La mala educaci?n2004

SCHEDA FILM

La mala educación

Anno: 2004 Durata: 105 Origine: SPAGNA Colore: C

Genere:COMMEDIA, SENTIMENTALE, THRILLER

Regia:-

Specifiche tecniche:35 MM, PANAVISION

Tratto da:-

Produzione:AUGUSTIN E PEDRO ALMOD??VAR PER EL DESEO S.A.

Distribuzione:WARNER BROS. ITALIA

TRAMA

All'inizio degli anni '60, in un collegio religioso, due ragazzi, Ignacio e Enrique, scoprono l'amore, il cinema e la paura. Testimone e parte attiva delle loro scoperte è Padre Manolo, direttore del collegio e professore di Letteratura. I tre personaggi si incontreranno altre due volte nel corso della vita: alla fine degli anni '70 e nell'80. Questi incontri segneranno la vita e la morte di alcuni di loro.

CRITICA

"Un film fatto per chiudere i conti con la propria infanzia, anche se Almodovar più che di sé parla della Spagna, della fine del franchismo e di quel bagno improvviso di libertà in cui molti si bruciarono le ali. Una storia di passioni rovinose ed estreme, di preti che seducono bambini, di ragazzi che seducono adulti, di fratelli che prendono il posto di altri fratelli, per invidia, per ambizione, per gelosia. In una catena di amori e vendette in cui nessuno è veramente innocente ma nemmeno i peggiori sono del tutto colpevoli, perché ogni boia può nascondere una vittima (e viceversa), solo la droga è il male assoluto, tutto o quasi si può fare in nome della passione. Che è anche la parola da cui viene invaso lo schermo nell'ultima scena de 'La mala educaciòn'. Un film così profondamente gay che i personaggi sono tutti di sesso maschile con le fugaci eccezioni di tre figure ancillari, una madre anziana, una nonna decrepita e una sarta che compare pochi attimi sul set del film nel film. Perché 'La cattiva educazione', titolo da prendere alla lettera, è anche un irriferibile racconto a scatole cinesi; un film-matrjoska pieno non solo di travestimenti e ricatti, ma di storie che contengono altre storie, di racconti che diventano film, di citazioni di ogni tipo, com'è da sempre nello stile cinefilo di Almodovar. Anche se qui il cinema, oltre che selvaggia scuola d'arte e di vita, diventa specchio, rifugio, luogo di iniziazione sessuale. Nonché mestiere di uno dei due protagonisti, regista alla Almodovar (con le dovute differenze), che un giorno si vede consegnare da un ex compagno di scuola, suo primo amore, il racconto neanche troppo fantasioso della cattiva educazione ricevuta dai preti. (...) Questa storia tutto sommato lineare ne nasconde una assai più torbida, un intricatissimo noir in cui la dark lady è un maschio, il messicano Gael Garcia Bernal, che interpreta sia il misterioso attore-scrittore sia il travestito con un'innocenza e un trasporto che danno anche alle più esplicite scene gay un pathos inconsueto perfino per Almodovar. Magari 'Tutto su mia madre' e 'Parla con lei' erano meno soffocanti, più nuovi, emozionanti e vitali. Magari il vertiginoso gioco di specchi de 'La mala educaciòn' risulta più privato, meno sorprendente. Ma forse è presto per dirlo, film così vanno meditati, metabolizzati, ne riparleremo alla fine del festival." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 13 maggio 2004) "'La mala educación' è un film incantevole che partendo da uno spunto autobiografico, i dolori del giovane Pedro nei collegi dei preti anni '60, attinge a una sfrenata fantasia romanzesca. (...) Spazia tra passato e presente divertendosi a sottolineare come la vita si trasforma in melò e viceversa, propone inganni molteplici, scambi di persona, ritorni di personaggi spariti e sparizione di altri. Sul piano della narrazione Almodóvar sfoggia un'abilità da giocoliere, a volte sfidando la logica e la credibilità, ma ci mette un tocco ironico e perfino ilare che impreziosisce l' assunto tragico; e anche un palpito assolutorio che coinvolge i personaggi più negativi. Non esistono cattivi, solo esseri umani travolti dalla passione, la parola chiave della poetica di Pedro che non a caso risuona a suggello del film. I torbidi ricordi sono riscattati dalla tolleranza che viene con la maturità, le scene di violenta attrazione omosessuale (qui le donne contano poco) sono presentate con garbata naturalezza. Fra gli interpreti, tutti perfetti, spicca Gael García Bernal in una triplice incarnazione toccante e virtuosistica." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 13 maggio 2004) "Un Pedro Almodovar con alle spalle i suoi film migliori riesce a ritrovare una certa freschezza nel rinfrescare idee altrui, attingendo cioè a classici e non classici del cinema, come nella 'Mala educaciòn', presentato fuori concorso all'ultimo Festival di Cannes senza ripetere l'accoglienza di 'Tutto su mia madre'. (...) La parte migliore del film è l'inizio, la descrizi

Trova Cinema

Box office
dal 12 al 15 settembre

Incasso in euro

  1. 1. Spider-Man: Far From Home  1.485.131
    Spider-Man: Far From Home

    Peter Parker decide di partire per una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e con il resto del gruppo. I propositi di Peter di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane vengono meno quando deci...

  2. 2. Serenity - L'isola dell'inganno  388.748
  3. 3. Edison - L'uomo che illuminò il mondo  384.234
  4. 4. Toy Story 4  258.275
  5. 5. Annabelle 3  231.470
  6. 6. Birba - Micio combinaguai  86.541
  7. 7. Domino  65.754
  8. 8. Aladdin  46.374
  9. 9. Pets 2 - Vita Da Animali  41.309
  10. 10. Nureyev. The White Crow  33.441

Tutta la classifica