SCHEDA FILM

L'assassinio di Trotsky

Anno: 1972 Durata: 105 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Joseph Losey

Specifiche tecniche:PANORAMICA TECHNICOLOR

Tratto da:-

Produzione:JOSEPH LOSEY PER CINEMATOGRAFICA, ROMA DINO DE LAURENTIIS CINEMATOGRAFICA, CIAC (ROMA) CINETEL (PARIGI), JOSEPH SHAFTEL PRODUCTIONS

Distribuzione:CIC - RICORDI VIDEO

ATTORI

Richard Burton nel ruolo di Leone Trotzky
Alain Delon nel ruolo di Frank Jackson
Romy Schneider nel ruolo di Gita Samuels
Valentina Cortese nel ruolo di Natalia Sedowa Trotsky
Luigi Vannucchi nel ruolo di Ruiz
Duilio Del Prete nel ruolo di Felipe
Jean Desailly nel ruolo di Alfred Rosmer
Simone Valère nel ruolo di Marguerite Rosmer
Carlos Miranda nel ruolo di Sheldon Harte
Peter Chatel nel ruolo di Otto
Mike Forest nel ruolo di Jim
Enrico Maria Salerno nel ruolo di Salazar
Claudio Brook
Giorgio Albertazzi
Jack Betts
 

MUSICHE

Macchi, Egisto
 

SCENOGRAFIA

Equini, Arrigo

TRAMA

A Città del Messico, in occasione del 10 maggio del 1940, i campesinos fanno delle manifestazioni di carattere marxista. La città, tuttavia, è divisa a causa della presenza in essa di Lev Davidovic Trotsky, il grande avversario di Stalin, che dall'esilio continua a combattere la politica dello stesso e a fomentare movimenti verso una IV Internazionale; di questo ne approfittano forze fasciste per manifestazioni di dissenso. Lo scoppio della guerra e l'iniziale connivenza della Russia con le aggressioni del Terzo Reich permettono al grande politico russo di colpire maggiormente nel segno mediante articoli diffusi dai periodici di tutto il mondo.Stalin dà ordine di eliminare l'avversario; ma, nonostante un'audace incursione compiuta da molti uomini nella villa di Trotsky, l'attentato fallisce. L'uomo politico riprende la sua attività e inizia la stesura di un lungo memoriale; viene assistito amorosamente dalla moglie Natascia; ottiene guardie del corpo, l'installazione di dispositivi d'allarme e l'erezione di mura che rendono la villa una specie di fortezza. Nel frattempo, misteriosi personaggi si tengono in contatto con il non meno misterioso Frank Jackson, apparentemente un bancario proveniente dal Belgio e di origine canadese, convivente con la militante comunista Guita, amica della famiglia russa in esillo. Frank, grazie a Guita, riesce ad avvicinare Trotsky, e comincia a frequentare la villa. Un giorno Frank colpisce con una piccozza Trotsky. Questi muore in ospedale il 20 agosto 1940. Frank semi-demente dal momento del suo immediato arresto, conserva il mistero delle sue origini e dei moventi che l'hanno indotto al gesto assassino.

CRITICA

Essenzialmente fedele a noti fatti storici e imparziale nella presentazione delle ideologie marxiste, il film non esige riserve morali. E' tuttavia un tipico prodotto per adulti sia per la sua natura, sia per i particolari delittuosi con cui si conclude. (Segnalazioni Cinematografiche).

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica