Le divorce2002

SCHEDA FILM

Le divorce

Anno: 2002 Durata: 120 Origine: FRANCIA Colore: C

Genere:COMMEDIA, DRAMMATICO

Regia:James Ivory

Specifiche tecniche:-

Tratto da:romanzo bestseller omonimo di Diane Johnson

Produzione:MERCHANT-IVORY PRODUCTIONS - INTERSCOPE COMMUNICATIONS

Distribuzione:-

ATTORI

Kate Hudson nel ruolo di Isabel Walker
Naomi Watts nel ruolo di Roxeanne
Glenn Close nel ruolo di Olivia Pace
Stockard Channing nel ruolo di Margreeve Walker
Matthew Modine nel ruolo di Tellman
Sam Waterston nel ruolo di Chester Walker
Leslie Caron nel ruolo di Sig.ra De Persand
Bebe Neuwirth nel ruolo di Art Curator
Thierry Lhermitte nel ruolo di Edgar Cosset
Stephen Fry nel ruolo di Esperto di Christie'S
Jean-Marc Barr nel ruolo di Avv. Bertram
Rona Hartner nel ruolo di Magda Tellman
Françoise Brion
James Waterston
Lambert Wilson
Melvil Poupaud
Philip Tabor
Romain Duris
 

SOGGETTO

Johnson, Diane
 
 

MONTAGGIO

Allen, John David
 

SCENOGRAFIA

Bénard, Frédéric
 

COSTUMISTA

Ramsey, Carol

TRAMA

Isabel Walker vola a Parigi dalla natia California per sostenere la sorella Roxeanne, che è stata appena lasciata dal marito francese, Charles-Henri de Persand, nonostante sia in attesa di un bambino. Mentre i due pensano al divorzio, Isabel non trova di meglio che innamorarsi dello zio di Charles-Henry. Lo scontro tra le due famiglie viene complicato dalla scoperta che Roxeanne dispone di un dipinto che vale milioni di dollari e, soprattutto dal fatto che francesi e americani hanno un modo di vedere la vita del tutto diverso. Tutto questo finché un fatto inatteso farà intravedere una nuova possibilità di comprensione tra le due culture.

CRITICA

"Tra le frequentazioni di librerie intellettuali e Café de Flore o, al contario, di magioni patrizie e lussuosi negozi d'intimo, Isabel amoreggia sia con un irsuto no-global che con un diplomatico di destra, senza per questo consentire ad Ivory di arpeggiare a dovere sulla tastiera delle ibridazioni culturali. Anzi, il regista introduce altri incongrui elementi di thrilling che opacizzano ancora di più lo svolazzo romantico". (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 1 settembre 2003) "Commedia su sorprese e sorpresine dell'amore in cui anche Ivory crede fino a un certo punto: il bilancio è di poco ardore, non c'è mai passione, è un lungo cocktail party in cui si parla di illusioni e delusioni. Languidamente a cavalcioni tra due culture, come in altri suoi film, il buon Ivory, sprovvisto di trine e merletti ma ispirandosi a un libro di Diane Johnson, che purtroppo non è Forster, lavora su un soggetto graziosamente povero di fuoco, tra dispute pittoriche, borse firmate e foulard di seta, in cui Leslie Caron è la fantastica presenza che ricorda i musical di Minnelli lungo la Senna. Insomma, siamo dalle parti del superficialmente serio e del seriamente superficiale, ma il gioco è prolisso, il girotondo dei sentimenti è macchinoso: è difficile per tutti diventare Rohmer o Max Ophuls." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 8 novembre 2003) "'Le divorce' è messo in scena come un fotoromanzo appena un po' sofisticato, farcito di pubblicità (neanche troppo) occulta. Frattanto Ivory tende a scambiare sistematicamente la raffinatezza con gli stereotipi alla moda e insiste più sul banale repertorio folkloristico associato ai francesi. Il tutto senza prendere il minimo distacco ironico; e così che lo spettatore si disinteressa alla svelta delle artificiose vicende che toccano in sorte alle sorelle Walzer. Solo Naomi Watts ne esce con l'onore delle armi, mentre Kate Hudson offre, da par suo, un saggio recitativo di alta mediocrità." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 8 novembre 2003) "Titolo francese, ma lingua inglese prevalente nella versione originale di questa mezza pochade che non diverte, di questo mezzo dramma che non commuove. (...) La Parigi di 'Le divorce' sta a quella reale come la Sicilia di 'Divorzio all'italiana' stava a quella reale. Nel ruolo di una romanziera appare una Glenn Close che, a forza di lifting, è davvero Crudelia De Mon. Quanto alla Caron, così bella un giorno, com'è invecchiata male! Neanche Ivory però deve sentirsi bene, se ciò che gli riesce meglio è far pubblicità alla borsa di coccodrillo che Lhermitte regala a ogni amante." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 7 novembre 2003) "Forse il vero scandalo è che questo polpettone di James Ivory sia passato in concorso a Venezia. Naomi Watts e Kate Hudson, le due protagoniste, tentano di salvare capra e cavoli. Salvano solo i cavoli. Nostri." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 7 novembre 2003)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica