SCHEDA FILM

La sera della prima

Anno: 1977 Durata: 144 Origine: USA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM - METROCOLOR

Tratto da:-

Produzione:AL RUBAN PER FACES

Distribuzione:IMPEGNO REAK IMPEGNO (1979) - MAGNUM 3B

TRAMA

Celebre attrice ormai prossima all'età critica, Myrthle Gordon sta provando in provincia, in attesa di portarla a New York, una commedia la cui protagonista è per l'appunto una cinquantenne, su cui pesano gli anni e il rimpianto della giovinezza perduta. Myrthle, però, si sente più giovane del suo personaggio, teme di non poterne condividere le angosce e, quindi, di non poter avere, interpretandolo senza "sentirlo", quel successo cui tiene moltissimo. Ad accrescere il suo tormento sopravviene la morte, in uno stupido incidente stradale, di una sua giovanissima fan, Nancy. La crisi di Myrthle, che nella tragica fine della ragazza identifica quella dei propri anni migliori, si aggrava: l'attrice cerca rifugio nell'alcool e nel fumo, piange, trascura le prove, ha allucinazioni durante le quali le appare Nancy, a renderle anch'essa la vita impossibile. Nessun aiuto le viene dai compagni di lavoro, che pensano ai capricci di una diva, né le giova una seduta spiritica cui si sottopone per compiacere l'autrice della commedia. Finalmente, in casa di un'esorcista, Myrthle riesce a liberarsi del fantasma di Nancy, "uccidendolo". E' la guarigione: benché terribilmente sbronza, Myrthle trova la forza di presentarsi al pubblico la sera della "prima". Il testo che recita non è tuttavia quello del copione, è improvvisato seguendo ciò che il cuore detta. Gli spettatori non se ne accorgono, credono che reciti meravigliosamente, scrosciano gli applausi.

CRITICA

"A differenza di 'Minnie e Moskowitz' e di 'Una moglie' che mantenevano i torni della commedia in un quadro di minuto realismo, la sera della prima corre invece lungo i binari del dramma psicologico tutto imperniato su un lacerante conflitto interiore. Gli intarsi non sono sempre ben intagliati, qua e là mostrano qualche spigolosità e qualche crepa, ma la regia di Cassavetes e l'interpretazione della Rowlands riescono comunque a dar smalto e lucentezza a un film di raffinata eleganza e di morbida sensualità." (Enzo Natta, 'Il Nostro Cinema') "(...) Per lo spettatore attento sono tanti i pregi del film; l'immagine patetica, anche nelle sue meschinità, della nevrosi della protagonista; la descrizione del mondo del teatro che, durante le prove della commedia, emerge con tutti i suoi calcoli e le sue passioni frustrate; la morale ultima che il successo droga, e il risveglio non ha sapore di speranza. Questo e altro Cassavetes ha saputo amalgamare con uno stile mai forzato, e che nelle scene teatrali sa di improvvisazione, tanto che l'opera ha un che di compatto e di risolto quale non si avvertiva negli altri film de regista. Myrtle, col cuore in gola, supererà con orgoglio di attrice il fatidico appuntamento della 'prima', ma poi? Il labirinto della crisi è lungo, l'uscita lontana. Accanto alla Rowlands, perfetta nella scelta dei registri e nella dosatura degli effetti, sono Ben Gazzarra (il regista) la rediviva e irriconoscibile Joan Blondell (l'autrice della commedia da rappresentare) e lo stesso Cassavetes nella parte di Maurice." (Alfio Cantelli, 'Il Giornale')

Trova Cinema

Box office
dal 6 al 9 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Odio l'estate  3.080.987
    Odio l'estate

    Le regole per una vacanza perfetta: non si parte senza il canotto, non si parte senza il cane, ma soprattutto non si prenota la stessa casa. Aldo Giovanni e Giacomo partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potr...

  2. 2. Dolittle  2.016.854
  3. 3. 1917  1.523.182
  4. 4. Figli  832.589
  5. 5. Jojo Rabbit  659.679
  6. 6. Il diritto di opporsi  548.856
  7. 7. Me contro te il film - La Vendetta del Signor S  498.415
  8. 8. Piccole Donne  371.689
  9. 9. Judy  311.881
  10. 10. Underwater  249.313

Tutta la classifica