La strada lunga un anno1957

SCHEDA FILM

La strada lunga un anno

Anno: 1957 Durata: 138 Origine: JUGOSLAVIA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO, SOCIALE

Regia:Giuseppe De Santis

Specifiche tecniche:ULTRASCOPE

Tratto da:-

Produzione:IVO VRHOVEC PER JARDAN FILM (ZAGABRIA)

Distribuzione:CINO DEL DUCA (1958)

 

MONTAGGIO

Tesija, Boris
 

SCENOGRAFIA

Zagota, Zelimir

TRAMA

In un piccolo e poverissimo paese di montagna sembrano non esserci speranze per il futuro. Manca il lavoro e non ci sono soldi per alcun tipo di impresa. Un giorno, però, uno degli abitanti del villaggio, Guglielmo, che ha moglie e figli ma non ha un lavoro per provvedere loro, ha un'idea: dare comunque inizio alla costruzione di una strada che colleghi il paese al mare. In poco tempo tutto gli abitanti del paese sono in fermento e molti altri accorrono per partecipare al lavoro, ritenendolo autorizzato dal Comune. Quando però scoprono che la strada è un'iniziativa di Guglielmo, all'entusiasmo subentra la delusione. Uno strano vagabondo, soprannominato "Chiacchiera" però rasserena gli animi e convince tutti che ha ragione Guglielmo: quando la strada sarà finita, qualcuno pagherà. Ma gli ostacoli da superare sono molti. I contadini protestano per l'espropriazione della terra e il sindaco minaccia di far interrompere i lavori con la forza. Quando interviene la polizia e arresta gli uomini per uso improprio di esplosivi, sono le donne a dare inizio alla protesta. Gli uomini vengono scarcerati e il sindaco, visto che il Governo non è disposto a sovvenzionare i lavori, è costretto a dimettersi. Il nuovo sindaco, che era il vecchio maestro elementare, dopo molte indecisioni si schiera a favore dei suoi concittadini e si trova il modo di ottenere i soldi per costruire la strada. Si devono far pagare le tasse a quanti, appellandosi a privilegi feudali, non le hanno mai versate. Per il paese inizia un'epoca nuova.

CRITICA

"Il film, prolisso e verboso, s'ispira a quella retorica che caratterizzò in altri tempi alcune opere con pretese di carattere sociale. Vicende e personaggi rivelano il tono convenzionale di una tesi precostituita, fondata sulla ricerca demagogica di un certo tipo di giustizia sociale. La regia s'attarda in lungaggini inutili e la recitazione s'adegua agli atteggiamenti enfatici dei personaggi." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 45, 1959)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica