La scorta1993

SCHEDA FILM

La scorta

Anno: 1993 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: C

Genere:DRAMMATICO

Regia:Ricky Tognazzi

Specifiche tecniche:PANORAMICA A COLORI

Tratto da:un'idea di Stefano Sidrié e Gianni Romoli

Produzione:CLAUDIO BONIVENTO PRODUCTION

Distribuzione:ISTITUTO LUCE ITALNOLEGGIO CINEMATOGRAFICO - PENTAVIDEO, MEDUSA VIDEO (PEPITE)

ATTORI

Claudio Amendola nel ruolo di Angelo Mandolesi
Enrico Lo Verso nel ruolo di Andrea Corsale
Carlo Cecchi nel ruolo di Giudice Michele De Francesco
Ricky Memphis nel ruolo di Fabio Muzzi
Tony Sperandeo nel ruolo di Raffaele Frasca
Ugo Conti nel ruolo di Nicola, l'autista
Lorenza Indovina nel ruolo di Lia Corsale
Francesca D'Aloja nel ruolo di Anna Spano
Leo Gullotta nel ruolo di Polizzi, il cancelliere
Angelo Infanti nel ruolo di Giudice Barresi
Rita Savagnone nel ruolo di Mamma di Angelo
Giovanni Alamia nel ruolo di Nino Carabba
Luigi Maria Burruano nel ruolo di Informatore
Giacinto Ferro nel ruolo di On. Nestore Bonura
Nunzia Greco nel ruolo di Moglie dell'onorevole Bonura
Guia Jelo nel ruolo di Rosalia Carabba
Giovanni Pallavicino nel ruolo di Padre Virzì
Benedetto Raneli nel ruolo di Presidente Caruso
Francesco Siciliano nel ruolo di Agente Marchetti
Elda Alvigini nel ruolo di Milena
Santi Bellina nel ruolo di Salvatore Genna
Claudia Bonivento nel ruolo di Roberta De Francesco
Davide Gavino Cannas nel ruolo di Davide Corsale
Marco Magnesia nel ruolo di Mattia Corsale
Salvo Mangione nel ruolo di Magistrato
Mimmo Mignemi nel ruolo di Maresciallo
Antonio Pensabene nel ruolo di Vice prefetto Scavrone
Claudio Spadaro nel ruolo di Farina
Maurizio Romoli nel ruolo di Giudice Pollara
Ninni Picone nel ruolo di Bidello
Simona Izzo nel ruolo di Moglie del giudice
 
 
 

SCENOGRAFIA

Capuano, Mariangela
 
 

TRAMA

In seguito all'uccisione del sostituto procuratore Rizzo e del maresciallo Virzì, giunge a Trapani il magistrato Michele de Francesco. La sua scorta si compone di Angelo, originario del luogo, amico del maresciallo ucciso e deciso a far giustizia; di Andrea, capo scorta trapanese; di Fabio, un romano che mal accetta il rischioso incarico, ed i due autisti, Raffaele e Nicola. Ben presto il magistrato, indagando sull'approvvigionamento idrico della città e sulla costruzione di una grande diga, scopre pericolose collusioni tra mafia, politica e forze dell'ordine, nelle persone dell'onorevole Nestore Bonura, del Vice Prefetto Scavone e del boss Mazzaria. La decisione di chiudere i pozzi che riforniscono la città provoca uno scandalo al quale De Francesco decide di ripararsi, conferendo agli uomini della scorta poteri e prerogative che esautorano, di fatto, il personale della Procura, di cui l'ambiguo Polizzi sembra la probabile talpa. Dopo iniziali dissapori tra Angelo e Andrea, tra gli uomini della scorta nasce un'amicizia sempre più intensa, nel mezzo di un'odissea quotidiana fatta di estenuanti controlli telefonici, rischiosi spostamenti in auto, minacce. La figlioletta del giudice, giunta a Trapani per festeggiare il suo compleanno col padre, scampa miracolosamente ad un attentato dinamitardo alla vettura su cui doveva viaggiare. Muore così l'autista Raffaele. L'incalzare dell'inchiesta porta anche all'uccisione, da parte di Cosa Nostra, di Bonura, orami stretto da prove schiaccianti, nonostante l'omertà di un collega ed amico di De Francesco, il giudice Barresi di Caltanissetta. A nulla vale la rabbia degli uomini di scorta, che, ormai entrati in sintonia col magistrato, decidono, nonostante tutto, di rimanergli al fianco, compreso Fabio che rinuncerebbe persino al sospirato trasferimento. Un'ordinanza della magistratura trasferisce però d'ufficio il giudice, accusandolo di aver usato la scorta al di là dei suoi specifici compiti, di aver turbato l'ordine pubblico nonché offeso il prestigio del personale della Procura. Costretto dagli eventi De Francesco s'imbarca per il continente salutato dagli uomini della sua scorta che non l'hanno mai tradito.

CRITICA

"Interessante, ben girato all'americana con uno stile nervoso e dinamico, 'La scorta' si concede molte licenze narrative rispetto alla realtà. Claudio Amendola e Enrico Lo Verso sono molto efficaci." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 16 aprile 1993). "La forza della sua descrizione sta nella semplicità, nel ritmo, nell'umanità dell'osservazione, nella plausibilità delle psicologie. I puristi potranno osservare che non è invece molto plausibile che una scorta stia in servizio ventiquattro ore su ventiquattro, né che venga comandata alle indagini. Ma sono difetti minori che si perdonano volentieri a un film stringato ed efficace mai retorico, benissimo girato - se non suonasse male si potrebbe dire 'all'americana' - fotografato splendidamente ma senza bellurie da Alessio Gelsini. Semmai, si potrebbe suggerire a Ricky Tognazzi di avere più fiducia in se stesso. Le emozioni della sua storia semplice sarebbero arrivate ugualmente a segno anche con un uso più parsimonioso della colonna musicale morriconiana che copre tutto il film rischiando di uniformarne i sapori." (Irene Bignardi, 'la Repubblica', 17 aprile 1993). "Fra gli interpreti, un po' condizionati dalla convenzionalità dei caratteri, spicca il funzionario che fa Leo Gullotta ambiguo, servile, minaccioso." (Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera', 17 aprile 1993). "Concorre ai meriti della regia un'interpretazione sapientemente contenuta e meditata, in cifre di intensa ma sempre sobria umanità." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo').

Trova Cinema

Box office
dal 20 al 23 febbraio

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  2.396.109
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Sonic. Il film  1.445.090
  3. 3. Parasite  1.401.083
  4. 4. Odio l'estate  980.701
  5. 6. Dolittle  586.384
  6. 7. 1917  451.440
  7. 8. Fantasy Island  351.059
  8. 9. Jojo Rabbit  199.387
  9. 10. Il diritto di opporsi  114.843

Tutta la classifica