SCHEDA FILM

Le stagioni del nostro amore

Anno: 1965 Durata: 93 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:Florestano Vancini

Specifiche tecniche:PANORAMICA, 35 MM.

Tratto da:-

Produzione:MARIO GALLO E FLORESTANO VANCINI PER GA.VA. FILM

Distribuzione:MEDUSA (REGIONALE) (1966)

ATTORI

Enrico Maria Salerno nel ruolo di Vittorio Borghi
Anouk Aimée nel ruolo di Francesca
Jacqueline Sassard nel ruolo di Elena
Gian Maria Volonté nel ruolo di Leonardo Varzi
Gastone Moschin nel ruolo di Tancredi
Valeria Valeri nel ruolo di Milena, moglie di Vittorio
Checco Rissone nel ruolo di Olindo Civenini
Daniele Vargas nel ruolo di Il conte
Pietro Tordi nel ruolo di Mario Borghi
Massimo Giuliani nel ruolo di Leonardo Varzi da ragazzo
Umberto Bertagna nel ruolo di Un partigiano alla cascina
Albano Bissoni nel ruolo di Un partigiano alla cascina
Bruno Garilli
Consalvo Dell'Arti
Elena Ballesio
Isa Mancini
Luciano Damiani
Luigi Magnani
Mirella Pamphili
Sante Zacche'
 
 

MONTAGGIO

Baragli, Nino
 

SCENOGRAFIA

De Maria, Giuliana
 

COSTUMISTA

De Maria, Giuliana

TRAMA

Vittorio Borghi, un giornalista quarantenne, è giunto ad un momento di crisi, o meglio di ripensamento, di riflessione su una vita di cui è ormai trascorsa la parte migliore. L'occasione della crisi è un'avventura sentimentale: Vittorio è legato ad una ragazza, Elena, molto più giovane di lui, ma questa è una relazione ormai giunta alla fine. Ed è proprio l'addio con la ragazza assieme alla rottura definitiva con la moglie, Milena, a spingerlo nei luoghi della giovinezza in cerca di ricordi e di amicizie quasi dimenticate. Vittorio ritorna a Mantova, incontra gli amici del padre - un postino di campagna, vecchio socialista all'antica - i compagni di scuola, della resistenza, delle lotte politiche, del dopoguerra. Se i ricordi degli avvenimenti sono vivi e presenti, le persone sono invece mutate, lontanissime. Anche Vittorio è profondamente cambiato: è deluso, non crede più agli ideali per cui ha lottato durante e dopo la resistenza, e, ferito nei sentimenti, non riesce a trovare un punto di contatto con chi gli era stato vicino in gioventù. Il pellegrinaggio ai luoghi del tempo trascorso terminerà in una balera lungo il Po, dove un gruppo di ragazzi e ragazze è riuscito a far funzionare un juke-box. E' un altra gioventù che non ricorda in alcun modo quella di Vittorio, allegra, senza problemi, ma forse con un più esatto senso della vita.

CRITICA

"La suggestiva rappresentazione di un ambiente di provincia italiana, la crisi della ideologia marxista che emerge dal contrasto del protagonista con i suoi ricordi lontani, la rivalutazione dei sentimenti dell'uomo, fanno di questo film un'opera di indubbio interesse. Non troppo focalizzata e risolta la figura del protagonista: buona la regia; suggestiva la fotografia e rimarchevole l'interpretazione". (Segnalazioni cinematografiche, vol. 61, 1967) "Il film vuole essere (...) prima di tutto, la testimonianza di una crisi, che è insieme sentimentale e ideologica, vista attraverso gli occhi di un personaggio che vorrebbe essere emblematico. (...) Il film procede dunque sul filo delle riflessioni, dei ricordi (...) accumulando una serie di elementi che dovrebbero servire a definire i termini della sua crisi personale (...) L'intellettualismo e un certo compiacimento formalistico sono quindi i limiti più vistosi di questo film." (A. Bernardini, "Cineforum", 54, aprile 1966)

Trova Cinema

Box office
dal 28 al 1 dicembre

Incasso in euro

  1. 1. Cetto c'è, senzadubbiamente  2.479.936
    Cetto c'è, senzadubbiamente

    Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque......

  2. 2. L'ufficiale e la spia  1.215.362
  3. 4. Le ragazze di Wall Street - Business i$ Business  577.263
  4. 5. Countdown  385.254
  5. 6. La famiglia Addams  379.466
  6. 7. Depeche Mode - Spirits in the Forest  325.788
  7. 8. Sono solo fantasmi  305.527
  8. 9. Parasite  295.915
  9. 10. Il giorno più bello del mondo  290.668

Tutta la classifica