SCHEDA FILM

LA RAGAZZA DI VIA VENETO

Anno: 1955 Durata: 95 Origine: ITALIA Colore: -

Genere:COMMEDIA

Regia:-

Specifiche tecniche:-

Tratto da:-

Produzione:BRUNO BOLOGNESI PER LA APE FILM

Distribuzione:RKO

TRAMA

Anita e Spartaco sono due giovani trasteverini di modesta condizione: Anita fa la stiratrice e Spartaco lavora in una macelleria. I due giovani si vogliono bene, ma non sono contenti della loro condizione. Anita sogna di diventare, col tempo, un'attrice cinematografica e intanto vorrebbe fare l'indossatrice. Spartaco, pugile dilettante, sogna di divenire professionista, d'affermarsi nel ring e poi sposare Anita e farla vivere in mezzo agli agi ed alle soddisfazioni della ricchezza. All'insaputa di Spartaco, Anita tenta ripetutamente di uscire dalle strettoie della sua modesta esistenza e questo anche per venir in aiuto a suo padre, che da tanti anni fa il vetturino e vorrebbe comperare un taxi. Ma Spartaco si oppone sistematicamente al progetti di Anita e li manda all'aria. Una sera, mentre Anita, in un dancing, sta per essere proclamata vincitrice in una gara di ballo, arriva Spartaco e fa il guastafeste. Allettata dalle promesse di un pseudoproduttore cinematografico, Anita sta per debuttare in un film, ma Spartaco coi suoi amici manda all'aria la ripresa. Anita ne è addoloratissima, perché non potrà aiutare suo padre, che ha venduto la carrozzella, ed ora non potrà comperare il taxi. Spartaco, che si sente responsabile della rovina che minaccia la famiglia di Anita, vuol porvi rimedio e tenta di guadagnare la somma necessaria vincendo un match di boxe, ma viene sconfitto. Allora vende la sua motocicletta e con l'aiuto degli amici mette insieme i denari, che ci vogliono. I due giovani hanno aperto gli occhi: Anita torna pentita alla stireria, Spartaco ha compreso che non basta la buona volontà per divenire un pugile professionista. Le delusioni li hanno riavvicinati lavoreranno e si sposeranno, rimanendo nel loro ambiente semplice, ma schietto ed onesto.

CRITICA

"Modestissimo film di scarso valore, realizzato senza impegno e basato su situazioni poco credibili. La Caglio (quella del caso "Montesi"), abbastanza disinvolta, non è fotogenica né espressiva". (A. Albertazzi, "Intermezzo", 3, 15/2/1957).

Trova Cinema

Box office
dal 7 al 10 novembre

Incasso in euro

  1. 1. C'era una volta a... Hollywood  2.154.428
    C'era una volta a... Hollywood

    Ambientato nel 1969, nei giorni precedenti l'efferato omicidio di Bel Air compiuto dalla "Manson Family". La storia segue la vicenda dell'ex star western Rick Dalton e sulla sua controfigura, che cercano la loro svolta in u...

  2. 2. Ad Astra  816.156
  3. 3. Rambo - Last Blood  727.758
  4. 4. Yesterday  472.787
  5. 5. Dora e la città perduta  417.098
  6. 6. Il Re Leone  352.096
  7. 7. Shaun Vita da Pecora - Farmageddon. Il film  301.668
  8. 8. Vivere  248.544
  9. 9. Tutta un'altra vita  199.517
  10. 10. It - Capitolo Due  194.530

Tutta la classifica