invano tenta di difenderla quando nella notte tre teppisti la violentano. Quattro signori, armati, per paura osservano la scena e fingono di non vedere per non aver grane. La giovane Angela tradisce il marito Franco con un volgare e maturo professore...

CRITICA

"Comencini è regista probo e preparato. Evita le coloriture vistose care a parecchi dei suoi colleghi; però, nel contempo, preoccupato com'è di dare al film una certa verosimiglianza, si preclude la via del paradosso, la possibilità dell'apologo. Domina con tale maestria il mezzo cinematografico da farci dimenticare la 'presenza' della macchina da presa. I brani si saldano in modo fluido l'uno all'altro; i molti e noti attori che compaiono nel film recitano gradevolmente e, al solito, Alberto Sordi batte ogni concorrenza: certe annotazioni appaiono gustose e altre meno. Ma, tutto sommato, ogni episodio di rinchiude su se stesso. Non fa discorso. Ciò è dovuto, direi, a quel ridurre il personaggio alla macchietta, ossia all'avere il regista applicato, su consiglio degli sceneggiatori e del produttore, il procedimento opposto a quello da lui seguito nella sua recente inchiesta televisiva. Che peccato" (Francesco Bolzoni, 'L'Avvenire')

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica