La terra dell'abbondanza2004

SCHEDA FILM

La terra dell'abbondanza

Anno: 2004 Durata: 114 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Wim Wenders

Specifiche tecniche:35 MM (1:2,35)

Tratto da:-

Produzione:JAKE ABRAHAM, IN-AH LEE, SAMSON MUCKE E GARY WINICK PER EMOTION PICTURES, INDIGENT, REVERSE ANGLE INTERNATIONAL

Distribuzione:MIKADO

ATTORI

Michelle Williams nel ruolo di Lana
John Diehl nel ruolo di Paul
Shaun Toub nel ruolo di Hassan
Wendell Pierce nel ruolo di Henry
Richard Edson nel ruolo di Jimmy
Burt Young nel ruolo di Sherman
Jeris Poindexter nel ruolo di Charles
Rhonda Stubbins White nel ruolo di Dee Dee
Bernard White nel ruolo di Youssef
Yuri Elvin nel ruolo di Agente Elvin
 
 

MUSICHE

Thom & Nackt
 

MONTAGGIO

Laube, Moritz
 

SCENOGRAFIA

Amondson, Nathan
 

COSTUMISTA

Scott, Alexis

TRAMA

Dopo aver vissuto all'estero per tanti anni a seguito del padre missionario, Lana torna negli Stati Uniti per studiare. Ma invece di impegnarsi nei suoi studi decide di aiutare suo zio Paul, veterano della guerra del Vietnam e unico fratello di sua madre - morta anni prima - che, dopo la tragedia dell'11 Settembre, vive in uno stato d'isolamento e di costante allerta temendo un nuovo attacco terroristico...

CRITICA

"A chi legge i giornali francesi si raccomanda di non prendere atto delle stroncature che hanno salutato 'La terra dell'abbondanza', accolto invece molto bene a Venezia. Nel film, il migliore di Wenders negli ultimi anni, assistiamo al confronto fra l'America di Bush e l'altra America, quella che vorrebbe tornare a essere la patria della libertà. (...) Dalla periferia di Los Angeles a un borgo sperduto nel deserto, emerge l'immagine di un Paese definito ironicamente land of plenty e, invece, sopraffatto dalla miseria. Un film vitale e problematico, ricco di immagini vere colte al volo da un cineasta di razza." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 11 settembre 2004) "'La terra dell'abbondanza' è una riflessione lucida e accorata, in forma di ballata, sul dopo 11 settembre. È diretto da Wim Wenders, il cineasta di Dusseldorf salvato dal rock'n'roll e dal blues, che arriva fino al non luogo di Trona, California, per ambientare un specie di remake di 'Paris, Texas' (...) Il cuore di questo film diretto da uno zombie sugli zombies ribelli è invece, come sempre nei film di Wenders, fuori quadro, nel soundtrack. Leonard Cohen, Beangrowers, David Bowie, Thom, Die Toten Hosen, Travis, Hub Moore, Tv Smith." (Roberto Silvestri, 'Il Manifesto', 10 settembre 2004) "Un rapporto familiare per Wim Wenders, fra uno zio e una nipote. Che gli serve soprattutto per fare il punto sull'America di oggi e le contraddizioni di quel sogno americano cui commentato, nel finale, da una canzone in cui appunto si parla di 'terra dell'abbondanza'. (...) Con l'America di sfondo, soprattutto Los Angeles, la gente, le mentalità di oggi, le abitudini. Tra le pieghe di un intrico - la ricerca di un possibile assassinio - che anima il quadro senza però intaccare il senso. Che è lirismo, studio di caratteri, ritratto di un Paese e di un suo momento tipico. Con il segno di un maestro del cinema che osserva, e riferisce, senza giudicare." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 10 settembre 2004) "Non sembra un personaggio di Wim Wenders, invece lo è. Del resto, da quando il miglior regista degli anni 80 è diventato un saggista (e talvolta un predicatore), c'è da aspettarsi di tutto. E 'Land of Plenty', in gara a Venezia, è molte cose insieme. È un pamphlet sulla paranoia made in Usa, una pesante commedia satirica, un aggrovigliato giallo esistenziale che intreccia la follia di Paul allo smarrimento e al candore di una sua nipote arrivata fresca fresca da Israele (la guerra non ha confini) per aiutare gli homeless (gli attori sono i poco noti ma valenti, specie lei, John Diehl e Michelle Williams). Con personaggi simili non si va molto lontano, e Wenders si attarda in una scontata descrizione d'ambiente (i pittoreschi aiutanti di Paul, il mondo invisibile dei senzatetto, le tristi mail in arrivo da Tel Aviv) prima di arrivare al dunque. Ovvero alla fallimentare missione affrontata da Paul che lo farà prima comicamente e poi dolorosamente rinsavire, aprendogli (aprendoci) gli occhi sui veri rischi che corre l'America oggi. Ok, messaggio ricevuto chiaro e forte. Ma se un maestro sbaglia così clamorosamente un film, non sarebbe più giusto escluderlo almeno dal concorso?" (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 10 settembre 2004) "Vecchio innamorato dell'America, anche Wenders è stato colpito intimamente da Ground Zero e ora, riflette sui cocci del sogno americano. Il risultato lascia alquanto perplessi. (...) Così Wenders finisce per cadere nella trappola che era riuscito a evitare ai tempi del suo film migliore, 'Alice nelle città'; dove il rapporto di scambio tra l'adulto e la ragazzina era ricco di emozione senza slittare nel patetico, mentre qui l'epilogo mira a farci tirar fuori i fazzoletti." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 10 settembre 2004)

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica