SCHEDA FILM

La prima donna che passa

Anno: 1940 Durata: 82 Origine: ITALIA Colore: B/N

Genere:DRAMMATICO

Regia:Max Neufeld

Specifiche tecniche:35 MM (1:1.37)

Tratto da:-

Produzione:ITALCINE

Distribuzione:I.C.I.

ATTORI

Alida Valli nel ruolo di Gabriella de Vervins
Carlo Lombardi nel ruolo di Duca di Richelieu
Niní Gordini Cervi nel ruolo di Marchesa de Prie
Giuseppe Rinaldi nel ruolo di Raoul d'Aubigny
Lisa Varna nel ruolo di Marietta
Achille Majeroni nel ruolo di Vescovo di Fleury
Olinto Cristina nel ruolo di Conte di Vervins
Guglielmo Barnabò nel ruolo di Console d'Auvray
Giuseppe Pierozzi nel ruolo di Duca di Borbone
Renato Malavasi nel ruolo di Andrea
Augusto Marcacci nel ruolo di Governatore Delaroche
Emilio Petacci nel ruolo di Lagrange
Mario Giannini nel ruolo di Luigi XV
Giulia Domini nel ruolo di Madame Charolais
Eugenio Duse nel ruolo di Piccard
Luigi Erminio D'Olivo nel ruolo di d'Aumont
Aristide Garbini nel ruolo di Thibaut
Angelo Dessy nel ruolo di Inserviente
Anna Berni
Giovanni Petti
Giulio Dani
Michele Malaspina
Olga von Kollar
 

SCENEGGIATORE

De Stefani, Alessandro
 
 

MONTAGGIO

Zampi, Vincenzo
 

SCENOGRAFIA

Scotti, Ottavio
 

COSTUMISTA

Carafa, Fabrizio

TRAMA

Presso la corte di Francia, verso la seconda metà del secolo XVII. Un galante primo ministro scommette mille scudi con due cortigiani, assicurando che prima della mezzanotte riuscirà a conquistare la prima donna che incontrerà in quel momento. Infatti, allo scadere del termine, davanti agli occhi sbalorditi dei suoi competitori, il ministro si affaccia dal balcone della fanciulla incontrata per caso e la mattina seguente, uscendo dal palazzo che ospita la fanciulla, riscuote la posta. Ma si trattava di un inganno giocato allo stesso ministro da una dama potentissima, da lui abbandonata. La fanciulla che il galante diplomatico aveva incontrato si trovava nella stessa notte a Parigi e nel palazzo ospitale c'era invece la dama vendicativa. Il fidanzato della ragazza, avendo creduto alle dicerie in giro, sfida il ministro a duello mentre questi e tutti i suoi sostenitori cadono in disgrazia. Tuttavia, prima di costituirsi alle guardie del Re, il ministro proclama l'innocenza della fanciulla.

CRITICA

"Questa volta, invece di una delle solite operette cinematografiche, Neufeld ha diretto un film in costume, un film storico di ambientazione settecentesca. L'intonazione è tuttavia galante e scherzosa, per quanto assai più compassata, forse per rispetto alla storia e a quelle venerabili parrucche, che non nei suoi film "moderni". (...) Il film è inscenato con molta cura e senza risparmio di mezzi, seppure con qualche convenzionalità negli sviluppi. Protagonista femminile è Alida Valli assai bella come sempre, vivace e briosa. (...)". (Alberto Ceretto, 'Gazzetta del Popolo', 7 novembre 1940)

Trova Cinema

Box office
dal 26 al 29 marzo

Incasso in euro

  1. 1. Gli anni più belli  1.196.456
    Gli anni più belli

    Quattro ragazzi, cresciuti nel centro di Roma ma con estrazioni sociali diverse, vedranno le loro vite evolvere in maniere e direzioni anche sorprendenti, tra delusioni e riscatti....

  2. 2. Bad Boys for Life  882.185
  3. 3. Il richiamo della foresta  680.273
  4. 4. Parasite  605.719
  5. 5. Sonic. Il film  499.216
  6. 6. Odio l'estate  264.761
  7. 7. Cattive acque  263.009
  8. 8. La mia banda suona il pop  240.521
  9. 9. Dolittle  123.234

Tutta la classifica