LA VENDETTA DI AQUILA NERA1951

SCHEDA FILM

LA VENDETTA DI AQUILA NERA

Anno: 1951 Durata: 96 Origine: ITALIA Colore: -

Genere:AVVENTURA

Regia:Riccardo Freda

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:CARLO CAIANO E UMBERTO MOMI PER API FILM

Distribuzione:API FILM

ATTORI

Arnaldo Mochetti
Attilio Dottesio
Dante Nello Carapelli
Duccio Sissia nel ruolo di Andrej Dubrovskij
Fausto Guerzoni
Franca Marzi nel ruolo di Katia
Franco Jamonte
Gianna Maria Canale nel ruolo di Tatiana Cernicevskij
Giovanni Del Pianta nel ruolo di Ivan
Ileana Simova
Nerio Bernardi nel ruolo di Zar
Peter Trent nel ruolo di Igor Cernicevskij
Raffaele Tana
Rossano Brazzi nel ruolo di Vladimir Dubrovskij
Ughetto Bertucci nel ruolo di Kurin
Vittorio Sanipoli nel ruolo di Principe Boris Yuravleff
 
 

SCENOGRAFIA

Filippone, Piero

TRAMA

Vladimiro Dubroski, detto Aquila Nera, che comanda un reggimento di cosacchi, scopre, verso la fine della guerra in Crimea, che il capitano Cerniceski ha segrete intelligenze col nemico e lo fa arrestare. Il governatore di Minsk, nemico giurato di Dubroski, libera Cerniceski e persuade lo zar, di cui gode il favore, delle necessitÓ di procedere contro "Aquila Nera". Dubroski Ŕ alla guerra, il governatore coi suoi sicari penetra nel suo castello e ne uccide la moglie e i servi. Il piccolo figlio, Andrea, ammutolito per lo spavento, viene rapito. Dubroski giura di vendicarsi e per impadronirsi di Cerniceski, ne cattura la sorella Tatiana; ma Cerniceski Ŕ giÓ stato assassinato per ordine del suo complice, il governatore. Dubroski strappa dalle mani d'un oste un bimbo muto e lo affida a Tatiana, che lascia libera. Egli non sa che si tratta di suo figlio. Tatiana, credendo che suo fratello sia stato ucciso da Dubroski, si allea al governatore e valendosi del figliolo, come esca, rende possibile la cattura di Dubroski, che viene inviato in Siberia, ma ne fugge. Egli rapisce Tatiana e sta per ucciderla, quando il piccolo muto, riacquistando improvvisamente la favella, glielo impedisce. Inseguito dal governatore e da i suoi sicari, Dubroski li uccide. Egli ormai ama, riamato, Tatiana, che sposerÓ.

CRITICA

"Avventure di cosacchi caserecci, continuazione del film "Aquila nera" che giÓ vide Brazzi nelle vesti del protagonista, Ŕ un lavoro, che sebbene sia stato realizzato con povertÓ di mezzi fa sentire qua e lÓ l'unghia del leone. Complessivamente questo drammone a forti tinte non manca di sequenze abbastanza efficaci, anche se prolisso e talvolta ingenuo". (F. Gabella, "Intermezzo"n. 16, del 31/8/1952).

Trova Cinema

Box office
dal 19 al 22 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni pi¨ belli  1.196.456
    Gli anni pi¨ belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica