LE MILLE LUCI DI NEW YORK1988

SCHEDA FILM

LE MILLE LUCI DI NEW YORK

Anno: 1988 Durata: 104 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:NORMALE

Tratto da:TRATTO DAL ROMANZO OMONIMO DI JAY MCINERNEY

Produzione:MARK ROSENBERG SIDNEY POLLACK

Distribuzione:UIP (1988) - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI)

TRAMA

Un giovane infelice, abbandonato dalla moglie e deluso dalla vita, Jamie Conway, si rifugia nella cocaina e in un giro di amicizie sbagliate. Rendendo sempre di meno nel sul lavoro come correttore di bozze in un giornale, Jamie viene licenziato. Il giovane trova allora conforto in Vicky, una ragazza diversa da quelle frequentate negli ultimi tempi.

CRITICA

"Tratto da un best-seller di Jay McInerney, e da lui stesso sceneggiato, 'Le mille luci di New York', ('Bright Lights, Big City') è un film moraleggiante che col pretesto della critica di costume e del reportage sui locali mondani lamenta i guasti provocati dalla droga nelle nuove generazioni, e le richiama al rispetto dei Valori Supremi. La sua gestazione è stata molto laboriosa, giacché ben tre registi e cinque sceneggiatori vi hanno lavorato durante tre anni. Forse per questo l'esito è onorevole ma non entusiasmante. (...) Michael J. Fox riesce comunque con un piccolo alloro a compenso del suo giovanile prodigarsi e d'alta qualità si conferma Jason Robards nella parte d'un vecchio scrittore fallito, cinicamente persuaso che al posto della poesia c'è oggi il denaro. Il cattivo compagno è Kiefer Sutherland, somigliantissimo al padre, l'indossatrice di vezzosi modelli è Phoebe Cates, e la madre morente è Dianne Wiest. Dalle scenografie di Santo Loquasto e dalla fotografia di Gordon Willis il film trae occasioni di elegante spettacolo." (Giovanni Grazzini, 'Il Corriere della Sera', 18 Luglio 1988) "Il romanzo raccontava questa storia ricorrendo al vezzo piuttosto curioso di far adoperare al protagonista la seconda persona singolare ('fai', 'vai', ecc.), il film sceneggiato dallo stesso autore letterario, per fortuna vi rinuncia, ma non rinuncia a tutta una serie di espedienti libreschi che appesantiscono il racconto e non consentono ai personaggi di muoversi sempre con i ritmi del cinema. Vi sopperisce un po' James Bridges, un regista con tutte le carte in regola, forse insistendo un po' troppo sugli inferni dell'alcol e della droga con gusti quasi solo effettistici, riuscendo però a darci di New York e delle sue 'mille luci' una rappresentazione più d'una volta ispirata e felice: sia quando tende al realismo sia, soprattutto, quando propone l'incubo, con il sussidio di scenografie particolarmente suggestive (di Santo Loquasto) e di una fotografia (di Gordon Willis) che giunge spesso a ricreare e a reinterpretare anche il quotidiano più spicciolo; con squarci fra l'allucinazione e il lirismo." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 13 Luglio 1988) "Adesso la sceneggiatura dell'autore dà i colpi definitivi a una fragile costruzione, certe espressioni si sopportano a fatica sulla pagina, figurarsi trapiantate di peso sullo schermo. Con l'aggiunta, poi, che il regista James Bridges ('Sindrome cinese', 'Urban Cowboy'), forse per prudenza verso l'originale letterario, ha accentuato i vezzi libreschi (suddivisione in giornate-capitoli, voce off) e curiosamente una vaga inerzia dietro il nottambulismo febbrile di Jamie. Apprendiamo che il protagonista è parossisticamente turbato perché lo ha abbandonato la bellissima moglie, una top model andata per i fatti suoi e soprattutto siamo informati che Jamie patisce in ritardo il dolore, la privazione per la morte della madre, avvenuta un anno prima e spesso rievocata nei pensieri. (...) Riusciva bene (lo ricordate?) nella caricatura dello yuppie nel 'Segreto del mio successo', perché c'era in quel film allegria mista a una effervescente volgarità e dell'una o dell'altra si capisce che lui ha bisogno." (Stefano Reggiani, 'La Stampa', 2 Luglio 1988)

Trova Cinema

Box office
dal 6 al 9 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  3.080.987
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 2. Dolittle  2.016.854
  3. 3. 1917  1.523.182
  4. 4. Figli  832.589
  5. 5. Jojo Rabbit  659.679
  6. 6. Il diritto di opporsi  548.856
  7. 7. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  498.415
  8. 8. Piccole Donne  371.689
  9. 9. Judy  311.881
  10. 10. Underwater  249.313

Tutta la classifica