SCHEDA FILM

La sultana Safiyè

Anno: 1953 Durata: - Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:AVVENTURA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:MARIO TROMBETTI (ROMA)- EFI KOLEKTIF SIRKET PER EFIKAL (ISTAMBUL)

Distribuzione:LYRA FILM

TRAMA

Durante un ricevimento offerto, a Venezia, ad un'ambasciata turca Cecilia Vernier, bella e nobile fanciulla ventenne, attira l'attenzione di un dignitario turco, che la fa rapire e condurre a Istambul, dove essa viene presentata al giovane e raffinato Murad, figlio del Sultano. Spinta dall'ambizione, ella acconsente a sposare Murad, che la tiene come moglie favorita col nome di Safiyé (la pura). La sua condizione privilegiata desta le gelosie delle altre donne dell'harem e attira su di lei l'odio della madre di Murad, che tende alla veneziana molte insidie. I turchi intanto attaccano le repubbliche marinare e conquistano Cipro e Paro; ma vengono in seguito sconfitti da veneziani, genovesi e spagnoli, mentre, morto il vecchio sultano, Murad sale al trono. Ora Safiyé può far valere la sua forte personalità: dal segreto dell'harem ella dirige la politica dell'Impero Ottomano esercitando la sua influenza sui rapporti veneto-turchi. Il gran visir, che è stato sempre un fautore della pace, accoglie volentieri un'ambasceria veneta, capeggiata da Marco, giovane patrizio, innamorato di Cecilia. Questa è sempre più convinta che a lei sia affidata la missione di fare da intermediaria tra l'antica e la nuova patria. Gravi e tragici avvenimenti si succedono a Costantinopoli: il gran visir viene ucciso per mandato della madre di Murad, la quale successivamente incontra ella stessa una morte violenta. Venuto a mancare anche Murad a Safiyè, divenuta Sultana Madre, incombe il compito di educare il giovane figlio Mehemet che dovrà reggere un giorno il vasto impero. Da Costantinopoli ella lancia intanto il suo messaggio di pace.

CRITICA

"L'iniziativa di narrare la storia della sultana Safiyé e di realizzare il film in esterni ed interni che hanno l'innegabile pregio dell'autenticità non era affatto sbagliata. Ma al film mancano molte cose: innanzitutto il colore (...)". (U. Tani, "Intermezzo", n. 14/15 del 15/8/1955).

Trova Cinema

Box office
dal 11 al 14 luglio

Incasso in euro

  1. 1. Arrivederci professore  515.484
    Arrivederci professore

    Quando Richard, professore universitario di mezz'età, scopre di avere un cancro allo stadio terminale, decide di rivoluzionare la sua vita e godersi a pieno il tempo che gli rimane. La sua complicata relazione sentimentale ...

  2. 2. Pets 2 - Vita Da Animali  478.576
  3. 3. Aladdin  370.377
  4. 4. La Bambola Assassina  302.746
  5. 5. X-Men: Dark Phoenix  283.069
  6. 6. Il traditore  145.432
  7. 7. I morti non muoiono  137.394
  8. 8. Rapina a Stoccolma  95.631
  9. 9. Godzilla 2  91.006
  10. 10. Il grande salto  54.683

Tutta la classifica